Professioni Sanitarie 14 Gennaio 2019

Ostetricia, alla professione riconosciuti tre master. Vaccari (Fnopo): «Con quello di famiglia colmiamo vuoto a livello territoriale»

La vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetricia sottolinea: «Obiettivo creare nuovi posti di lavoro e soprattutto e produrre risposte ferme e culturalmente supportate da evidenze scientifiche agli attuali bisogni di salute»

di Isabella Faggiano

Dopo sei anni di lavoro si aprono nuove prospettive per le professioniste ostetriche, non solo in tema di preparazione ma anche di sbocchi professionali. Approvati tre master che andranno ad ampliare l’offerta post-laurea della categoria: Ostetricia di famiglia e di comunità, Ostetricia nella patologia della riproduzione umana di coppia (Pma) e Ostetricia e riabilitazione del pavimento pelvico. «Abbiamo deciso di proporre questi tre master dopo un’indagine attenta ed accurata delle richieste sia dei professionisti che dei cittadini», ha commentato Silvia Vaccari, vice presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica, Fnopo.

Il via libera ai nuovi percorsi di studi post-laurea è arrivato congiuntamente dal Miur e dal ministero della Salute, individuando oltre 90 master suddivisi tra: trasversali, interprofessionali e specialistici per ciascuna professione. «I nostri interventi e le nostre proposte – ha spiegato Vaccari – sono stati sempre elaborati alla luce di tre direttrici fondamentali: la non invasione di campo di altre professioni, la non replicabilità della formazione di base e infine la spendibilità del titolo acquisito sul mercato del lavoro. Questo anche per una migliore e più efficace offerta di cura che vogliamo offrire alle donne».

LEGGI ANCHE: CARENZA INFERMIERI, LA PROPOSTA FNOPO: RESTITUIAMO A SOLE OSTETRICHE LA CURA DELLE DONNE NELLE AREE MATERNO-INFANTILI

Le ostetriche che sceglieranno questi nuovi percorsi post-laurea, grazie alle nuove competenze acquisite, andranno a colmare evidenti vuoti assistenziali che ancora persistono a livello territoriale. «L’ostetricia di comunità, ad esempio – ha sottolineato la vice presidente della Fnopo – va a riempire quel gap che c’è tra la dimissione dopo il parto e la vita reale della neomanna, fatta spesso pure di solitudine». Anche la scelta di dedicare un master alla riabilitazione del pavimento pelvico non è affatto casuale: «La prima professionista che intercetta la donna e i suoi bisogni è l’ostetrica – ha aggiunto Vaccari -. Incontra le pazienti nei vari ambulatori, ma anche nella vita di tutti i giorni, seguendole in gravidanza, nel post parto e nell’età matura».

Formare professioniste esperte in Procreazione medicalmente assistita (Pma) è, invece, una risposta ad evidenti cambiamenti sociali e culturali: «Da un lato – ha detto la vice presidente della Federazione – le donne ricercano la gravidanza molto più tardi rispetto al passato, dall’altro, oggi, c’è uno studio molto più attento della sterilità di coppia. Pertanto, l’ostetrica è sicuramente una delle figure più idonee ad accompagnare la donna lungo questo percorso».

Ottenuto il benestare del Miur, ora, bisognerà attendere che questi master diventino pienamente operativi e presenti nei vari piani di offerta formativa degli atenei italiani: «Insieme a professionisti del settore e professori ordinari stiamo già costruendo lo schema dei Cfu – i crediti formativi universitari – e verificando gli eventuali bisogni degli studenti che affronteranno percorsi di studio di questo tipo». Sui tempi di realizzazione non c’è una data certa: non è escluso che possano essere inaugurati già durante il prossimo anno accademico. Ma al di là della data di inizio, la vice presidente della Fnopo ne ha assicurato la validità: «La proposta di questi tre master ha una doppia utilità: creare nuovi posti di lavoro e soprattutto – ha concluso –  produrre risposte ferme e culturalmente supportate da evidenze scientifiche agli attuali bisogni di salute».

 

Articoli correlati
Coronavirus, Fnopo: «Grazie a tutte le ostetriche che garantiscono assistenza alle donne in gravidanza»
«Le ostetriche continuano a essere garanti di un’assistenza vigile e sicura nei reparti e nei Pronto soccorso di ostetricia e ginecologia, nelle sale travaglio-parto, nelle sale operatorie e in tutti i percorsi dedicati all’assistenza alle donne, soprattutto là dove l’assistenza anestesiologica alla parto-analgesia attualmente può venire a mancare, in quanto gli anestesisti sono impegnati all’interno […]
Coronavirus, Fnopo: «Gia ora 680 infermieri possono essere richiamati dall’area materno infantile»
«Basta, non è più tempo delle indecisioni. Occorre dare subito delle risposte ai professionisti sanitari, e ai cittadini: ai primi perché ne sia potenziato l’organico ormai quasi decimato, ai secondi per garantirne assistenza e cura in un momento così drammatico, a seguito della pandemia da Coronavirus» annunciano i vertici della Federazione Nazionale degli Ordini della […]
Cesareo vs parto naturale, libera scelta o decisione del medico? Il caso della Gran Bretagna raccontato dalla giornalista Clare Wilson
La Wilson sostiene con convinzione la libertà di scelta delle mamme, ed il "maternity scandal" che si è verificato nel Regno Unito sta cambiando l'approccio degli inglesi al tema delle nascite. In Italia, in assenza di una appropriata indicazione clinica, il medico ha il diritto di rifiutare una richiesta di taglio cesareo programmato
La FNOPO incontra Speranza: «Ostetriche anche negli studi di medici di famiglia e pediatri»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica ha registrato la massima attenzione del Ministro alle istanze della categoria. E ha chiesto il ritorno ad un percorso formativo quinquennale
Giornata contro la violenza sulle donne, le ostetriche: il 30% dei maltrattamenti ha inizio in gravidanza
Aumentano negli ultimi cinque anni le violenze sessuali denunciate: 4.886 unità nel 2018, con una crescita del 5,4% sul 2017. La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO): «Ostetriche da sempre sentinelle di episodi di violenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 7 aprile, sono 1.348.628 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 74.834 i decessi e 285.064 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...