Professioni Sanitarie 14 gennaio 2019

Ostetricia, alla professione riconosciuti tre master. Vaccari (Fnopo): «Con quello di famiglia colmiamo vuoto a livello territoriale»

La vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetricia sottolinea: «Obiettivo creare nuovi posti di lavoro e soprattutto e produrre risposte ferme e culturalmente supportate da evidenze scientifiche agli attuali bisogni di salute»

di Isabella Faggiano

Dopo sei anni di lavoro si aprono nuove prospettive per le professioniste ostetriche, non solo in tema di preparazione ma anche di sbocchi professionali. Approvati tre master che andranno ad ampliare l’offerta post-laurea della categoria: Ostetricia di famiglia e di comunità, Ostetricia nella patologia della riproduzione umana di coppia (Pma) e Ostetricia e riabilitazione del pavimento pelvico. «Abbiamo deciso di proporre questi tre master dopo un’indagine attenta ed accurata delle richieste sia dei professionisti che dei cittadini», ha commentato Silvia Vaccari, vice presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica, Fnopo.

Il via libera ai nuovi percorsi di studi post-laurea è arrivato congiuntamente dal Miur e dal ministero della Salute, individuando oltre 90 master suddivisi tra: trasversali, interprofessionali e specialistici per ciascuna professione. «I nostri interventi e le nostre proposte – ha spiegato Vaccari – sono stati sempre elaborati alla luce di tre direttrici fondamentali: la non invasione di campo di altre professioni, la non replicabilità della formazione di base e infine la spendibilità del titolo acquisito sul mercato del lavoro. Questo anche per una migliore e più efficace offerta di cura che vogliamo offrire alle donne».

LEGGI ANCHE: CARENZA INFERMIERI, LA PROPOSTA FNOPO: RESTITUIAMO A SOLE OSTETRICHE LA CURA DELLE DONNE NELLE AREE MATERNO-INFANTILI

Le ostetriche che sceglieranno questi nuovi percorsi post-laurea, grazie alle nuove competenze acquisite, andranno a colmare evidenti vuoti assistenziali che ancora persistono a livello territoriale. «L’ostetricia di comunità, ad esempio – ha sottolineato la vice presidente della Fnopo – va a riempire quel gap che c’è tra la dimissione dopo il parto e la vita reale della neomanna, fatta spesso pure di solitudine». Anche la scelta di dedicare un master alla riabilitazione del pavimento pelvico non è affatto casuale: «La prima professionista che intercetta la donna e i suoi bisogni è l’ostetrica – ha aggiunto Vaccari -. Incontra le pazienti nei vari ambulatori, ma anche nella vita di tutti i giorni, seguendole in gravidanza, nel post parto e nell’età matura».

Formare professioniste esperte in Procreazione medicalmente assistita (Pma) è, invece, una risposta ad evidenti cambiamenti sociali e culturali: «Da un lato – ha detto la vice presidente della Federazione – le donne ricercano la gravidanza molto più tardi rispetto al passato, dall’altro, oggi, c’è uno studio molto più attento della sterilità di coppia. Pertanto, l’ostetrica è sicuramente una delle figure più idonee ad accompagnare la donna lungo questo percorso».

Ottenuto il benestare del Miur, ora, bisognerà attendere che questi master diventino pienamente operativi e presenti nei vari piani di offerta formativa degli atenei italiani: «Insieme a professionisti del settore e professori ordinari stiamo già costruendo lo schema dei Cfu – i crediti formativi universitari – e verificando gli eventuali bisogni degli studenti che affronteranno percorsi di studio di questo tipo». Sui tempi di realizzazione non c’è una data certa: non è escluso che possano essere inaugurati già durante il prossimo anno accademico. Ma al di là della data di inizio, la vice presidente della Fnopo ne ha assicurato la validità: «La proposta di questi tre master ha una doppia utilità: creare nuovi posti di lavoro e soprattutto – ha concluso –  produrre risposte ferme e culturalmente supportate da evidenze scientifiche agli attuali bisogni di salute».

 

Articoli correlati
Allattamento al seno: carente la formazione per il personale. Vicario (FNOPO): «Promuovere percorsi adeguati per professionisti di ogni ordine e grado»
«Sostenere l’allattamento materno significa garantire personale sanitario preparato, necessari percorsi formativi e una rete locale di professionisti competenti», ha affermato la presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica
di Lucia Oggianu
Cittadinanzattiva, Tonino Aceti lascia il coordinamento del Tribunale per i diritti del malato
Tonino Aceti lascia Cittadinzattiva e diventa il Portavoce della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI). Aceti ha ricoperto finora il ruolo di Coordinatore Nazionale del Tribunale per i diritti del malato e di Responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici di Cittadinanzattiva. È stato membro dell’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità presso il ministero […]
Ostetriche, Fnopo: «Incontro con rappresentanti politici della Regione Abruzzo bel segnale della politica»
«Come rappresentanti nazionali della Professione Ostetrica abbiamo ritenuto importante sostenere la richiesta dei presidenti degli Ordini provinciali della Regione Abruzzo, Cinzia Di Matteo (Chieti), Federica Sisani (L’Aquila), Annarita Lanciotti (Pescara) e Allegrina Di Giorgio (Teramo) affinché vi fosse un incontro regionale con i politici locali l’Assessore regionale alla Sanità, Silvio Paolucci, il Direttore dell’Agenzia Sanitaria […]
Ostetriche, in Italia sempre meno in organico. Nadia Rovelli (Milano): «Adottare modello di presa in carico della madre. Oggi 3 ostetriche per 3mila parti»
Nel nostro paese solo 16507 professioniste contro le 31mila della Gb. La presidente dell’Ordine della Professione Ostetrica interprovinciale di Bergamo, Cremona, Lodi, Milano, Monza Brianza sottolinea: «Oggi l’accordo Stato-Regioni prevede che ci sia una correlazione tra ostetriche e numero di parti, ma l’interpretazione della legge è lasciata alla discrezionalità delle varie aziende»
di Federica Bosco
Manovra di Kristeller, quel rischio “nascosto” del parto. Belli (Gestione rischio clinico): «Utilizzata per evitare cesareo ma spesso genera complicanze»
La pratica, inventata da un medico tedesco nel 1867, ancora oggi si usa durante la gestazione. Il professor Belli: «La manovra spesso non viene segnalata, mancano i codici ministeriali. Non essendo segnalabile, tutte le complicanze generate da questa manovra non vengono associate a questa pratica. Così impossibile risalire alle complicanze». Vescovi (Lega): «Sia effettuata in sicurezza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...