Professioni Sanitarie 11 Ottobre 2021 13:05

Ortottisti, per il World Sight Day puntiamo tutto sulla prevenzione

Fiore (AIOrAO): «Auspichiamo l’istituzione di un corso di laurea magistrale professionalizzante e speriamo di poter tornare presto nelle piazze italiane, a contatto diretto con i cittadini per sensibilizzarli sui problemi della vista»

di Isabella Faggiano

#LoveYourEyes è lo slogan che, in tutto il mondo, accompagnerà il World Sight Day, la giornata mondiale della Vista. «Prevenzione è la parola d’ordine dell’edizione 2021, così come lo è stata per quelle passate e lo sarà in futuro», assicura Daniela Fiore, presidente AIOrAO, l’Associazione Italiana Ortottisti Assistenti in Oftalmologia. La ricorrenza, che cade il secondo giovedì di ottobre di ogni anno (per il 2021 sarà il 14 ottobre) ha lo scopo di sensibilizzare e focalizzare l’attenzione sulla cecità e sui problemi della vista. Nel mondo quasi tutti sperimenteranno almeno un problema di salute degli occhi nell’arco della loro vita, ma più di un miliardo di persone non ha accesso ai servizi di cura.

Il ruolo degli ortottisti nel World Sight Day

«Gli ortottisti – aggiunge Fiore – si occupano sia di prevenzione di primo livello, promuovendo un’informazione precisa e puntuale sulle diverse patologie oculari, sia di secondo livello, contribuendo a garantire il miglior risultato dei trattamenti già in corso». Prevenire consente anche di sfruttare al meglio le risorse pubbliche: «È dimostrato che la prevenzione gravi sul Ssn meno della cura di patologie diagnosticate tardivamente», dice la professionista.

Da 0 a 100 anni

L’ortottista si prende cura di un individuo dalla nascita alla terza età: «Valutiamo i neonati – spiega la presidente AIOrAO -, insegniamo alle mamme come riconoscere eventuali segni prodromici di patologie, informiamo la popolazione adulta sui rischi della maculopatia, verifichiamo che anche i più anziani controllino la propria vista. Prendersi cura dei propri occhi significa migliorare il benessere individuale complessivo».

Ortottisti e Ssn

Anche la figura dell’ortottista, come quella di altri professionisti sanitari, grazie agli investimenti previsti dal PNRR (il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), dovrebbe aumentare la sua presenza all’interno del Ssn. «Già dal 2019 – racconta Fiore -, attraverso la “Maratona patto per la salute” è stata ribadita l’importanza dell’ortottista e di altre professioni sanitarie per lo smaltimento delle liste di attesa, ma questi nuovi investimenti potranno senz’altro rafforzare e consolidare il nostro operato».

Adeguare la formazione per restare al passo coi tempi

Un’evoluzione professionale continua, di ruoli e competenze, che rende necessario anche un adeguamento del percorso formativo. «La formazione degli ortottisti è universitaria fin dal principio – sottolinea Fiore -, ma una laurea di soli tre anni non sembra essere più sufficiente, né per la nostra categoria, né per quella di molti altri professionisti sanitari. Per questo – aggiunge la presidente – auspichiamo l’istituzione di un corso di laurea magistrale professionalizzante. Attualmente i professionisti afferenti all’aera della riabilitazione hanno a disposizione una sola tipologia di laurea magistrale che offre una preparazione prettamente manageriale».

Gli screening nelle piazze

Nonostante le restrizioni imposte dal Covid, l’ortottista è una figura sempre più conosciuta e riconosciuta. «La nostra opera di sensibilizzazione – aggiunge Fiore – ha subito una battuta di arresto che speriamo possa terminare quanto prima, così da poter continuare a promuovere la prevenzione, non soltanto con webinar e iniziative online, ma in tutte le piazze d’Italia, attraverso un contatto diretto con i cittadini».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute mentale, Famulari (AITeRP): «La cura va oltre i sintomi: è necessario affrontare lo stress, gestire le emozioni ed avere una prospettiva di vita»
Recovery e neuroscienze al centro del 2° Congresso Nazionale AITeRP: “La nuova sfida delle evidenze scientifiche e buone pratiche nei trattamenti riabilitativi in salute mentale”. La presidente Famulari: «Per la nostra Associazione rappresenterà il completamento della trasformazione da associazione maggiormente rappresentativa dei TeRP ad Associazione Tecnico-Scientifica».
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale