Professioni Sanitarie 11 Ottobre 2021 13:05

Ortottisti, per il World Sight Day puntiamo tutto sulla prevenzione

Fiore (AIOrAO): «Auspichiamo l’istituzione di un corso di laurea magistrale professionalizzante e speriamo di poter tornare presto nelle piazze italiane, a contatto diretto con i cittadini per sensibilizzarli sui problemi della vista»

di Isabella Faggiano

#LoveYourEyes è lo slogan che, in tutto il mondo, accompagnerà il World Sight Day, la giornata mondiale della Vista. «Prevenzione è la parola d’ordine dell’edizione 2021, così come lo è stata per quelle passate e lo sarà in futuro», assicura Daniela Fiore, presidente AIOrAO, l’Associazione Italiana Ortottisti Assistenti in Oftalmologia. La ricorrenza, che cade il secondo giovedì di ottobre di ogni anno (per il 2021 sarà il 14 ottobre) ha lo scopo di sensibilizzare e focalizzare l’attenzione sulla cecità e sui problemi della vista. Nel mondo quasi tutti sperimenteranno almeno un problema di salute degli occhi nell’arco della loro vita, ma più di un miliardo di persone non ha accesso ai servizi di cura.

Il ruolo degli ortottisti nel World Sight Day

«Gli ortottisti – aggiunge Fiore – si occupano sia di prevenzione di primo livello, promuovendo un’informazione precisa e puntuale sulle diverse patologie oculari, sia di secondo livello, contribuendo a garantire il miglior risultato dei trattamenti già in corso». Prevenire consente anche di sfruttare al meglio le risorse pubbliche: «È dimostrato che la prevenzione gravi sul Ssn meno della cura di patologie diagnosticate tardivamente», dice la professionista.

Da 0 a 100 anni

L’ortottista si prende cura di un individuo dalla nascita alla terza età: «Valutiamo i neonati – spiega la presidente AIOrAO -, insegniamo alle mamme come riconoscere eventuali segni prodromici di patologie, informiamo la popolazione adulta sui rischi della maculopatia, verifichiamo che anche i più anziani controllino la propria vista. Prendersi cura dei propri occhi significa migliorare il benessere individuale complessivo».

Ortottisti e Ssn

Anche la figura dell’ortottista, come quella di altri professionisti sanitari, grazie agli investimenti previsti dal PNRR (il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), dovrebbe aumentare la sua presenza all’interno del Ssn. «Già dal 2019 – racconta Fiore -, attraverso la “Maratona patto per la salute” è stata ribadita l’importanza dell’ortottista e di altre professioni sanitarie per lo smaltimento delle liste di attesa, ma questi nuovi investimenti potranno senz’altro rafforzare e consolidare il nostro operato».

Adeguare la formazione per restare al passo coi tempi

Un’evoluzione professionale continua, di ruoli e competenze, che rende necessario anche un adeguamento del percorso formativo. «La formazione degli ortottisti è universitaria fin dal principio – sottolinea Fiore -, ma una laurea di soli tre anni non sembra essere più sufficiente, né per la nostra categoria, né per quella di molti altri professionisti sanitari. Per questo – aggiunge la presidente – auspichiamo l’istituzione di un corso di laurea magistrale professionalizzante. Attualmente i professionisti afferenti all’aera della riabilitazione hanno a disposizione una sola tipologia di laurea magistrale che offre una preparazione prettamente manageriale».

Gli screening nelle piazze

Nonostante le restrizioni imposte dal Covid, l’ortottista è una figura sempre più conosciuta e riconosciuta. «La nostra opera di sensibilizzazione – aggiunge Fiore – ha subito una battuta di arresto che speriamo possa terminare quanto prima, così da poter continuare a promuovere la prevenzione, non soltanto con webinar e iniziative online, ma in tutte le piazze d’Italia, attraverso un contatto diretto con i cittadini».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gli igienisti dentali difendono l’autonomia della professione: in arrivo un unico Codice deontologico
Tiene banco la sentenza del Consiglio di Stato 1703 del 2020 che mette a rischio la possibilità di aprire studi autonomi. L’avvocato Croce: «Non c'è nessuna ancillarità nell'ambito delle proprie competenze». La Presidente della FNO TSRM PSTRP annuncia: «Stiamo elaborando progetti per sfruttare risorse PNRR. Puntiamo su prevenzione, riabilitazione e implementazione della telemedicina»
di Francesco Torre
AITERP riconosciuta come ATS, Famulari: «Ancora troppe disparità, ora è il momento del restyling dei Dipartimenti di Salute Mentale»
La Presidente dell’Associazione Italiana Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica spiega: «Presenza dei TeRP sul territorio fondamentale, dobbiamo andare verso una salute mentale di comunità: oggi solo 875 professionisti presenti nei DSM». Il 10 ottobre la Giornata Mondiale della Salute Mentale
di Francesco Torre
Tortorella (Consulcesi): «Professioni sanitarie non sono serie B, inaccettabile ritardo nelle graduatorie»
Sono quasi 73mila gli aspiranti infermieri, fisioterapisti e tecnici che hanno sostenuto il test d’ingresso ai corsi di laurea in professioni sanitarie, l’ultimo dell’area accademica medico-sanitaria
Terapisti occupazionali delle cure palliative. Quaranta: «Aiutiamo i malati terminali a restare protagonisti attivi della propria vita»
La professionista sanitaria: «Sarà una specializzazione sempre più richiesta dopo l’approvazione della legge che vincola tutte le Regioni ad attuare le reti assistenziale di cure palliative»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, Consulcesi: «Dopo caos domande medicina vigiliamo su test di ammissione»
In attesa del test di ammissione alle facoltà per le professioni sanitarie, in programma oggi in tutta Italia, Tortorella e il team di avvocati Consulcesi ritengono che ci siano, anche quest’anno, tutti i margini per un ricorso collettivo ed una vittoria schiacciante per accedere alla facoltà di medicina
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?