Professioni Sanitarie 24 Gennaio 2022 13:05

Ortottisti, i grandi assenti dei centri di riabilitazione accreditati. Montes (Cda): «Con questo vuoto si rischia l’utilizzo improprio di altre figure professionali»

«Una valutazione clinica completa ed efficace deve prevedere una dettagliata valutazione multidisciplinare, che comprenda tutti i professionisti sanitari dell’area della riabilitazione ognuno per le proprie competenze specifiche, compreso l’ortottista»

«Oltre l’80% delle informazioni giungono dall’ambiente al nostro cervello attraverso la vista. Di conseguenza, in un modo o nell’altro, quasi tutte le malattie riguardanti il Sistema Nervoso Centrale influenzano la visione. In Italia, secondo le stime dell’Istat sarebbero 362mila le persone prive della vista, circa un milione e mezzo gli ipovedenti. A livello epidemiologico, il Deficit Visivo di Origine Centrale è considerato la principale causa di disabilità visiva infantile nei paesi industrializzati». È questa la fotografia scattata da Marco Montes, ortottista, presidente della Commissione d’albo degli ortottisti di Roma e provincia e consigliere della Commissione d’albo nazionale, per evidenziare l’elevata richiesta di riabilitazione visiva.

L’esercito degli invisibili

Quanti siano i pazienti che necessitano di un percorso riabilitativo visivo è difficile stimarlo: «Paradossalmente – continua Montes – il reale fabbisogno della figura dell’ortottista viene evidenziato dai diffusi fenomeni di abusivismo. Anche le associazioni di pazienti spesso denunciano di essere costretti a ricorrere a consulenze “private” per la valutazione e la riabilitazione visiva, fuori dai piani di valutazione e trattamento già in corso. Da questi racconti emerge come le persone con disturbi visivi da trattare siano la più grande comunità con minoranza sensoriale del nostro paese che rischia di rimanere inascoltata e che deve continuare ad accontentarsi di personale non formato e non competente», dice l’ortottista.

La strada maestra che (quasi) nessuno segue

«Il primo passo per la stesura di un piano di trattamento abilitativo-riabilitativo efficace è la valutazione clinica completa – spiega il professionista sanitario -. Proprio per questo è indispensabile che vi sia una dettagliata valutazione multidisciplinare, che comprenda tutti i professionisti sanitari dell’area della riabilitazione, ognuno per le proprie competenze specifiche, compreso l’ortottista. Eppure, l’ortottista è una figura quasi del tutto assente nei centri di riabilitazione accreditati extra-ospedalieri. Solo per fare un esempio, l’ASP S. Alessio – la più grande struttura del Centro e Sud Italia, centro regionale di riferimento per i Servizi alla Persona disabile visiva – ogni anno offre servizi a circa 1.500 disabili visivi. Nel 2020 ha erogato circa 560 progetti riabilitativi multidisciplinari per pazienti ipovedenti e ciechi. Il Centro comprensivo di sedi distaccate, è accreditato per svolgere 80 trattamenti giornalieri, quindi 400 accessi settimanali, nel rispetto del budget annuale stabilito dalla Regione. Attualmente nelle sole liste di attesa ambulatoriali di questo centro ci sarebbero per l’età evolutiva (0-18 anni) circa 60 bambini, per quella adulta (>18 anni) circa 100 persone».

Perché l’ortottista è il professionista più adeguato

«Gli ortottisti sono professionisti formati con la consapevolezza di dover privilegiare in età infantile la valutazione delle competenze con cui bambini e famiglie possono far fronte alle loro sfide, più che alle loro difficoltà. In età adulta, l’intervento riabilitativo mira a rendere fruibile il residuo visivo e con l’obiettivo di far recuperare al soggetto il miglior livello di autonomia personale possibile, migliorando qualità della vita, indipendenza e mobilità. Basta guardare ai numeri degli operatori delle altre professioni dell’area della riabilitazione in Italia e confrontarli con il numero totale di ortottisti, per affermare che serve ancora tanta informazione per accrescere la coscienza sanitaria nella popolazione e nei decisori ad ogni livello».

E allora, se nei centri di riabilitazione accreditati manca la figura dell’ortottista, chi si occupa della valutazione e del trattamento riabilitativo visivo? «L’assenza dell’ortottista nell’equipe riabilitativa, purtroppo – conclude Montes – espone al rischio di utilizzo improprio di altre figure professionali per colmare il vuoto».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ordine TSRM PSTRP Roma, gli obiettivi della Lista “Sinergia”
Al centro del progetto «una rappresentanza politica delle professioni sul territorio, tale da costituire una presenza attiva e costante in tutti i contesti comunali». Le elezioni si svolgeranno il 16, 17, 18 e 19 dicembre
Floretina Icoor 2022, le ultime tecnologie in campo ortottistico sbarcano a Roma
Il 9 dicembre, all’interno del Congresso FLORETINA ICOOR 2022 (10° International Congress on OCT and OCT angiography in Rome) che si terrà presso l’Hotel Hilton di Roma, avrà luogo il corso teorico pratico “Orthoptist Dry Lab Practical Section”. Nel corso del laboratorio, cinque pazienti con differenti patologie (AMD, RP, interfaccia vitreo retinica, retinopatia diabetica e […]
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
UNID, Luperini nuovo presidente. Dai Quaderni dell’Igienista dentale al Progetto Grazia, le iniziative in corso
Maurizio Luperini sostituisce Domenico Tomassi, alla guida per tre anni. «Vogliamo dedicarci alla formazione, avremo una sessione ad hoc dedicata a ricerca e sviluppo»
«TSRM è tecnologia, assistenza e umanizzazione delle cure». Parla la presidente FASTeR Patrizia Cornacchione
La FASTeR, Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia, riunisce sette associazioni scientifiche di Tecnici di Radiologia ed è impegnata nel promuovere qualsiasi tipo di formazione che possa finalizzare la crescita della professione. Il Presidente: «La nostra professione attualmente non ha ancora dei colleghi con ruoli accademici incardinati nelle università, stiamo lavorando su questo».
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...