Professioni Sanitarie 13 Luglio 2021 10:46

Le ostetriche non vanno in vacanza. Vaccari (FNOPO): «Anche nei luoghi di villeggiatura restiamo accanto a donne e neonati»

La presidente della FNOPO: «Nelle zone in cui, in estate, la popolazione quadruplica per l’enorme affluenza di turisti, il numero di ostetriche sul territorio viene aumentato in modo proporzionale. Operative in consultori, case della salute e nei pronto soccorso ostetrici»

di Isabella Faggiano

Le ostetriche non vanno mai in vacanza, soprattutto d’estate. Mentre si preparano e disfano valige, si affrontano viaggi in automobile e in treno, traversate in barca o voli in aereo, i bambini continuano a nascere, le gravidanze progrediscono e l’allattamento dei neonati prosegue. Le vita delle donne in dolce attesa, delle neomamme e dei loro bambini vanno avanti e le ostetriche restano i loro principali punti di riferimento.

Un “esercito” per affrontare l’estate

«Il ruolo dell’ostetrica è fondamentale in tutte le stagioni dell’anno – assicura Silvia Vaccari, presidente FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica – ma in quella estiva può assumere una rilevanza particolare. Tanto che, nelle zone in cui, durante i mesi di luglio e agosto, la popolazione quadruplica per l’enorme affluenza di turisti, il numero di ostetriche operative sul territorio viene aumentato in modo proporzionale».

“Luogo che vai, ostetrica che trovi”

Ovunque si programmino le vacanze, che sia al mare, al lago o in montagna, sarà sempre possibile trovare un’ostetrica di riferimento, presso un consultorio o una casa della salute. «È importante che le gravide o le donne in allattamento, all’arrivo nel luogo di villeggiatura, entrino subito in contatto con le ostetriche operative sul territorio, cosicché le professioniste possano conoscere le donne che potrebbero aver bisogno di assistenza, valutando anche il loro stato di benessere e quello del bambino che portano in grembo o allattano». È ugualmente necessario individuare il pronto soccorso ostetrico di zona. «Le temperature molto elevate – aggiunge Vaccari – potrebbero potenziare gli ormoni del travaglio».

Quando consultare l’ostetrica

Ovviamente sapere che ci sono sempre, ed in ogni luogo, ostriche disponibili ad offrire il proprio supporto, non significa che se ne avrà necessariamente bisogno. Esistono dei sintomi in grado di segnalare che qualcosa non va, campanelli di allarme che possono essere auto-osservati. «In gravidanza il corpo della donna subisce dei cambiamenti fisiologici – commenta la presidente FNOPO -. Il volume del sangue materno aumenta per soddisfare il flusso placentare. Di conseguenza l’idratazione deve essere sempre monitorata. Quando fa molto caldo ci sono alcuni segnali che indicano una scarsa presenza di liquidi nel corpo: sete intensa, crampi muscolari, soprattutto di notte agli arti inferiori e alle mani, debolezza, vertigini, pelle e mucose molto asciutte, abbassamento della pressione sanguigna. Se si percepisce anche uno solo di questi sintomi sarà necessario provvedere ad un’immediata integrazione di liquidi, evitando bevande gassate e zuccherate. Se non si percepisce un evidente miglioramento, allora sarà meglio rivolgersi ad un professionista, come l’ostetrica o il ginecologo».

Non solo ecografie. Consigli anche sugli stili di vita

Le ostetriche di riferimento territoriale nei luoghi di villeggiatura, oltre a provvedere ai controlli necessari a seconda del periodo di gestazione, possono fornire consigli utili sull’alimentazione più adeguata alle temperature del momento. «Non solo per monitorare che la donna assuma gli alimenti giusti, con una particolare predilezione per verdure e frutta di stagione – dice Vaccari – ma anche per aiutarla ad abituarsi ai cambiamenti di temperature e di altitudine che possono essere anche molto differenti da quelle del luogo di partenza. Le professioniste sono in grado di fornire le giuste indicazioni anche per un’adeguata conservazione dei cibi, soprattutto per le donne con esami negativi alla toxoplasmosi. Il caldo intenso, infatti, determina la proliferazione dei batteri e il deterioramento delle proteine».

Le competenze ostetriche sono, dunque, così versatili da garantire tranquillità a chi vorrà godersi il meritato riposo. «Momenti di relax a cui non bisogna rinunciare, perché – conclude la presidente della FNOPO – sono necessari a stabilire una maggiore sintonia tra la mamma e il suo bambino».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute mentale, Famulari (AITeRP): «La cura va oltre i sintomi: è necessario affrontare lo stress, gestire le emozioni ed avere una prospettiva di vita»
Recovery e neuroscienze al centro del 2° Congresso Nazionale AITeRP: “La nuova sfida delle evidenze scientifiche e buone pratiche nei trattamenti riabilitativi in salute mentale”. La presidente Famulari: «Per la nostra Associazione rappresenterà il completamento della trasformazione da associazione maggiormente rappresentativa dei TeRP ad Associazione Tecnico-Scientifica».
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale