Professioni Sanitarie 17 Ottobre 2022 13:06

Il ruolo della professione ostetrica per la prevenzione: dall’autopalpazione del seno al pap test

Finale (FNOPO): «Nella pratica osserviamo il Piano Nazionale di prevenzione 2020-25, mettendo in atto tutte le direttive che le Regioni declinano localmente ed offriamo alle donne gli strumenti necessari affinché possano tutelare la propria salute attraverso azioni di prevenzione»

«L’ostetrica/o partecipa alla prevenzione ed all’accertamento dei tumori della sfera genitale femminile»: è scritto a chiare lettere nel decreto ministeriale 740 del ’94, che ne individua il profilo professionale, eppure poche le donne che lo sanno. «Nella pratica – spiega Enrico Finale, ostetrico e consigliere della FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica – osserviamo il Piano Nazionale di prevenzione 2020-25, mettendo in atto tutte le direttive che le regioni declinano localmente ed offriamo alle donne gli strumenti necessari affinché possano tutelare la propria salute attraverso azioni di prevenzione».

One Health

Ma lavorare sulla donna non basta. «È necessario che anche gli ambienti in cui la donna lavora e vive siano funzionali al mantenimento del suo benessere. Ed anche in questo il ruolo dell’ostetrico/a appare cruciale, poiché contribuisce alla messa in pratica dell’approccio cosiddetto “One Health”, ovvero un modello sanitario che si basa sull’integrazione di discipline diverse e che riconosce quanto la salute umana sia indissolubilmente legata alla salute dell’ecosistema in cui vive».

Dalla teoria alla pratica

Il contributo dell’ostetrico/a in materia di prevenzione non si esaurisce con la teoria: «Nella pratica insegniamo alle donne la procedura dell’autopalpazione ed eseguiamo il prelievo  delle secrezione cervico-vaginale da sottoporre all’esame citologico (pap test) utile alla diagnosi sia di malattie sessualmente trasmissibili, che del papilloma virus, concausa del tumore della cervice uterina». Che si tratti di teoria o pratica il ruolo dell’ostetrica per la promozione della prevenzione è ancor più cruciale nel mese di ottobre, interamente dedicato alla prevenzione del  tumore al seno.

L’allattamento

«In questi giorni siamo stati attivamente impegnati anche nella protezione, promozione e sostegno dell’allattamento materno – continua Finale -, tematica a cui, sempre nel mese di ottobre, è dedicata un’intera settimana. Lo slogan dell’edizione 2022 “Diamoci una mossa e sosteniamo l’allattamento” ha messo in evidenza ancora una volta l’importanza di aumentare la diffusione di questa pratica che nei Paesi ad alto reddito e molto meno capillare che in quelli in via di sviluppo. L’ostetrico/a ha un compito fondamentale: informare e sostenere la futura madre, già durante la gravidanza, sull’importanza dell’allattamento al seno e sui benefici che ne derivano per madre e bambino. Dopo il parto, poi, è proprio l’ostetrico/a a garantire l’immediato contatto pelle a pelle che, come dimostrato da numerose evidenze scientifiche, se effettuato precocemente non solo aumenta il tasso di allattamento materno, ma anche la durata. Successivamente, nel post-natale l’ostetrica sostiene la donna anche al suo rientro a casa, aiutandola a  proseguire  l’allattamento in modo esclusivo almeno per i primi sei mesi di vita del bambino. Ovviamente, l’allattamento può proseguire anche oltre, se mamma e bambino lo desiderano».

Un sostegno per la comunità

L’ostetrica/o, dunque, sostiene la donna nelle sue scelte e con lei l’intera famiglia e la comunità in cui vive. Una vicinanza che si auspica possa essere incentivata anche attraverso l’istituzione della Case di Comunità. «Questo perché, nonostante il ruolo dell’ostetrica/o nell’ambito della prevenzione sia chiaramente descritto nel profilo professionale, queste attività non sono garantite in modo equo dal nord al sud della penisola, dove la situazione – conclude Finale – è tuttora a macchia di leopardo per effetto della diversa organizzazione sanitaria a livello delle singole regioni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
UNID, Luperini nuovo presidente. Dai Quaderni dell’Igienista dentale al Progetto Grazia, le iniziative in corso
Maurizio Luperini sostituisce Domenico Tomassi, alla guida per tre anni. «Vogliamo dedicarci alla formazione, avremo una sessione ad hoc dedicata a ricerca e sviluppo»
«TSRM è tecnologia, assistenza e umanizzazione delle cure». Parla la presidente FASTeR Patrizia Cornacchione
La FASTeR, Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia, riunisce sette associazioni scientifiche di Tecnici di Radiologia ed è impegnata nel promuovere qualsiasi tipo di formazione che possa finalizzare la crescita della professione. Il Presidente: «La nostra professione attualmente non ha ancora dei colleghi con ruoli accademici incardinati nelle università, stiamo lavorando su questo».
Corsa delle Professioni Sanitarie 2022: la salute corre per Unicef
In più di 100 al Parco di Monza per l’evento organizzato dall’Ordine TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio. Il Presidente dell’Ordine Diego Catania: «Siamo la forza del SSN, ora ci presentiamo alla cittadinanza»
Sanità territoriale, le richieste dei Tecnici di Laboratorio: «Esclusività nei servizi di farmacia e prelievi del sangue anche per i TSLB»
Il presidente della commissione di Albo dei Tecnici di Laboratorio Biomedico Saverio Stanziale sottolinea a proposito del DM77: «I servizi diagnostici di base territoriali sono previsti nella Casa di comunità, si parla infatti di team multidisciplinari e multiprofessionali. Oggi sarebbe necessario incominciare a definirne la composizione»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa