Professioni Sanitarie 10 Maggio 2021 18:16

Gli igienisti dentali al tavolo tecnico sull’odontoiatria. Di Marco (CDAN): «Implementare la nostra presenza nel SSN»

Telemedicina tra app e tutorial, l’igienista dentale: «Da un lato eseguiamo procedure, dall’altro siamo i coach dei nostri pazienti per la cura della sua salute orale. È il mantenimento domiciliare che fa la reale differenza»

di Isabella Faggiano

Sta per concludersi il lavoro del tavolo tecnico, istituito lo scorso novembre presso il Ministero della Salute, volto alla formazione, ricerca e programmazione delle attività odontoiatriche, con particolare riguardo all’odontoiatria pubblica e sociale.

Tra i partecipanti anche gli igienisti dentali coinvolti nei lavori del tavolo satellite che si occupa della revisione e aggiornamento del nomenclatore e dei LEA: «Sedere a questo tavolo – commenta Caterina Di Marco, presidente della Commissione d’Albo nazionale degli Igienisti Dentali – rappresenta un ulteriore riconoscimento del contributo offerto dalla nostra professione e sottolinea l’importanza della prevenzione, a conferma che l’approccio multidisciplinare, nel massimo rispetto dei ruoli, è quello più corretto».

Il ruolo dell’igienista dentale nell’odontoiatria pubblica e sociale

Il tavolo tecnico istituito dal Ministero è orientato a migliorare tutti gli aspetti che riguardano la gestione e la presa in carico dei pazienti con vulnerabilità sociali e sanitarie. «È essenziale – continua Di Marco – che il SSN, soprattutto in momenti come questo, possa consentire la presa in carico dei molti pazienti affetti da patologie croniche e con vulnerabilità sociali, garantendo la continuazione delle attività di prevenzione e di screening, per evitare l’aggravamento dei quadri clinici o l’insorgenza di patologie prevenibili».

Malattie sistemiche e salute orale: il legame

Grazie ad un’adeguata prevenzione è possibile ridurre l’impegno delle risorse umane ed economiche da destinare alle terapie riabilitative. «Negli ultimi anni numerosi studi scientifici hanno dimostrato la correlazione esistente tra malattie sistemiche e salute orale – continua la presidente della Commissione d’Albo nazionale degli Igienisti Dentali -. A causa di una scorretta igiene, i batteri presenti nel cavo orale, in misura maggiore nel caso di una parodontite, possono infatti entrare nella circolazione sanguigna e transitare nel resto dell’organismo, influendo negativamente su altri organi. In particolare, è stato evidenziato il legame tra la parodontite e diverse patologie come le malattie cardiovascolari e quelle ischemiche, il diabete, ma anche complicazioni all’apparato respiratorio e durante la gravidanza. E per toccare argomenti che riguardano l’oggi, secondo una recente ricerca pubblicata sul Journal of Clinical Periodontology, sembra che i pazienti colpiti da Covid-19 abbiano una probabilità tre volte maggiore di incorrere in complicazioni se soffrono anche di malattie gengivali», aggiunge la professionista.

Igienista dentale: grande assente nel Ssn

Nonostante le numerose evidenze scientifiche a favore dell’efficacia di un’accurata igiene orale, l’igienista dentale, purtroppo, resta ancora quasi del tutto assente nel Sistema Sanitario Nazionale. «Sono pochissimi i colleghi strutturati, e non in maniera omogenea sul territorio nazionale – sottolinea Di Marco -. Eppure, potrebbe rappresentare una figura professionale di raccordo in grado di svolgere un ruolo importante nella promozione della salute generale. Infatti, la giusta collocazione degli Igienisti dentali nelle strutture sanitarie pubbliche e accreditate, sul territorio e nei reparti ospedalieri, con particolare attenzione alla fascia di età 0-14 anni, agli anziani e ai cittadini con patologie croniche, farebbe risparmiare delle cospicue risorse».

A proposito di telemedicina

Tra le competenze degli Igienisti dentali, si danno per scontato le sedute di igiene orale professionale, ma spesso si sottovaluta l’importante ruolo della motivazione ed istruzione personalizzata. «Il mantenimento domiciliare è fondamentale per il successo della terapia – dice la presidente della Commissione d’Albo nazionale -. Gli Igienisti dentali con la telemedicina possono portare avanti quello che è il fulcro del proprio lavoro: creare consapevolezza, istruire, controllare, monitorare, educare alla buona igiene orale ed a corretti stili di vita, intesi come terapia domiciliare e, quindi, garantire la continuità di cura. Il ruolo dell’igienista è da un lato esecuzione di procedure e dall’altro “coaching” del paziente per la cura della sua salute orale. La seconda parte non è secondaria rispetto alla prima, anzi spesso è quella che fa la reale differenza».

Esistono già delle piattaforme dedicate, tutorial e app che gli igienisti dentali utilizzano. «Sanità digitale, sanità di prossimità sono termini riportati nel PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) che dovrebbero suggerire di attuare tali interventi nel pieno rispetto della privacy e il corretto trattamento dei dati sensibili. Abbiamo imparato che anche dalle crisi possono nascere delle opportunità. L’importante – conclude Di Marco – è saperle cogliere e trarne benefici a tutela della comunità».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ordine TSRM PSTRP Roma, gli obiettivi della Lista “Sinergia”
Al centro del progetto «una rappresentanza politica delle professioni sul territorio, tale da costituire una presenza attiva e costante in tutti i contesti comunali». Le elezioni si svolgeranno il 16, 17, 18 e 19 dicembre
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
UNID, Luperini nuovo presidente. Dai Quaderni dell’Igienista dentale al Progetto Grazia, le iniziative in corso
Maurizio Luperini sostituisce Domenico Tomassi, alla guida per tre anni. «Vogliamo dedicarci alla formazione, avremo una sessione ad hoc dedicata a ricerca e sviluppo»
«TSRM è tecnologia, assistenza e umanizzazione delle cure». Parla la presidente FASTeR Patrizia Cornacchione
La FASTeR, Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia, riunisce sette associazioni scientifiche di Tecnici di Radiologia ed è impegnata nel promuovere qualsiasi tipo di formazione che possa finalizzare la crescita della professione. Il Presidente: «La nostra professione attualmente non ha ancora dei colleghi con ruoli accademici incardinati nelle università, stiamo lavorando su questo».
Il ruolo della professione ostetrica per la prevenzione: dall’autopalpazione del seno al pap test
Finale (FNOPO): «Nella pratica osserviamo il Piano Nazionale di prevenzione 2020-25, mettendo in atto tutte le direttive che le Regioni declinano localmente ed offriamo alle donne gli strumenti necessari affinché possano tutelare la propria salute attraverso azioni di prevenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa