Voci della Sanità 28 Febbraio 2021 09:56

Covid-19, la denuncia degli Igienisti dentali di Roma: «Docenti e amministrativi vaccinati prima di noi»

«Gli Igienisti dentali e gli altri professionisti sanitari non sono stati ancora contattati dalle proprie Asl e sono ancora in preoccupante attesa. Alla luce di quest’ultimo dato, nasce l’esigenza di promuovere il più presto possibile un iter per una vaccinazione di massa della categoria» spiega in una nota la Commissione d’Albo degli igienisti dentali di Roma e provincia

A Roma procede a rilento la campagna di vaccinazione degli operatori sanitari libero professionisti e del privato puro. Tra le professioni più a rischio Covid ci sono gli Igienisti dentali che lavorano tutti i giorni a stretto contatto con i pazienti e lamentano questi ritardi: «La nostra professione ci espone ad un  rischio quotidiano molto elevato, sicuramente superiore rispetto ad altre categorie professionali a causa del setting operativo che ci costringe a mantenere una distanza ravvicinata di circa 30-40 cm con il paziente in ambienti chiusi ed in maniera ripetuta, ritrovandoci a trattare nel corso della giornata numerosi pazienti potenzialmente positivi al Covid 19», afferma in una nota la Commissione d’Albo di Roma e provincia che chiede alla Regione Lazio di velocizzare le procedure. 

«Il piano vaccinale nazionale del Ministero della Salute ha individuato come categoria prioritaria gli operatori sanitari e socio-sanitari, sia pubblici che privati accreditati escludendo dalla prima fase di vaccinazione tutti i liberi professionisti ma anche i dipendenti appartenenti a strutture non accreditate. Il differente trattamento rispetto agli stessi professionisti operanti nel Servizio Sanitario Nazionale è stato gravissimo dal principio ma lo è ancor di più oggi che, dopo aver aspettato pazientemente il nostro turno, siamo ancora in attesa di un canale dedicato per poter prenotare la nostra vaccinazione» denuncia la Commissione d’Albo.

«Stiamo assistendo ora al proseguimento del Piano vaccinale con il coinvolgimento di altre categorie come gli ultra-ottantenni e i docenti, ma vorremmo evidenziare che gli Igienisti dentali “operatori sanitari” non sono stati ancora contattati dalle proprie Asl e sono ancora in preoccupante attesa – conclude la nota -. Alla luce di questultimo dato, nasce lesigenza di promuovere il più presto possibile un iter per una vaccinazione di massa della categoria. Non possiamo più attendere, abbiamo la necessità di proteggerci per proteggere». 

 

Articoli correlati
Regione Lazio, Terrinoni (Cisl Fnp): «Investire tassa di scopo in salute»
Intervista al Segretario generale di Cisl Fnp Lazio Paolo Terrinoni su vaccini sulle proposte da presentare alla Regione
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Covid-19, Cittadini (Aiop): «Obbligo vaccinazione personale sanitario scelta giusta per uscire da emergenza»
«Il Governo si appresta ad adottare provvedimenti giusti per affrontare, in maniera risolutiva, la crisi pandemica. Con la previsione, contenuta nel decreto legge che entrerà in vigore dopo Pasqua, dell’obbligo di vaccinazione per tutto il personale sanitario, altrimenti sanzionabile e di uno scudo penale per coloro che somministreranno il vaccino, si adottano due importanti norme […]
Vaccini in farmacia, il no di ALS: «Deriva del ‘task shifting’, così si umilia la classe medica»
L’Associazione Liberi Specializzandi contesta l’accordo che consente di somministrare i vaccini in farmacia senza la presenza di un medico: «Viene legittimato dallo Stato il Dottor Google a tutti gli effetti»
Vaccini Covid, a Roma il caso dei TNPEE: «Noi a rischio contagio perché a stretto contatto con gli utenti. Ma centinaia ancora non vaccinati»
Appello della Presidente della Commissione d’Albo dei Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva di Roma Pamela Bellanca: «Noi dimenticati, molti si stanno contagiando»
Vaccini, Regimenti (Lega): «Incontro tecnico con Commissione Ue per fare luce su contratti con case farmaceutiche»
«La decisione di Austria e Danimarca di voler collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione e di non fare più affidamento, in futuro, sull'Ue dimostra la necessità di riorganizzare la strategia europea sui vaccini», spiega l'europarlamentare della Lega
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...