Professioni Sanitarie 17 Novembre 2020 13:52

Educatori professionali, Riposati: «Aumentare i posti nelle università e creare nuove specializzazioni»

Il presidente del CdA nazionale: «La pandemia ha aggravato le criticità già esistenti, è arrivato il momento di risolverle. L’offerta territoriale è inadeguata alle richieste di assistenza dei cittadini»

di Isabella Faggiano

«Scarsa presenza sul territorio e formazione inadeguata sia per posti disponibili ogni anno, sia per le tipologie di specializzazione offerte: sono le criticità emerse a seguito della pandemia da Covid-19 che, seppur già presenti in passato, oggi è necessario e urgente risolvere». È Renato Riposati, presidente del CdA nazionale degli educatori professionali, ad offrire un’analisi dello stato dell’arte delle condizioni in cui opera la categoria che rappresenta, a nove mesi dall’esplosione della pandemia che, per la sua gravità, ha messo a dura prova la gestione dell’intero Sistema Sanitario Nazionale.

«SERVONO PIU’ EDUCATORI PROFESSIONALI»

«Il numero di educatori professionali attualmente abilitati – continua Riposati – non è sufficiente a soddisfare tutte le esigenze di assistenza nei vari ambiti di competenza, dagli anziani, ai disabili, ai minori, fino alla salute mentale. Per questo motivo chiediamo, già da tempo, un ampliamento dell’offerta formativa. Il nostro corso di laurea è attualmente a numero chiuso ed ogni anno è garantito l’accesso ai 740 studenti che raggiungeranno il punteggio più alto al test d’ingresso. Secondo le nostre stime, precedenti alla pandemia da Covid-19, i posti disponibili dovrebbero essere almeno 900. È molto probabile che questa richiesta subirà un nuovo incremento a seguito delle prossime analisi che andranno a valutare la situazione in epoca Covid».

«L’OFFERTA FORMATIVA NON È EQUAMENTE DISTRIBUITA TRA LE VARIE REGIONI»

Non tutte le università d’Italia offrono un corso di laurea in educazione professionale: «Addirittura c’è chi è costretto ad andar fuori dalla propria regione di residenza, come accade in Sicilia dove questo indirizzo non è presente in nessuna università dell’isola. In altre realtà, come Calabria, Sardegna o Liguria, l’offerta, se disponibile, è discontinua, rinnovata a bienni o trienni alterni», racconta il presidente del CdA nazionale degli educatori professionali.

«ISTITUIRE NUOVE SPECIALIZZAZIONI»

Alcune professioni sanitarie hanno più volte avanzato l’ipotesi di voler prolungare il proprio corso di laurea da tre a quattro o cinque anni. Per gli educatori, invece, un triennio di formazione di base è sufficiente. «È l’offerta di formazione specialistica a dover essere incrementata – dice l’educatore professionale -. Durante il corso di laurea è previsto un tirocinio di circa 1.500 ore distribuite nel triennio, che permette agli studenti di affiancare i professionisti di un servizio, lavorando anche in equipe interdisciplinari per apprendere la collaborazione con altre figure professionali. Ma successivamente, per migliorare ulteriormente le proprie competenze, avrebbero bisogno di poter accedere a delle magistrali specializzanti. Ad oggi, l’unica specializzazione disponibile per gli educatori professionali è nell’ambito del management, un percorso post laurea che consente l’accesso ai ruoli dirigenziali all’interno dei sistemi sanitari, settore in cui le possibilità di carriera sono davvero scarse. Quello che, invece, sarebbe necessario offrire sono le specializzazioni nei distretti dove gli educatori professionali operano più di frequente: minori, anziani, handicap, salute mentale».

«LA TELE RIABILITAZIONE DA SOLA NON BASTA: PROMUOVERE L’ASSISTENZA DOMICILIARE»

Diversificazione delle specializzazioni e aumento dei professionisti formati ogni anno potrebbero essere le prime due soluzioni utili ad aumentare e migliore l’offerta territoriale: «Durante la pandemia, gli educatori, salvo che nei contesti residenziali dove i servizi non sono stati mai interrotti, hanno cercato di dare seguito alla propria assistenza attraverso la tele riabilitazione – dice Riposati -. Più rari gli interventi a domicilio che, potendo contare su un numero maggiore di professionisti, avrebbe meglio garantito la continuità e l’efficacia dell’assistenza. Soprattutto – conclude il presidente del CdA nazionale degli educatori professionali – tra le fasce più fragili della popolazione che senza il sostegno in presenza dei professionisti sanitari potrebbero peggiorare la loro condizione di isolamento».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
“Emergenza Covid e diritto al welfare”: il 10 marzo giornata di ascolto della associazioni organizzata dall’Ordine TSRM PSTRP di Roma
L'evento è in programma dalle 16 su piattaforma Gotowebinar. Tra gli ospiti dell’incontro Elena Patrizia Improta, Presidente Onlus Oltre Lo Sguardo e Giampiero Griffo, Coordinatore del Comitato tecnico-scientifico dell'Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità
Guido Rasi nuovo direttore scientifico di Consulcesi Club: «Formazione medica essenziale, specialmente in pandemia»
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «Il nostro obiettivo sarà quello di rendere la formazione professionale competitiva a livello europeo, attraverso la tecnologia e l’innovazione»
World Hearing Day, 45mila sordi hanno difficoltà a parlare con il proprio medico: da mascherina trasparente a corso ECM, tutte le novità
Il 3 marzo è la Giornata Mondiale dell’udito. Consulcesi lancia un corso per migliorare il dialogo in caso di necessità, con l'Associazione Emergenza Sordi. Sono 7 milioni le persone con difficoltà di comunicazione medico-paziente
TNPEE. Bonifacio (CDAN): «Il 20% dei soggetti in età evolutiva ha bisogno di noi. Distribuzione più equa e capillare sul territorio nazionale»
Il presidente della Commissioni d’albo nazionale dei TNPEE: «La costituzione di un Ordine unico delle professioni sanitarie è un passo importante che permetterà di intensificare la lotta all’abusivismo professionale, offrendo al cittadino le coordinate per scegliere la cura più adeguata alla sue esigenze»
di Isabella Faggiano
Covid-19, medici in burnout. Nardone (psicoterapeuta): «Creare rete di sostegno negli ospedali»
Al via da Consulcesi il primo corso di formazione ECM per gestire e superare il burnout
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...