Professioni Sanitarie 17 Novembre 2020

Educatori professionali, Riposati: «Aumentare i posti nelle università e creare nuove specializzazioni»

Il presidente del CdA nazionale: «La pandemia ha aggravato le criticità già esistenti, è arrivato il momento di risolverle. L’offerta territoriale è inadeguata alle richieste di assistenza dei cittadini»

di Isabella Faggiano

«Scarsa presenza sul territorio e formazione inadeguata sia per posti disponibili ogni anno, sia per le tipologie di specializzazione offerte: sono le criticità emerse a seguito della pandemia da Covid-19 che, seppur già presenti in passato, oggi è necessario e urgente risolvere». È Renato Riposati, presidente del CdA nazionale degli educatori professionali, ad offrire un’analisi dello stato dell’arte delle condizioni in cui opera la categoria che rappresenta, a nove mesi dall’esplosione della pandemia che, per la sua gravità, ha messo a dura prova la gestione dell’intero Sistema Sanitario Nazionale.

«SERVONO PIU’ EDUCATORI PROFESSIONALI»

«Il numero di educatori professionali attualmente abilitati – continua Riposati – non è sufficiente a soddisfare tutte le esigenze di assistenza nei vari ambiti di competenza, dagli anziani, ai disabili, ai minori, fino alla salute mentale. Per questo motivo chiediamo, già da tempo, un ampliamento dell’offerta formativa. Il nostro corso di laurea è attualmente a numero chiuso ed ogni anno è garantito l’accesso ai 740 studenti che raggiungeranno il punteggio più alto al test d’ingresso. Secondo le nostre stime, precedenti alla pandemia da Covid-19, i posti disponibili dovrebbero essere almeno 900. È molto probabile che questa richiesta subirà un nuovo incremento a seguito delle prossime analisi che andranno a valutare la situazione in epoca Covid».

«L’OFFERTA FORMATIVA NON È EQUAMENTE DISTRIBUITA TRA LE VARIE REGIONI»

Non tutte le università d’Italia offrono un corso di laurea in educazione professionale: «Addirittura c’è chi è costretto ad andar fuori dalla propria regione di residenza, come accade in Sicilia dove questo indirizzo non è presente in nessuna università dell’isola. In altre realtà, come Calabria, Sardegna o Liguria, l’offerta, se disponibile, è discontinua, rinnovata a bienni o trienni alterni», racconta il presidente del CdA nazionale degli educatori professionali.

«ISTITUIRE NUOVE SPECIALIZZAZIONI»

Alcune professioni sanitarie hanno più volte avanzato l’ipotesi di voler prolungare il proprio corso di laurea da tre a quattro o cinque anni. Per gli educatori, invece, un triennio di formazione di base è sufficiente. «È l’offerta di formazione specialistica a dover essere incrementata – dice l’educatore professionale -. Durante il corso di laurea è previsto un tirocinio di circa 1.500 ore distribuite nel triennio, che permette agli studenti di affiancare i professionisti di un servizio, lavorando anche in equipe interdisciplinari per apprendere la collaborazione con altre figure professionali. Ma successivamente, per migliorare ulteriormente le proprie competenze, avrebbero bisogno di poter accedere a delle magistrali specializzanti. Ad oggi, l’unica specializzazione disponibile per gli educatori professionali è nell’ambito del management, un percorso post laurea che consente l’accesso ai ruoli dirigenziali all’interno dei sistemi sanitari, settore in cui le possibilità di carriera sono davvero scarse. Quello che, invece, sarebbe necessario offrire sono le specializzazioni nei distretti dove gli educatori professionali operano più di frequente: minori, anziani, handicap, salute mentale».

«LA TELE RIABILITAZIONE DA SOLA NON BASTA: PROMUOVERE L’ASSISTENZA DOMICILIARE»

Diversificazione delle specializzazioni e aumento dei professionisti formati ogni anno potrebbero essere le prime due soluzioni utili ad aumentare e migliore l’offerta territoriale: «Durante la pandemia, gli educatori, salvo che nei contesti residenziali dove i servizi non sono stati mai interrotti, hanno cercato di dare seguito alla propria assistenza attraverso la tele riabilitazione – dice Riposati -. Più rari gli interventi a domicilio che, potendo contare su un numero maggiore di professionisti, avrebbe meglio garantito la continuità e l’efficacia dell’assistenza. Soprattutto – conclude il presidente del CdA nazionale degli educatori professionali – tra le fasce più fragili della popolazione che senza il sostegno in presenza dei professionisti sanitari potrebbero peggiorare la loro condizione di isolamento».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Legge di Bilancio, incontro FIALS – FNO TSRM PSTRP: «Linee di azione comune per la pari dignità di tutti i professionisti sanitari»
«Continuare a negare nei fatti la pari dignità professionale mette a repentaglio l’indispensabile coesione del sistema» sottolinea in una nota la FNO TSRM PSTRP
La formazione a distanza conquista i medici: boom nelle regioni ‘rosse’
L’identikit del medico che si aggiorna in epoca Covid: ha buone capacità informatiche, considera la FAD il futuro e la preferisce perché è padrone del proprio tempo
Il 21 novembre 2020 è la Giornata dell’assistente sanitario
Un professionista di grande importanza nel mondo sanitario: in possesso della laurea in Assistenza sanitaria (L/SNT/4) abilitante all'esercizio della professione di Assistente sanitario, e dell’iscrizione all’albo presso gli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (TSRM e PSTRP). Rappresenta una delle prime figure professionali che si incontra in ambito della prevenzione fin dai primi giorni di vita, per le vaccinazioni dell'infanzia
Professioni sanitarie, FNO TSRM PSTRP: «Preoccupa ruolo educatori socio-pedagogici e pedagogisti in ambito sanitario»
La FNO TSRM e PSTRP contesta anche l’ipotesi di voler istituire una figura unica, che vedrebbe accorpate le professioni di area socio-educativa con alcune di quelle di area socio-sanitaria
Professioni sanitarie, il CONAPS cambia pelle e diventa Fondazione. Bortone: «Lavoreremo alla formazione dei rappresentanti professionali»
Arrivato quasi alla conclusione l’iter della Legge 3 del 2018 che ha creato la Federazione delle 19 professioni sanitarie, Il CONAPS si dà una nuova mission. Il presidente Antonio Bortone: «Molte professioni sono già pronte per cambiare la fase ordinamentale, il perimetro delle competenze, assumere ruoli verticistici che a volte anche nel recente passato erano considerati inaccessibili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 novembre, sono 59.219.229 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.397.176 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli