Professioni Sanitarie 2 Novembre 2022 10:59

Disturbo dello Sviluppo del Linguaggio, in Italia ne soffrono 7 bambini su 100

De Cagno (FLI): «Il Disturbo dello Sviluppo del Linguaggio è la più diffusa fra le problematiche dell’età evolutiva e consiste nell’incapacità del bambino di articolare correttamente suoni e parole nelle forme lievi, fino alla difficoltà di comprensione e di manifestazione verbale di idee e sentimenti nei casi più severi. Oltre alle ripercussioni in ambito scolastico, i problemi di linguaggio possono comportare difficoltà nelle relazioni sociali e a lavoro»

«Non basta che un bambino si faccia comprendere da sua madre. Superata una certa età, di solito non oltre il secondo compleanno, deve essere in grado di pronunciare e comprendere almeno cinquanta parole e, utilizzandole, di comunicare con i suoi pari ed anche in contesti in cui siano presenti adulti estranei al nucleo familiare». A mettere in guardia i genitori italiani dal Disturbo dello Sviluppo del Linguaggio è Annagiulia De Cagno, Vicepresidente FLI, la Federazione Logopedisti Italiani.

Cos’è il Disturbo dello Sviluppo del Linguaggio

Quando un bambino ha difficoltà ad acquisire, in assenza di una specifica causa o di una problematica potenzialmente correlata, la proprietà e fluidità del linguaggio nella lingua madre, è molto probabile che ci troveremo di fronte ad un DLD, ovvero un Disturbo dello Sviluppo del Linguaggio, meglio conosciuto in Italia come DPL, Disturbo Primario del Linguaggio. In altre parole, i piccoli affetti da questo disturbo possono avere difficoltà sia a capire quanto gli viene detto che ad esprimere a parole le proprie idee e sentimenti.

La sua diffusione

«Il DLD, in Italia, interessa circa 7 bambini su cento in età prescolare, posizionandosi al primo posto fra i disordini dello sviluppo in età pediatrica -, aggiunge De Cagno -. Chi soffre di Disturbo dello Sviluppo del Linguaggio può avere difficoltà di articolazione, elaborazione fonologica, capacità di apprendere singole parole (semantico-lessicale) e di costruire correttamente le frasi (morfosintattica). A questo si può aggiungere l’incapacità di fare un corretto uso delle parole, cioè a conversare ed utilizzare il linguaggio in relazione al contesto e all’interlocutore».

Le conseguenze nell’età adulta

I Disturbi dello Sviluppo del Linguaggio possono presentarsi anche con estrema severità, tanto da compromettere pure il successivo progresso scolastico e il prosieguo nella vita lavorativa. «Queste difficoltà hanno ripercussioni sulla qualità della vita anche nel periodo dell’adolescenza e in età adulta – sottolinea la Vicepresidente FLI -. Dunque, non solamente a livello di percorso scolastico ma anche sociale, come evidenziano studi recentissimi. Molto spesso, infatti, si sottovaluta l’impatto che il DLD può avere successivamente sul benessere sociale ed emotivo dell’adolescente e sui problemi comportamentali che possono insorgere a scuola o nel contesto di vita quotidiana. Oltre alle ripercussioni nell’ambiente scolastico, ben conosciute, i problemi di linguaggio possono comportare difficoltà nelle relazioni sociali, in termini di condotte devianti e nell’ambito lavorativo».

Disturbo dello Sviluppo del Linguaggio e parent training

È quindi importante favorire la consapevolezza che anche gli adolescenti o le persone in età adulta possono avere difficoltà di linguaggio e comunicazione. Consapevolezza da estendere a tutti i genitori, potenziali caregivers. «Il trattamento dei Disturbi dello Sviluppo del Linguaggio, in molti casi, coinvolge anche le mamme ed i papà attraverso il cosiddetto parent training. Serve una presa in carico integrata, che coinvolga tutti gli attori del percorso educativo, abilitativo e riabilitativo. Nello stesso tempo, però, questa presa in carico deve essere anche precoce, duratura e mutevole – conclude De Cagno -, ovvero potenzialmente adattabile a tutte le fasi della vita del paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa