Professioni Sanitarie 16 Luglio 2019

Disprassie, Scarpellini (Terapista Neuro Psicomotricità): «Chi ne soffre sa esattamente cosa vuole fare, ma nell’atto pratico non ci riesce»

L’esperta parla dei disturbi della coordinazione motoria: «Attraverso la terapia della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva miglioriamo le disprassie dividendo ogni attività in micro-step, in modo da permettere al piccolo di pianificare lentamente la sua attività. L’intervento precoce è fondamentale: evita che il bambino, oltre al disturbo prassico-motorio, possa sperimentare altre difficoltà legate alla bassa autostima»

di Isabella Faggiano

Quando tiriamo una freccetta verso un bersaglio mettiamo in atto una serie di attività preparatorie: attiviamo la coordinazione occhio-mano, poi quella viso-spaziale per misurare la distanza che c’è tra noi e il nostro obiettivo, dosiamo la forza nel braccio, alziamo l’arto per spingere la mano che, quindi, lancia la freccia. E tutto senza nemmeno rendercene conto. Cosa accade invece quando queste fasi non vengono automaticamente rispettate? «È probabile che il soggetto in questione soffra di una disprassia e che quindi il suo lancio sia troppo forte o orientato nella direzione sbagliata». A rispondere, ai microfoni di Sanità Informazione, è Lucia Scarpellini, terapista della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva, membro del direttivo nazionale e coordinatrice dei referenti regionali dell’associazione tecnico-scientifica ANUPI TNPEE.

«Le disprassie, ovvero i disturbi della coordinazione motoria – spiega Scarpellini  -, incidono sulla capacità di una persona, sin da bambino, di modulare il movimento corporeo con l’intenzionalità prassica, ossia la motivazione a svolgere un’azione secondo schemi precisi di movimento. Chi soffre di questi disturbi – continua la terapista – non compie movimenti errati a causa di un danno al sistema nervoso centrale: si tratta di bambini che pur sapendo esattamente che cosa vogliono fare non riescono ad organizzare il movimento per compiere quella determinata azione».

Ecco alcuni esempi pratici: «Se lanciano una palla pur avendo ben presente la porta verso cui tirarla non sono in grado di centrare l’obiettivo. Ancora, vorrebbero andare in bicicletta, ma non riescono a coordinare efficacemente le gambe sui pedali e quindi sono soggetti a continue cadute, così come mentre corrono inciampano su se stessi. Questo perché lo schema neuro-motorio, che prevede ad esempio la corsa come il bilanciamento delle gambe, la fase di sollevamento e atterraggio del piede, non viene programmato in modo efficace».

LEGGI ANCHE: TERAPISTA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITA’ DELL’ETA’ EVOLUTIVA: UN’ECCELLENZA ITALIANA. BONIFACIO: ANUPI TNEE): «NON CI SONO PROFESSIONISTI SIMILE IN EUROPA E NEL MONDO»

E in che modo un terapista della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva riesce ad aiutare i bambini che presentato questi disturbi? «Si propongono dei compiti dai tempi molto ridotti – risponde l’esperta -. In altre parole, ognuna viene divisa in micro-step, in modo da permettere al bambino di pianificare lentamente la sua attività, azione dopo azione, fino al compimento di un gesto prassico ben definito. È necessario, dunque, scomporre il compito in più fasi: organizzare lo spazio di lavoro, definire l’obiettivo, scegliere di volta in volta il materiale più adatto, per poi cominciare il lavoro vero e proprio».

Acquisite queste fasi il bambino riesce a procedere in modo autonomo? «Il nostro obiettivo è proprio questo: rendere il bambino quanto più autonomo possibile. E normalmente un bambino ci riesce, soprattutto se ben motivato a sfidare se stesso. Non è un caso che i piccoli affetti da un disturbo della coordinazione motoria molto spesso si ritrovino ad avere anche problemi di bassa autostima. Percepiscono delle diversità rispetto agli altri compagni: non saper giocare a pallone, non essere in grado di andare in bicicletta o sui pattini, non saper fare le costruzioni, sono tutte situazioni che possono mettere a disagio, inducendo il bambino a chiudersi in se stesso. Per questo, un intervento precoce di terapia della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva è fondamentale: evita che il bambino, oltre al disturbo prassico-motorio, possa sperimentare anche altre difficoltà legate alla bassa autostima. La soluzione più efficace? Non solo stimolarlo con la terapia ma – conclude l’esperta – gratificarlo ad ogni successo raggiunto».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...