Professioni Sanitarie 9 Aprile 2020

Covid19, maxi Ordine professioni sanitarie contesta esclusione da Fondo di solidarietà per vittime

«È riprovevole constatare che le nostre Istituzioni, seppur più volte allertate, hanno escluso la maggior parte delle professioni sanitarie dalle iniziative di solidarietà in favore delle vittime della pandemia Covid-19» sottolinea il Presidente del maxi Ordine Alessandro Beux

«La Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, è profondamente ferita dalla illegittima e incostituzionale esclusione della maggior parte delle professioni sanitarie dal fondo per i familiari delle vittime di Covid-19. Auspichiamo che il Legislatore vi ponga rimedio immediatamente». Così, in una nota, il Presidente della FNO TSRM e PSTRP Alessandro Beux.

«È riprovevole constatare che le nostre Istituzioni, seppur più volte allertate, hanno escluso la maggior parte delle professioni sanitarie dalle iniziative di solidarietà in favore delle vittime della pandemia Covid-19. È intollerabile che lo Stato distingua tra vittime di serie A e vittime di Serie B», continua la nota.

«Assurdo dover rivendicare l’ovvio – afferma Alessandro Beux – ma non si può tacere di fronte a tali scempi del diritto e del rispetto della dignità e della vita umana».

«Tra i professionisti impegnati nel contrasto al Covid-19 abbiamo registrato 7 morti: 3 Educatori professionali, 2 Tecnici di radiologia, 1 Tecnico di laboratorio e una Fisioterapista. Meno di altre professioni, ma pur sempre morti nell’esercizio della professione, per la stessa esposizione, per la stessa patologia».

«Quando il fondo sarà istituito, i famigliari di queste vittime non potranno accedervi perché le professioni alle quali appartenevano non sono contemplate dalla legge. Da settimane abbiamo intrapreso una campagna di sensibilizzazione proprio al fine di prevenire le possibili conseguenze negative di una comunicazione e rappresentazione parziale della realtà».

«Delle due l’una: o l’Onorevole Faraone, primo firmatario dell’emendamento all’art. 22 dell’AS n. 1766, conversione in legge del DL 17 marzo 2020, n.18 sapeva e ha scelto di prevedere il fondo di solidarietà solo per medici, infermieri e OSS, oppure ha scritto il testo dell’emendamento senza conoscere il mondo professionale per cui l’ha pensato, trasformando una buona e condivisibile intenzione in uno scempio. In entrambi i casi, ha sbagliato. Ma hanno sbagliato anche gli altri firmatari dell’emendamento e i Componenti della Commissione Bilancio del Senato che l’hanno votato così come gli è stato presentato».

«Eppure non è così difficile avere una rappresentazione corretta del mondo professionale che opera in sanità, basta fare riferimento alle apposite pagine del sito del Ministero della salute; o confrontarsi preventivamente con chi, come il Ministero della salute e gli Ordini professionali di riferimento, può supportare il Legislatore».

«Subito dopo, in linea con le istanze trasmesse con le note del 25 marzo e del 7 Aprile, -commenta l’avv. Laila Perciballi, referente della Federazione per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori dell’Ordine – ci si aspetta la costituzione di un apposito tavolo di conciliazione, e relativa procedura, al fine di disincentivare azioni giudiziali rendendo obbligatoria preliminarmente la domanda di accesso al medesimo istituto».

Articoli correlati
TSRM e radioprotezione, varato il D.Lgs. 101 sulle norme fondamentali di sicurezza. FNO TSRM e PSTRP: «Figura ne esce rafforzata»
La nuova normativa inerente i principi generali di radioprotezione, nella sezione che riguarda le esposizioni mediche, supera il paradigma pre legge 42/99 che aveva fortemente caratterizzato il decreto legislativo 187/2000, verso il nuovo modello organizzativo fondato sul lavoro d’équipe, la competenza dei professionisti, il rispetto delle autonomie, l’interdisciplinarità, le procedure, i protocolli (algoritmi decisionali)
Massofisioterapisti, F.I.MFT: «C’è ancora tanto da fare»
Nonostante l’istituzione, presso l’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, dell’elenco speciale Massofisioterapisti (dm 9/8/19, art.5), sono ancora tante le improrogabili necessità e problematiche legate alla categoria dei Massofisioterapisti. Da tempo la F.I.MFT (Federazione Italiana Massofisioterapisti) si adopera e collabora con le Istituzioni al fine […]
di Giacomo Russo, Presidente F.I.MFT (include AIMFI, AIMTES e AMS)
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Contenziosi in aumento, fare presto su tavolo di conciliazione»
Il presidente della FNO TSRM e PSTRP: «L’ospedale si attiva quando il territorio ha perso. Prima, sempre e ovunque viene il territorio; solo dopo, solo quando serve e solo laddove è necessario si attiva l’ospedale»
Ostetriche. Vaccari (FNOPO): «Necessarie 20mila assunzioni nei consultori»
La vice presidente della Federazione Nazionale: «Dotare le ostetriche del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza. Altrimenti la donna sarà sempre costretta a migrare verso altri professionisti»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...