Professioni Sanitarie 26 Ottobre 2021 10:07

Continuità assistenziale ospedale-territorio. Traupe (FNOPO): «L’insostituibile ruolo dell’ostetrica dai consultori alle case della comunità»

La continuità assistenziale può anche procedere nella direzione opposta, dal territorio verso l’ospedale. L’ostetrica: «Intercettiamo le donne a rischio e le guidiamo verso le cure nosocomiali, al termine delle quali, in caso di cronicità le donne tornano nelle mani dell’assistenza territoriale»

di Isabella Faggiano

Capillarizzare l’assistenza territoriale ed incrementare le cure domiciliari sono tra gli obiettivi cardine della missione 6 del Piano nazionale di ripresa e resilienza, quella dedicata alla Sanità. Traguardi a cui la FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica, punta già da diversi anni. «È indispensabile garantire a tutte le donne, dall’età prepuberale alla post menopausa, una continuità assistenziale, dalle strutture ospedaliere al territorio e viceversa», dice Martha Traupe, consigliere nazionale FNOPO.

L’agenda della gravidanza

La continuità assistenziale per le donne in dolce attesa è già largamente diffusa in molte regioni d’Italia grazie all’istituzione dell’Agenda della gravidanza, «un’iniziativa attraverso la quale – sottolinea l’ostetrica – è possibile offrire alle donne incinte tutti i servizi sanitari previsti dai Lea (Livelli essenziali di assistenza). Soprattutto, l’Agenda ci permette di incontrare e conoscere tutte le donne gravide, così da programmare, per loro e insieme a loro, gli esami diagnostici e strumentali previsti dalle Linee Guida nei diversi mesi di gestazione».

Vicine alle donne in ogni fase della vita

Pur essendo di fondamentale importanza seguire la donna durante la gestazione e nel post parto, si tratta di un periodo limitato della vita, non sufficiente a garantire il benessere femminile nella sua totalità. «La donna, anche prima che diventi a tutti gli effetti tale – e quindi nell’età puberale – fino alla terza età, va supportata in un percorso che integri l’assistenza ospedaliera a quella territoriale». Il cardine di questa integrazione sono i consultori che, se adeguatamente strutturati, sono in grado di garantire, percorsi specifici adeguati alle diverse età.

«Si va dal servizio per l’adolescenza che accoglie le ragazze fino ai 24 anni, ai percorsi dedicati alla famiglia – racconta l’esperta -. In ognuno di questi, il ruolo dell’ostetrica, che opera all’interno di un’equipe multidisciplinare, è fondamentale. L’ostetrica sostiene le giovani non ancora donne che si affacciano alla vita sessuale, così come le signore che devono affrontare gli screening per la prevenzione oncologica consigliati a seconda delle differenti fasce di età».

Dal territorio all’ospedale e viceversa

Tutti questi percorsi sono stati progettati proprio per garantire la continuità dell’assistenza dall’ospedale al territorio. Tuttavia, tale continuità assistenziale può anche procedere nella direzione opposta, dal territorio verso l’ospedale. «Esistono altre tipologie di percorsi come l’interruzione volontaria di gravidanza, la mamma segreta (la possibilità di partorire in anonimato), il codice rosa, il percorso genitoriale, lo sportello anti-violenza che intercettano le donne nel territorio in cui vivono per inviarle, laddove necessario, alle strutture ospedaliere. Attraversata la fase acuta della problematica, in caso di cronicità, le donne – spiega Traupe – tornano ad usufruire dell’assistenza territoriale presso il consultorio».

Un ruolo da protagonista anche nelle case della comunità

Come in tutti i settori della sanità pubblica, anche in tema di consultori la realtà italiana appare tutt’altro che omogenea. «Si tratta di carenze strutturali che si auspica possano essere colmante attraverso gli interventi previsti dal Pnrr. L’ostetrica, infatti, punta ad un ruolo da protagonista anche nelle case delle comunità, che non rappresenteranno una sovrapposizione o sostituzione dei consultori, ma un ampliamento e rafforzamento dei servizi sanitari offerti a livello territoriale. Tuttavia, crediamo che nelle Regioni in cui i consultori hanno già raggiunto una capacità di assistenza elevata, le case della comunità non ne rappresenteranno un duplicato, né avranno la pretesa di sostituire un modello di assistenza collaudato e consolidato», dice Traupe.

Gestione ostetrica delle gravidanze a basso rischio

Piuttosto l’integrazione di queste due importanti realtà, i consultori e le case della comunità, potranno contribuire alla realizzazione di un altro obiettivo: la gestione ostetrica delle gravidanze a basso rischio, così come previsto dalle linee guida. «Sono già diversi anni che a noi ostetriche è stata riconosciuta la possibilità di gestione delle gravidanze a basso rischio, una possibilità che si è concretizzata solo in poche realtà. Per questo, speriamo che i grandi cambiamenti previsti in sanità nei prossimi cinque anni – conclude la professionista sanitaria – ci portino alla piena realizzazione anche di quest’ulteriore e fondamentale obiettivo».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Abusivismo, Cerchiaro (TSRM PSTRP Genova): «Segnaliamo ai NAS chi non ha completato domanda di iscrizione»
Per il Presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Genova e membro del Comitato centrale della Federazione è fondamentale la collaborazione dei cittadini: «A Genova circa 150 domande non completate. Cittadini segnalino se hanno dubbi, preziosa loro collaborazione»
di Francesco Torre
Professioni sanitarie, Riposati: (educatori professionali): «Parola d’ordine, multidisciplinarietà»
Intervista al presidente della commissione d’albo nazionale, intervenuto al secondo congresso nazionale della Federazione Nazionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione
«Con il PNRR ci aspettiamo una rivoluzione del sistema dei laboratori». Parla Saverio Stanziale, presidente della CdA dei TSLB
Il presidente della Commissione d’Albo dei Tecnici Sanitari di Laboratorio biomedico promuove l’innovazione del direttore assistenziale in Emilia Romagna e sottolinea: «Può tradurre al meglio le nostre competenze». Poi chiede l’ampliamento della formazione universitaria di base
di Francesco Torre
Congresso FNO TSRM PSTRP, il vicepresidente Diego Catania: «Il futuro è multidisciplinare, stare insieme è la sfida del domani»
Giornata conclusiva del secondo Congresso nazionale del maxiordine delle professioni sanitarie. Il delegato alla Comunicazione Diego Catania spiega: «Dobbiamo far conoscere ai cittadini le competenze delle 19 professioni sanitarie che anche nella pandemia hanno svolto un ruolo importante». Intanto la Federazione cambia logo
di Francesco Torre e Arnaldo Iodice
Ostetriche in Usca, continuità assistenziale in ospedale: le richieste di FNOPO ad Agenas
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica ha avviato una collaborazione con l’Agenas nell’ambito del “Progetto sulla definizione di una metodologia per la determinazione del fabbisogno del personale sanitario”. La presidente FNOPO: «Abbiamo offerto il nostro contributo per illustrare le peculiarità e le problematiche della nostra professione»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano