Professioni Sanitarie 26 Ottobre 2021 10:07

Continuità assistenziale ospedale-territorio. Traupe (FNOPO): «L’insostituibile ruolo dell’ostetrica dai consultori alle case della comunità»

La continuità assistenziale può anche procedere nella direzione opposta, dal territorio verso l’ospedale. L’ostetrica: «Intercettiamo le donne a rischio e le guidiamo verso le cure nosocomiali, al termine delle quali, in caso di cronicità le donne tornano nelle mani dell’assistenza territoriale»

di Isabella Faggiano

Capillarizzare l’assistenza territoriale ed incrementare le cure domiciliari sono tra gli obiettivi cardine della missione 6 del Piano nazionale di ripresa e resilienza, quella dedicata alla Sanità. Traguardi a cui la FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica, punta già da diversi anni. «È indispensabile garantire a tutte le donne, dall’età prepuberale alla post menopausa, una continuità assistenziale, dalle strutture ospedaliere al territorio e viceversa», dice Martha Traupe, consigliere nazionale FNOPO.

L’agenda della gravidanza

La continuità assistenziale per le donne in dolce attesa è già largamente diffusa in molte regioni d’Italia grazie all’istituzione dell’Agenda della gravidanza, «un’iniziativa attraverso la quale – sottolinea l’ostetrica – è possibile offrire alle donne incinte tutti i servizi sanitari previsti dai Lea (Livelli essenziali di assistenza). Soprattutto, l’Agenda ci permette di incontrare e conoscere tutte le donne gravide, così da programmare, per loro e insieme a loro, gli esami diagnostici e strumentali previsti dalle Linee Guida nei diversi mesi di gestazione».

Vicine alle donne in ogni fase della vita

Pur essendo di fondamentale importanza seguire la donna durante la gestazione e nel post parto, si tratta di un periodo limitato della vita, non sufficiente a garantire il benessere femminile nella sua totalità. «La donna, anche prima che diventi a tutti gli effetti tale – e quindi nell’età puberale – fino alla terza età, va supportata in un percorso che integri l’assistenza ospedaliera a quella territoriale». Il cardine di questa integrazione sono i consultori che, se adeguatamente strutturati, sono in grado di garantire, percorsi specifici adeguati alle diverse età.

«Si va dal servizio per l’adolescenza che accoglie le ragazze fino ai 24 anni, ai percorsi dedicati alla famiglia – racconta l’esperta -. In ognuno di questi, il ruolo dell’ostetrica, che opera all’interno di un’equipe multidisciplinare, è fondamentale. L’ostetrica sostiene le giovani non ancora donne che si affacciano alla vita sessuale, così come le signore che devono affrontare gli screening per la prevenzione oncologica consigliati a seconda delle differenti fasce di età».

Dal territorio all’ospedale e viceversa

Tutti questi percorsi sono stati progettati proprio per garantire la continuità dell’assistenza dall’ospedale al territorio. Tuttavia, tale continuità assistenziale può anche procedere nella direzione opposta, dal territorio verso l’ospedale. «Esistono altre tipologie di percorsi come l’interruzione volontaria di gravidanza, la mamma segreta (la possibilità di partorire in anonimato), il codice rosa, il percorso genitoriale, lo sportello anti-violenza che intercettano le donne nel territorio in cui vivono per inviarle, laddove necessario, alle strutture ospedaliere. Attraversata la fase acuta della problematica, in caso di cronicità, le donne – spiega Traupe – tornano ad usufruire dell’assistenza territoriale presso il consultorio».

Un ruolo da protagonista anche nelle case della comunità

Come in tutti i settori della sanità pubblica, anche in tema di consultori la realtà italiana appare tutt’altro che omogenea. «Si tratta di carenze strutturali che si auspica possano essere colmante attraverso gli interventi previsti dal Pnrr. L’ostetrica, infatti, punta ad un ruolo da protagonista anche nelle case delle comunità, che non rappresenteranno una sovrapposizione o sostituzione dei consultori, ma un ampliamento e rafforzamento dei servizi sanitari offerti a livello territoriale. Tuttavia, crediamo che nelle Regioni in cui i consultori hanno già raggiunto una capacità di assistenza elevata, le case della comunità non ne rappresenteranno un duplicato, né avranno la pretesa di sostituire un modello di assistenza collaudato e consolidato», dice Traupe.

Gestione ostetrica delle gravidanze a basso rischio

Piuttosto l’integrazione di queste due importanti realtà, i consultori e le case della comunità, potranno contribuire alla realizzazione di un altro obiettivo: la gestione ostetrica delle gravidanze a basso rischio, così come previsto dalle linee guida. «Sono già diversi anni che a noi ostetriche è stata riconosciuta la possibilità di gestione delle gravidanze a basso rischio, una possibilità che si è concretizzata solo in poche realtà. Per questo, speriamo che i grandi cambiamenti previsti in sanità nei prossimi cinque anni – conclude la professionista sanitaria – ci portino alla piena realizzazione anche di quest’ulteriore e fondamentale obiettivo».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
PNRR, in Sicilia tre gare per potenziare i servizi socio-sanitari e il patrimonio immobiliare sanitario
La procedura è gestita da Invitalia. L'iniziativa si inserisce nell'ambito del supporto tecnico operativo reso disponibile dal Ministero dell'economia e delle Finanze e dal Ministero della Salute alle Regioni e agli Enti del servizio sanitario regionale
PNRR: Uneba, più risorse per il non profit dedicato ad anziani e fragili
Uneba ha scritto una lettera aperta alle istituzioni per chiedere una maggiore attenzione al non profit del sociosanitario che ogni giorno si prendono cura di centinaia di migliaia di uomini e donne anziani, non autosufficienti, disabili, fragili
Pnrr: con PRP@CERIC nuova infrastruttura di ricerca per studiare agenti patogeni
Un'infrastruttura di ricerca altamente specializzata, unica in Europa, che integra strumentazioni e competenze in biologia, biochimica, fisica, bio-elettronica, bio-informatica e scienza dei dati per studiare agenti patogeni di origine umana, animale e vegetale e intervenire rapidamente per contrastare la diffusione di possibili nuovi focolai di malattie. Questo è l'obiettivo del progetto PRP@CERIC, finanziato con 41 milioni di euro dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza
Pnrr: Toscana, 5,6 milioni di euro contro i rischi da clima e ambiente
Grazie alle risorse messe a disposizione dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), la Toscana avrà a disposizione circa 5 milioni e 623 mila euro per l’acquisto di strumentazioni e macchinari al servizio del sistema di prevenzione della salute dai rischi ambientali e climatici. L’obiettivo è quindi quello di prevenire, controllare e curare le […]
Giornata malattie rare, l’approccio multiprofessionale della FNO TSRM PSTRP a sostegno dei pazienti
Tra le varie iniziative in cantiere sul tema delle malattie rare la FNO TSRM PSTRP ha in programma per il prossimo 29 giugno un evento formativo in occasione della Giornata mondiale della Sclerodermia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...