Professioni Sanitarie 26 Ottobre 2021 10:07

Continuità assistenziale ospedale-territorio. Traupe (FNOPO): «L’insostituibile ruolo dell’ostetrica dai consultori alle case della comunità»

La continuità assistenziale può anche procedere nella direzione opposta, dal territorio verso l’ospedale. L’ostetrica: «Intercettiamo le donne a rischio e le guidiamo verso le cure nosocomiali, al termine delle quali, in caso di cronicità le donne tornano nelle mani dell’assistenza territoriale»

di Isabella Faggiano

Capillarizzare l’assistenza territoriale ed incrementare le cure domiciliari sono tra gli obiettivi cardine della missione 6 del Piano nazionale di ripresa e resilienza, quella dedicata alla Sanità. Traguardi a cui la FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica, punta già da diversi anni. «È indispensabile garantire a tutte le donne, dall’età prepuberale alla post menopausa, una continuità assistenziale, dalle strutture ospedaliere al territorio e viceversa», dice Martha Traupe, consigliere nazionale FNOPO.

L’agenda della gravidanza

La continuità assistenziale per le donne in dolce attesa è già largamente diffusa in molte regioni d’Italia grazie all’istituzione dell’Agenda della gravidanza, «un’iniziativa attraverso la quale – sottolinea l’ostetrica – è possibile offrire alle donne incinte tutti i servizi sanitari previsti dai Lea (Livelli essenziali di assistenza). Soprattutto, l’Agenda ci permette di incontrare e conoscere tutte le donne gravide, così da programmare, per loro e insieme a loro, gli esami diagnostici e strumentali previsti dalle Linee Guida nei diversi mesi di gestazione».

Vicine alle donne in ogni fase della vita

Pur essendo di fondamentale importanza seguire la donna durante la gestazione e nel post parto, si tratta di un periodo limitato della vita, non sufficiente a garantire il benessere femminile nella sua totalità. «La donna, anche prima che diventi a tutti gli effetti tale – e quindi nell’età puberale – fino alla terza età, va supportata in un percorso che integri l’assistenza ospedaliera a quella territoriale». Il cardine di questa integrazione sono i consultori che, se adeguatamente strutturati, sono in grado di garantire, percorsi specifici adeguati alle diverse età.

«Si va dal servizio per l’adolescenza che accoglie le ragazze fino ai 24 anni, ai percorsi dedicati alla famiglia – racconta l’esperta -. In ognuno di questi, il ruolo dell’ostetrica, che opera all’interno di un’equipe multidisciplinare, è fondamentale. L’ostetrica sostiene le giovani non ancora donne che si affacciano alla vita sessuale, così come le signore che devono affrontare gli screening per la prevenzione oncologica consigliati a seconda delle differenti fasce di età».

Dal territorio all’ospedale e viceversa

Tutti questi percorsi sono stati progettati proprio per garantire la continuità dell’assistenza dall’ospedale al territorio. Tuttavia, tale continuità assistenziale può anche procedere nella direzione opposta, dal territorio verso l’ospedale. «Esistono altre tipologie di percorsi come l’interruzione volontaria di gravidanza, la mamma segreta (la possibilità di partorire in anonimato), il codice rosa, il percorso genitoriale, lo sportello anti-violenza che intercettano le donne nel territorio in cui vivono per inviarle, laddove necessario, alle strutture ospedaliere. Attraversata la fase acuta della problematica, in caso di cronicità, le donne – spiega Traupe – tornano ad usufruire dell’assistenza territoriale presso il consultorio».

Un ruolo da protagonista anche nelle case della comunità

Come in tutti i settori della sanità pubblica, anche in tema di consultori la realtà italiana appare tutt’altro che omogenea. «Si tratta di carenze strutturali che si auspica possano essere colmante attraverso gli interventi previsti dal Pnrr. L’ostetrica, infatti, punta ad un ruolo da protagonista anche nelle case delle comunità, che non rappresenteranno una sovrapposizione o sostituzione dei consultori, ma un ampliamento e rafforzamento dei servizi sanitari offerti a livello territoriale. Tuttavia, crediamo che nelle Regioni in cui i consultori hanno già raggiunto una capacità di assistenza elevata, le case della comunità non ne rappresenteranno un duplicato, né avranno la pretesa di sostituire un modello di assistenza collaudato e consolidato», dice Traupe.

Gestione ostetrica delle gravidanze a basso rischio

Piuttosto l’integrazione di queste due importanti realtà, i consultori e le case della comunità, potranno contribuire alla realizzazione di un altro obiettivo: la gestione ostetrica delle gravidanze a basso rischio, così come previsto dalle linee guida. «Sono già diversi anni che a noi ostetriche è stata riconosciuta la possibilità di gestione delle gravidanze a basso rischio, una possibilità che si è concretizzata solo in poche realtà. Per questo, speriamo che i grandi cambiamenti previsti in sanità nei prossimi cinque anni – conclude la professionista sanitaria – ci portino alla piena realizzazione anche di quest’ulteriore e fondamentale obiettivo».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute mentale, Famulari (AITeRP): «La cura va oltre i sintomi: è necessario affrontare lo stress, gestire le emozioni ed avere una prospettiva di vita»
Recovery e neuroscienze al centro del 2° Congresso Nazionale AITeRP: “La nuova sfida delle evidenze scientifiche e buone pratiche nei trattamenti riabilitativi in salute mentale”. La presidente Famulari: «Per la nostra Associazione rappresenterà il completamento della trasformazione da associazione maggiormente rappresentativa dei TeRP ad Associazione Tecnico-Scientifica».
PNRR, al via la sfida per l’integrazione sociosanitaria tra territorio e digitalizzazione
A Napoli il Laboratorio Sanità 20/30, tra punti cruciali gli investimenti per la formazione e i contratti per la dirigenza
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 agosto, sono 582.020.558 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.412.807 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale