Professioni Sanitarie 30 Marzo 2021 12:55

Chiropratici, in Italia nasce il comitato scientifico per la ricerca in campo sanitario

Wiliams (AIC): «Lotta all’abusivismo e istituzione di una laurea magistrale, come previsto dagli standards internazionali e dalla legge nazionale mai attuata, tra le priorità della nostra Associazione»

di Isabella Faggiano
Chiropratici, in Italia nasce il comitato scientifico per la ricerca in campo sanitario

Dimostrare, attraverso studi validati scientificamente l’efficacia dei trattamenti chiropratici, combattere l’abusivismo professionale e istituire un percorso di laurea magistrale in chiropratica sono tra i principali obiettivi dell’Aic, l’Associazione Italiana Chiropratici. In particolare, per promuovere la ricerca scientifica, l’Aic ha recentemente istituito il “Reaserch Committee”, un comitato scientifico composto da professori universitari ed esperti del mondo accademico internazionale.
«I benefici della chiropratica sono già ampiamente dimostrati a livello internazionale, specie negli Stati Uniti dove operano oltre 70mila professionisti e la letteratura scientifica produce ricerche di valenza internazionale – spiega Joseph Cannillo, a capo del neonato Comitato Scientifico di Ricerca -. Ora vogliamo che anche i chiropratici italiani possano contribuire alla promozione di informazioni corrette sui benefici effettivi della chiropratica».

Gli studi scientifici

Le prime quattro ricerche a cui si dedicherà il nuovo Comitato sono state già programmate. «Cominceremo con un monitoraggio dello stato di salute dei pazienti che si rivolgono alla chiropratica, attraverso specifici test compilati prima ed alla fine del trattamento chiropratico – spiega Cannillo -. Il secondo step si avvarrà della spettroscopia nel vicino infrarosso, (Functional Near-Infrared Spectroscopy, fNIRS), tecnica non-invasiva di neuroimaging funzionale che misura la saturazione dell’emoglobina (HbO2%) nel sistema vascolare cerebrale. Grazie a questo ulteriore monitoraggio sarà possibile evidenziare i cambiamenti dell’ossigenazione cerebrale attraverso l’intervento chiropratico».

Per la terza ricerca sarà utilizzata la spettroscopia di bioimpedenza (BIS), l’unica tecnologia non invasiva a basso costo in grado di misurare con precisione i volumi di acqua presenti nel corpo e i fluidi extracellulari e intracellulari di un paziente in un contesto clinico. «In questo modo – commenta il capo del Comitato Scientifico di Ricerca – sarà possibile valutare i benefici del trattamento di manipolazione spinale, incluso il rafforzamento muscolare. Infine, il quarto contributo, l’ultimo per ora programmato, analizzerà la relazione tra manipolazione chiropratica e Sistema Endocannibonide. Attraverso un’analisi del sangue – da effettuare prima e dopo la seduta – si verificherà la quantità di chitochine presenti, così da evidenziare l’eventuale miglioramento dello stato infiammatorio grazie all’aggiustamento chiropratico».

Chi può iscriversi all’Aic

Per il completamento di alcuni di questi studi sarà necessario il supporto di laboratori ed università. L’istituzione di un corso di laurea in chiropratica è, infatti, un altro dei principali traguardi che l’Aic intende raggiungere. «I dottori chiropratici che fanno parte della nostra Associazione – specifica il presidente John Williams – hanno conseguito una specifica laurea magistrale con almeno cinque anni di frequenza obbligatoria presso college e università riconosciuti a livello internazionale e in linea con i severi standard formativi stabiliti dal Council on Chiropractic Education».

La lotta all’abusivismo professionale

«Gli iscritti all’Aic – sottolinea il presidente dell’Associazione – sono attualmente 225, ma abbiamo notizia di altri 200 chiropratici presenti sul nostro territorio. Senza contare coloro che si dichiarano chiropratici ma non lo sono, esercitando la professione in modo abusivo. La lotta all’abusivismo – continua il presidente Aic -, in Italia, è affidata nei fatti esclusivamente alla serietà della nostra Associazione. Se professionisti non in linea con i titoli richiesti dagli standards internazionali chiedessero di esercitare in un Paese come gli Stati Uniti, il Canada, l’Australia, l’Inghilterra o la Danimarca gli verrebbe negato il permesso, in quanto non laureati e quindi senza formazione adeguata in materia. Verrebbero ritenuti inadatti nel garantire la sicurezza del paziente. Inoltre, se cercassero comunque di esercitare come chiropratici, andrebbero incontro a severe sanzioni civili e penali, come l’abuso della professione».

In Italia urge istituire un corso di laurea magistrale

«Il vuoto normativo italiano è purtroppo complice nell’accomunare coloro che hanno ottenuto in molti casi false certificazioni e fantomatiche lauree da università online o non riconosciute, seppur segnalate in un’apposita lista nera del Ministero dell’Istruzione. In Italia, tuttora, non esiste un corso di laurea e, stando alla legge Lorenzin, dovrebbe esserne istituito uno di tipo triennale. Una prospettiva che ci allarma non poco: la nostra professione non può essere appresa in soli tre anni. In nessuna parte del mondo esiste una laurea triennale in chiropratica e l’Italia potrebbe stabilire un precedente che – conclude Williams – equivarrebbe ad una declassificazione della nostra professione».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea
Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»
Elezioni 2022, la FNO TSRM e PSTRP scrive ai leader di partiti e movimenti politici
La Presidente Calandra: «Disponibili a un confronto con i candidati e gli eletti»
TSRM a Congresso dal 23 al 25 settembre, le richieste di Galdieri (CdA)
Al Congresso si parlerà di PNRR e delle questioni irrisolte della professione. La presidente della Cda Carmela Galdieri commenta il rinnovo del contratto del comparto: «Bene sulla valorizzazione ma molte perplessità sulla parte economica». Poi chiede di rivedere l’iter formativo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi