Professioni Sanitarie 8 Novembre 2019

A Bologna il XXIX Congresso AIDI, focus su infiammazione cronica sistemica e fattori di rischio della malattia parodontale

Il 15 e 16 novembre il Congresso dell’Associazione Igienisti Dentali Italiani dal titolo “Risk Factors, Staging e Grading…la vera sfida per la stabilità parodontale”

Il XXIX Congresso Nazionale AIDI, l’Associazione Igienisti Dentali Italiani, che si svolgerà a Bologna il 15-16 novembre 2019, dal titolo Risk Factors, Staging e Grading…la vera sfida per la stabilità parodontale”, avrà come elemento portante un tema attualissimo: l’infiammazione.

Come è noto, la malattia parodontale, patologia ad eziologia batterica multifattoriale, è caratterizzata da un processo infiammatorio cronico ad andamento ciclico sito-specifico, con perdita progressiva dei tessuti di sostegno del dente. È stato quindi sviluppato un programma che parlasse dei fattori di rischio, ma che nel contempo definisse le azioni di prevenzione necessarie per la sua riduzione, analizzando il percorso, dalla risposta infiammatoria alla ricerca dei mezzi più idonei per la gestione dell’infiammazione a livello parodontale.

LEGGI ANCHE: #UNGIORNOCON | IGIENISTA DENTALE. DASCOLA (AIDI): «COSÌ MIGLIORIAMO IL SORRISO DEI NOSTRI PAZIENTI»

Si partirà dalla risposta fisiologica per approdare all’Infiammazione Cronica Sistemica, killer silenzioso alla base di svariate patologie, che si ripercuotono anche sul cavo orale e nello specifico a livello parodontale attraverso un percorso bidirezionale.

Si osserverà la risposta immunitaria legata a condizioni sistemiche, il ruolo dell’igiene orale nella risoluzione del processo infiammatorio a livello locale e gli obiettivi che i professionisti sanitari (odontoiatri e igienisti dentali) dovranno porsi nell’approccio sistemico alla malattia parodontale. Negli otto corsi monografici si parlerà di nutraceutica per la salute orale, del fumo come fattore di rischio più significativo nello sviluppo e nella progressione della parodontite, dei tools di valutazione del rischio parodontale e della terapia di supporto alla luce della nuova classificazione, dell’effetto delle droghe sul cavo orale, del mantenimento odontoprotesico in età senile e si affronteranno temi fiscali, aspetti legali, etici e assicurazione professionale.

Queste conoscenze permetteranno di attuare una strategia terapeutica globale nel trattamento della malattia parodontale, alla luce dell’influenza degli stili di vita e delle malattie sistemiche.

Tra gli ospiti del Congresso anche il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP Alessandro Beux e il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Filippo Anelli.

Articoli correlati
#UnGiornoCon | Igienista dentale. Dascola (Aidi): «Così miglioriamo il sorriso dei nostri pazienti»
Importante lo spazio dedicato all’accoglienza e al colloquio. L’esperta: «Durante ogni visita è necessario dedicare spazio al colloquio: conoscere la storia dentale del paziente garantisce il raggiungimento di migliori risultati»
di Isabella Faggiano
Igienisti dentali, 89% neo-laureati trova lavoro dopo pochi mesi. Abbinante (Aidi): «Affidare gli insegnamenti universitari ai professionisti di categoria»
circa il 75% dei professionisti ha già provveduto a mettersi in regola con il nuovo assetto ordinistico. «Alla metà di gennaio - ha commentato la presidente dell'Associazione Igienisti dentali italiani - si contavano ben 5.900 igienisti dentali iscritti all’albo, numero che continua a crescere di giorno in giorno
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 aprile, sono 1.602.885 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 95.745 i decessi e 355.514 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino del...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...