Professioni Sanitarie 6 Maggio 2019

#UnGiornoCon | Igienista dentale. Dascola (Aidi): «Così miglioriamo il sorriso dei nostri pazienti»

Importante lo spazio dedicato all’accoglienza e al colloquio. L’esperta: «Durante ogni visita è necessario dedicare spazio al colloquio: conoscere la storia dentale del paziente garantisce il raggiungimento di migliori risultati»

di Isabella Faggiano

«Ci occupiamo del sorriso dei nostri pazienti, a tutte le età, anche ancor prima che nascano, istruendo le future mamme durante i corsi preparto». A parlare ai microfoni di Sanità Informazione è Sara Dascola, igienista dentale e consigliere regionale del Lazio dell’Aidi, l’Associazione Igientisti Dentali Italiani.

La dottoressa Dascola ci ha accolto all’interno del suo studio per mostrarci alcune delle prestazioni che svolge nel corso delle sue visite. Intanto, in attesa del primo paziente della giornata, l’igienista dentale chiarisce le principali competenze professionali della categoria. «Ci occupiamo di prevenzione per evitare l’insorgenza di alcune patologie orali come la carie o la parodontite – dice Dascola -. Ci dedichiamo al mantenimento della salute orale, intercettiamo problematiche importanti come i tumori della bocca e contribuiamo notevolmente al miglioramento estetico del sorriso dei pazienti».

Terminate le descrizioni preliminari è ormai giunta l’ora di accogliere il prossimo paziente che, concluse le presentazioni, ci permette di rimanere all’interno dello studio con le telecamere accese per assistere al suo trattamento.

«Durante ogni visita – spiega la professionista – è necessario dedicare spazio all’accoglienza e al colloquio: conoscere la storia dentale del paziente garantisce il raggiungimento di migliori risultati». Ed è ciò che è accaduto anche durante la visita alla quale abbiamo assistito. La paziente ha immediatamente preso la parola raccontando di aver effettuato un’igiene orale a cura di un professionista sei mesi prima, di avere alcune difficoltà a passare il filo interdentale tra i denti anteriori, percependo un accumulo di tartaro in quella stessa zona, e di trovare sgradevoli le macchie di nicotina causate dalle sigarette che abitualmente fuma.

Terminato il racconto, l’igienista dentale ha provveduto ad ispezionare la bocca della paziente per individuare eventuali problematiche e stabilire i trattamenti più adeguati. Dopodiché è passata all’azione, descrivendo il lavoro effettuato in tempo reale: «La paziente – spiega Sara Dascola – ha la necessità di essere sottoposta ad un’ablazione del tartaro semplice con ultrasuoni, per rimuovere depositi di tartaro e placche tra i denti. Successivamente, con il polish e uno spazzolino saranno rimosse anche le eventuali macchie di nicotina rimaste».

Alla fine del trattamento, a prescindere dalle sue peculiarità, l’igienista dentale dedica sempre alcuni minuti ai consigli sulle cure domiciliare, fino a fissare il successivo appuntamento. «Alla paziente che abbiamo appena trattato – commenta Dascola – consigliamo l’utilizzo di scovolini, filo interdentale, spazzolino elettrico e – conclude – un nuovo controllo a sei mesi per un ulteriore trattamento di igiene orale».

Articoli correlati
TSRM e PSTRP, Beux: «Elenchi speciali, ecco perché c’è la proroga fino al 30 giugno»
Il presidente del Maxi Ordine delle professioni sanitarie commenta le recenti elezioni per le Commissioni d’Albo provinciali: «Bassa affluenza segnala disaffezione verso istituzioni». E sulla Consulta: «Bene, ma ora programmazione»
Tecnici di laboratorio, ANTEL verso la trasformazione in ATS. Cabrini: «Fino alla costituzione della CdA Nazionale restiamo di supporto a Ordini»
La presidente dell’associazione dei Tecnici di laboratorio annuncia il passaggio ad Associazione Tecnico Scientifica. Ma prima della Costituzione della Commissione d’Albo nazionale «proseguirà nel 2020 con un mandato di vigilanza e linee di indirizzo politiche fino alla costituzione»
CIMO impugna la delibera del Veneto sulle competenze avanzate delle professioni sanitarie
«La deliberazione impugnata è in pretesa applicazione del contratto collettivo nazionale del comparto Sanità ed in contrasto con la normativa di legge nazionale», spiega il sindacato
Nasce la Consulta permanente delle professioni sanitarie. Speranza: «Luogo di confronto e dialogo»
Anelli (FNOMCeO): «Soddisfazione e orgoglio». Mangiacavalli (FNOPI): «Bene, ma non vi siano professioni di serie A e di serie B». Orlandi (FNCF): «Atto importante e necessario nell'interesse della salute di tutti». Cossolo (Federfarma): «Luogo di incontro e confronto». Beux (TSRM PSTRP): «Grande opportunità, ora dimostriamo di saperla cogliere»
Professioni sanitarie, Agostini (ANDID): «Ecco perché i dietisti giocano ruolo chiave nella prevenzione»
Sono circa 4mila i dietisti in Italia. La professione è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP. «Essere insieme a tutte le altre professioni non può che arricchirci» sottolinea Susanna Agostini, consigliere ANDID, Associazione Nazionale Dietisti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano