Professioni Sanitarie 20 Novembre 2020 10:38

Il 21 novembre 2020 è la Giornata dell’assistente sanitario

Un professionista di grande importanza nel mondo sanitario: in possesso della laurea in Assistenza sanitaria (L/SNT/4) abilitante all’esercizio della professione di Assistente sanitario, e dell’iscrizione all’albo presso gli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (TSRM e PSTRP). Rappresenta una delle prime figure professionali che si incontra in ambito della prevenzione fin dai primi giorni di vita, per le vaccinazioni dell’infanzia

Domani, sabato 21 novembre si celebra la Giornata dell’Assistente sanitario. La data è stata scelta in onore dell’anniversario della Carta di Ottawa sottoscritta da tutti gli Stati appartenenti all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel 1986. Durante quell’evento, infatti per la prima volta, veniva codificato il concetto di promozione della salute che, a distanza di 34 anni, costituisce un importante, quanto attuale, punto di riferimento per lo sviluppo delle politiche sanitarie nazionali e internazionali. La Giornata è importante per accendere i riflettori sulla figura fondamentale dell’Assistente Sanitario perché come sottolinea Maria Cavallo, presidente della Commissione di albo nazionale degli Assistenti sanitari, «sono innumerevoli le funzioni che svolge ed è giusto che se ne dia ampio risalto».

L’Assistente sanitario:

  • identifica i bisogni di salute sulla base dei dati epidemiologici e socio-culturali;
  • progetta, programma, attua e valuta gli interventi di educazione alla salute in tutte le fasi della vita della persona;
  • collabora alla definizione di campagne per la promozione e l’educazione sanitaria;
  • concorre alla formazione e all’aggiornamento degli operatori sanitari e scolastici per quanto concerne la metodologia dell’educazione sanitaria;
  • interviene nei programmi di pianificazione familiare e di educazione sanitaria, sessuale e socio-affettiva;
  • attua interventi specifici di sostegno alla famiglia e sorveglia, per quanto di sua competenza, le condizioni igienico-sanitarie nelle famiglie, nelle scuole e nelle comunità assistite e controlla l’igiene dell’ambiente e del rischio infettivo;
  • collabora agli interventi di promozione ed educazione alla salute nelle scuole;
  • concorre alle iniziative dirette alla tutela dei diritti dei cittadini con particolare riferimento alla promozione della salute e svolge attività didattico-formativa e di consulenza nei servizi, ove richiesta la sua competenza professionale;
  • agisce sia individualmente sia in collaborazione con altri operatori sanitari, sociali e scolastici, avvalendosi, ove necessario, dell’opera del personale di supporto.

«Pertanto, continua Maria Cavallo, è doveroso che il valore degli Assistenti sanitari sia riconosciuto pienamente; una Giornata come questa è utile per attuare questo processo. Inoltre occorre creare strutture e servizi che consentano di offrire un adeguato supporto al perseguimento della salute in tutti gli ambienti di vita e di lavoro e riorientare i servizi sanitari, in un’ottica che sempre di più valorizzi l’interazione, lo scambio e la collaborazione con altri settori a loro volta coinvolti nella realizzazione e nel miglioramento delle condizioni di salute. Infine sarebbe necessario potenziare attività di sostegno alle comunità, nelle scelte volte al conseguimento ed al mantenimento della salute dei cittadini che vi appartengono».

«Gli Assistenti sanitari hanno nella loro formazione un importante principio: comunicare la cultura della promozione della salute. Il miglioramento della salute e del benessere delle persone costituiscono l’obiettivo ultimo dello sviluppo economico e sociale. Così come i principi di equità, solidarietà, giustizia sociale, ma anche il riconoscimento delle differenze di sesso e la lotta al razzismo e alle discriminazioni, fanno parte del profondo spirito della salute per tutti, in quanto determinanti e prerequisiti che stanno alla base di essa – dichiara sempre Maria Cavallo – ed è fondamentale tenerlo sempre a mente, oggi che si celebra la giornata della professione ma anche durante il resto dell’anno».

QUANDO NASCONO GLI ASSISTENTI SANITARI 

«La storia italiana degli Assistenti sanitari ha inizio nel 1919, durante la grande pandemia chiamata “Spagnola”; 101 anni dopo, oggi questa professione è ancora in prima linea per il contenimento di un’altra pandemia, da “SARS-CoV-2”. Un piccolo ma resiliente manipolo di operatori depositari di una lunga tradizione di Sanità pubblica, di prevenzione, di filosofia del ben-essere. La nascita di una professione è sempre determinata da un bisogno sociale; nel 1919 era la necessità di far rinascere l’Italia, stremata e indebolita, oltre che dalla “Spagnola”, dalla Prima guerra mondiale con tutte le problematiche sociali che essa lasciava in eredità, oltre ad altre malattie prevalentemente a carattere infettivo. Diffondere gli Assistenti sanitari nel Paese ha significato, agli albori del secolo breve, compiere un atto storico di innovazione organizzativa: passare dal modello ospedalocentrico all’implementazione di una primigenia sanità territoriale, una vera rivoluzione. Le sfide di salute del XXI secolo saranno caratterizzate principalmente dalla lotta alle diseguaglianze, dalla presa in carico delle cronicità, dai cambiamenti climatici e dalle nuove emergenze epidemiche».

«E ancora – prosegue  gli Assistenti sanitari saranno protagonisti nella tutela della salute pubblica attraverso l’innovazione, in una chiave più moderna, in grado di sfruttare ciò che la tecnologia può permettere. Ecco quindi che oltre ai territori professionali ben esplorati delle attività di prevenzione classica (solo per citarne alcune: l’educazione alla salute, la pratica vaccinale, gli screening per le popolazioni a rischio, la comunicazione del rischio, la sorveglianza delle malattie infettive, la prevenzione nelle malattie cronico-degenerative, etc…) il loro agire si orienterà verso il futuro: la tele-medicina, la sanità digitale, i big data, il wearable health. Il destino di una professione storica, orientata al futuro e verso i giovani, il nostro patrimonio più grande perché come ha scritto William Shakespeare “Non è nelle stelle che è conservato il nostro destino, ma in noi stessi”».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dislipidemie e prevenzione, come intercettare i pazienti esposti ad alto rischio cardiovascolare?
Rosalba Cipriani, Responsabile del reparto di medicina dell’ospedale Fabrizio Spaziani di Frosinone, racconta a Sanità Informazione quanto è difficile sensibilizzare nel modo più efficace e capillare possibile la popolazione a rischio cardiovascolare
Colesterolo, Lazzeroni (cardiologo): «Il 70% dei nostri pazienti dislipidemici non è a target. C’è un problema di sensibilizzazione»
«Circa otto eventi cardiovascolari su dieci sono prevenibili – spiega il cardiologo Davide Lazzeroni a Sanità Informazione - ma per farlo il tempo è fondamentale, bisogna agire subito sui pazienti a rischio»
Cardiologia riabilitativa in affanno: dal Niguarda raccomandazioni su prevenzione e home-rehabilitation
«Una terapia cardio preventiva e post evento acuto permette di migliorare la qualità della vita ed avere una ricaduta positiva sull’economia sanitaria» così Salvatore Riccobono del Cardio Center Fondazione De Gasperis
di Federica Bosco
Telemedicina, Consulcesi & Partners: «In Italia troppi errori, servono regole precise»
L’avvocato Galliano: «La telemedicina non è semplicemente una ‘la telefonata’ o l’invio via ‘chat’. Va totalmente ripensato il modello organizzativo». Da Consulcesi & Partners in arrivo collana formativa per professionisti sanitari
Il precariato medico proclama lo stato di agitazione. Mazzeo (Chi si cura di te?): «Siamo pronti allo sciopero»
Camici grigi e medici in formazione richiedono l’attivazione di un tavolo interministeriale urgente per discutere i temi inerenti alla formazione medica. Ecco tutte le richieste
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano