Politica 28 Giugno 2019 13:14

Vaccini, scontro Cunial-Bella alla Camera su studio Corvelva: «Stato non fa analisi». «Davvero pensi ci sia il Viagra?»

Alla fine della conferenza stampa dell’associazione Corvelva alla Camera dei deputati acceso diverbio tra i due ex compagni di partito Sara Cunial (Misto) e Marco Bella (M5S) che ha contestato la validità scientifica dello studio presentato dai no vax

Le avvisaglie c’erano tutte. Dal ministro Grillo in giù, in tanti avevano protestato contro la conferenza stampa organizzata dall’associazione “free vax” Corvelva alla Camera dei deputati. E l’appuntamento ha rispettato le attese.

LEGGI ANCHE: VACCINI, BELLA (M5S) CONTESTA STUDIO NO VAX: «DECIMALI ‘ANOMALI’ E METODICHE DUBBIE, ANALISI NON REGGONO»

Il titolo del resto era già tutto un programma: “Libertà di scelta terapeutica”. Tra i relatori Loretta Bolgan, Chimica specializzata in tecnologie farmaceutiche, Pier Paolo Dal Monte, Chirurgo, epistemologo e saggista coautore del libro “Immunità di Legge”, l’ex deputato Ivan Catalano, già vicepresidente della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sull’Uranio Impoverito e Sara Cunial, deputata ex Cinque Stelle poi espulsa e passata al Gruppo Misto da sempre vicina all’associazione veneta che si batte contro i vaccini.

Lo scontro scoppia dopo la presentazione dei risultati delle analisi che Corvelva avrebbe effettuato su alcuni vaccini da cui risulterebbero “contaminazioni” e “possibile presenza del principio attivo del Viagra”, tanto da concludere che «tutti i vaccini analizzati risultano difettosi e potenzialmente pericolosi».

Conclusioni a cui però ha ribattuto Marco Bella, professore di Chimica organica ed ex compagno di partito della stessa Cunial, che ha partecipato da uditore incalzando i relatori. Alla fine della conferenza, tra Cunial e Bella è scoppiata una lite piuttosto accesa colta dalle telecamere di Sanità Informazione: «Tu non sai cos’è lo spettro di massa» incalza Bella. «Non è vero, sono laureata in chimica», ribatte Cunial che chiede a gran voce: «Perché lo Stato non fa le analisi sui vaccini?». «Non è vero, certo che fa le analisi», ribatte Bella che aggiunge: «Davvero tu pensi ci sia il Viagra nei vaccini?». Le polemiche, ne siamo certi, non finiranno qui.

Articoli correlati
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Vaccino anti-Covid fascia 5-11 anni, Pfizer: «Forte risposta immunitaria»
I dati sulla fascia di età 5-11 anni con dose di vaccino inferiore rispetto agli adulti mostra un'immunità molto alta. Secondo Pfizer si potrebbe iniziare con le somministrazioni dall'inizio della stagione invernale
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco