Politica 5 Agosto 2019

Obbligo vaccinale, gli studenti non in regola potrebbero dover cambiare scuola

Un nuovo emendamento al Ddl vaccini, presentato da Maria Domenica Castellone (M5S), prevede l’inserimento dei bambini non vaccinabili in classi di soli immunizzati. Qualora non fosse possibile la formazione di classi che rispettino questo criterio, i soggetti non vaccinati o non immunizzati saranno trasferiti nella scuola più vicina

Immagine articolo

I bambini che non possono essere vaccinati vengano inseriti in classi senza studenti non vaccinati o non immunizzati. Qualora non sia possibile formare classi che rispettano questo criterio, i soggetti non vaccinati o non immunizzati per le malattie previste dal vigente Piano nazionale di prevenzione e profilassi vaccinale, «pur non rientrando tra coloro per i quali le vaccinazioni sono controindicate in ragione di specifiche condizioni cliniche documentate», siano trasferiti nella scuola o centro di formazione più vicini.

LEGGI ANCHE: VACCINI, AUMENTANO COPERTURE. ALLARME SU MORBILLO: «NON SI RAGGIUNGE IL 95%». ECCO TUTTI I DATI 2018

È quanto prevede un nuovo emendamento al Ddl vaccini presentato dalla relatrice del Movimento 5 Stelle Maria Domenica Castellone. Un testo che mette mano quindi alle conseguenze che la presenza nelle scuole di bambini e studenti non vaccinati potrebbe provocare, con l’intento di garantire «il diritto all’inclusione nel rispetto della tutela della salute nelle istituzioni scolastiche del sistema nazionale d’istruzione e nelle scuole private non paritarie nonché nei centri di formazione professionale regionali e nei servizi educativi per l’infanzia».

Entro il 10 marzo di ogni anno, quindi, i dirigenti scolastici trasmettono alle Asl territorialmente competenti l’elenco degli iscritti per l’anno scolastico successivo. Le Asl, entro il 10 giugno, restituiscono quindi gli elenchi indicando, sulla base dei dati contenuti nelle anagrafi vaccinali regionali e nell’anagrafe vaccinale nazionale, i soggetti cui sono state somministrate le vaccinazioni previste dal PNPV, coloro che hanno omesso o differito le vaccinazioni a causa di specifiche condizioni cliniche attestate da un medico, e dei soggetti immunizzati naturalmente.

LEGGI ANCHE: DDL VACCINI, PARLA LA RELATRICE MARIA DOMENICA CASTELLONE (M5S): «BASTA AGIRE PER DECRETI, OCCORRE NORMATIVA STRUTTURALE CHE REGOLI VACCINAZIONI»

Nelle Regioni in cui non è ancora stata istituita l’anagrafe vaccinale, i dirigenti scolastici, all’atto di iscrizione, richiedono ai genitori «la presentazione di idonea documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni raccomandate dal PNPV in base all’età, ovvero l’esonero per avvenuta immunizzazione naturale o l’omissione o il differimento delle stesse in ragione di specifiche condizioni cliniche documentate, che controindichino una o più vaccinazioni in maniera temporanea o permanente». All’atto dell’iscrizione, basterà un’autocertificazione, ma entro il 10 giugno andrà presentata la documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni.

 

Articoli correlati
#iomivaccino, al Congresso Fimmg medici testimonial della campagna di sensibilizzazione sulle vaccinazioni
Il 72% dei medici di medicina generale dichiara di essersi vaccinato per l'influenza. Maio (Fimmg): "È soprattutto con l’esempio e la relazione continua che il medico di famiglia combatte i falsi miti e le menzogne che circolano su ogni campagna vaccinale”
«La vaccinazione oggi: trà realtà e falsi miti», il 12 ottobre ne parlano Simedet e OMCeO Biella
«L’obiettivo del convegno – sottolinea la promotrice Enza Giglione - è quello di esaminare l’argomento in modo approfondito, libero da pregiudizi, con l’unico fine di contribuire ad una migliore conoscenza dell’argomento vaccini, della loro efficacia, tollerabilità e delle conseguenze, ma anche dell’oggetto delle vaccinazioni: il sistema immunitario, in particolare quello infantile»
Ministro Speranza: «Sui vaccini si parte dalla scienza, non dai partiti. Riaprire il dialogo su sociale e sanità»
VIDEO INTERVISTA | Il nuovo titolare di Lungotevere Ripa rilascia le sue prime dichiarazioni alle telecamere di Sanità Informazione
Vaccini, parla Paolo Siani (Pd): «Ddl va modificato: l’obbligo si può togliere ma solo con copertura adeguata e anagrafe»
Il pediatra, membro della Commissione Affari sociali, ha apprezzato il discorso del premier Conte, in particolare la proposta sugli asili nido gratis per redditi bassi: «Governo ha preso una strada buona». Poi sul tema, spinoso, dell’obbligo vaccinale: «Prima di toglierlo bisogna avere la certezza che ci sia una copertura ‘tranquilla’ su tutto il territorio nazionale»
Vaccini, al via a Bruxelles il Summit Globale. Juncker (Ue): «Combattere le campagne di disinformazione»
«Nel 2012 è stato preso un impegno politico per eliminare il morbillo in 5 regioni su 6 regioni dell'Organizzazione mondiale della Sanità entro il 2020. Siamo nel 2019 e il numero dei casi di morbillo continua ad aumentare», ha spiegato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker in apertura del summit
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Salute

Super batterio New Delhi, nuova vittima in Toscana. Rezza (ISS): «Colonizza l’intestino, fondamentale rispettare prassi igienico-ospedaliere»

L’epidemia si sta allargando nella Regione. «Tra novembre 2018 e agosto 2019 è stato isolato nel sangue di 75 pazienti. Letale nel 40% dei pazienti con sepsi» specifica l’Ars Toscana. Rezza (Is...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...