Politica 5 Agosto 2019 12:51

Obbligo vaccinale, gli studenti non in regola potrebbero dover cambiare scuola

Un nuovo emendamento al Ddl vaccini, presentato da Maria Domenica Castellone (M5S), prevede l’inserimento dei bambini non vaccinabili in classi di soli immunizzati. Qualora non fosse possibile la formazione di classi che rispettino questo criterio, i soggetti non vaccinati o non immunizzati saranno trasferiti nella scuola più vicina

Obbligo vaccinale, gli studenti non in regola potrebbero dover cambiare scuola

I bambini che non possono essere vaccinati vengano inseriti in classi senza studenti non vaccinati o non immunizzati. Qualora non sia possibile formare classi che rispettano questo criterio, i soggetti non vaccinati o non immunizzati per le malattie previste dal vigente Piano nazionale di prevenzione e profilassi vaccinale, «pur non rientrando tra coloro per i quali le vaccinazioni sono controindicate in ragione di specifiche condizioni cliniche documentate», siano trasferiti nella scuola o centro di formazione più vicini.

LEGGI ANCHE: VACCINI, AUMENTANO COPERTURE. ALLARME SU MORBILLO: «NON SI RAGGIUNGE IL 95%». ECCO TUTTI I DATI 2018

È quanto prevede un nuovo emendamento al Ddl vaccini presentato dalla relatrice del Movimento 5 Stelle Maria Domenica Castellone. Un testo che mette mano quindi alle conseguenze che la presenza nelle scuole di bambini e studenti non vaccinati potrebbe provocare, con l’intento di garantire «il diritto all’inclusione nel rispetto della tutela della salute nelle istituzioni scolastiche del sistema nazionale d’istruzione e nelle scuole private non paritarie nonché nei centri di formazione professionale regionali e nei servizi educativi per l’infanzia».

Entro il 10 marzo di ogni anno, quindi, i dirigenti scolastici trasmettono alle Asl territorialmente competenti l’elenco degli iscritti per l’anno scolastico successivo. Le Asl, entro il 10 giugno, restituiscono quindi gli elenchi indicando, sulla base dei dati contenuti nelle anagrafi vaccinali regionali e nell’anagrafe vaccinale nazionale, i soggetti cui sono state somministrate le vaccinazioni previste dal PNPV, coloro che hanno omesso o differito le vaccinazioni a causa di specifiche condizioni cliniche attestate da un medico, e dei soggetti immunizzati naturalmente.

LEGGI ANCHE: DDL VACCINI, PARLA LA RELATRICE MARIA DOMENICA CASTELLONE (M5S): «BASTA AGIRE PER DECRETI, OCCORRE NORMATIVA STRUTTURALE CHE REGOLI VACCINAZIONI»

Nelle Regioni in cui non è ancora stata istituita l’anagrafe vaccinale, i dirigenti scolastici, all’atto di iscrizione, richiedono ai genitori «la presentazione di idonea documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni raccomandate dal PNPV in base all’età, ovvero l’esonero per avvenuta immunizzazione naturale o l’omissione o il differimento delle stesse in ragione di specifiche condizioni cliniche documentate, che controindichino una o più vaccinazioni in maniera temporanea o permanente». All’atto dell’iscrizione, basterà un’autocertificazione, ma entro il 10 giugno andrà presentata la documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni.

 

Articoli correlati
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Il vaccino anti-Covid può essere obbligatorio? E chi rifiuta la somministrazione può perdere il lavoro? Le risposte degli esperti
Il punto su normativa e rischi nel webinar Anaao Assomed. Il giuslavorista: «Chiusura del rapporto è l’ultima possibilità»
di Tommaso Caldarelli
Vaccini, Smi: «Si convochi tavolo nazionale per concertare campagna vaccinale anti Covid»
Pina Onotri, Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani (Smi) scrive una lettera al Ministro della Salute Roberto Speranza
Covid-19, quasi 300 medici deceduti. Anelli (FNOMCeO): «Una vera e propria strage»
Dalla mancanza di Dpi alla disorganizzazione di alcune strutture, il Presidente della FNOMCeO spiega a Sanità Informazione perché gli operatori sanitari sono ancora così colpiti dalla pandemia. E sui medici “no-vax” aggiunge: «Si pongono fuori dalla comunità scientifica»
Covid, FederAnziani: «Ecatombe entro giugno. Altri 50-80 mila morti anziani se non acceleriamo su vaccini»
A lanciare l’allarme la Federazione delle associazioni della terza età che chiede velocizzazione nella campagna per la vaccinazione dei senior contro il Coronavirus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»