Politica 5 Agosto 2019

Obbligo vaccinale, gli studenti non in regola potrebbero dover cambiare scuola

Un nuovo emendamento al Ddl vaccini, presentato da Maria Domenica Castellone (M5S), prevede l’inserimento dei bambini non vaccinabili in classi di soli immunizzati. Qualora non fosse possibile la formazione di classi che rispettino questo criterio, i soggetti non vaccinati o non immunizzati saranno trasferiti nella scuola più vicina

Immagine articolo

I bambini che non possono essere vaccinati vengano inseriti in classi senza studenti non vaccinati o non immunizzati. Qualora non sia possibile formare classi che rispettano questo criterio, i soggetti non vaccinati o non immunizzati per le malattie previste dal vigente Piano nazionale di prevenzione e profilassi vaccinale, «pur non rientrando tra coloro per i quali le vaccinazioni sono controindicate in ragione di specifiche condizioni cliniche documentate», siano trasferiti nella scuola o centro di formazione più vicini.

LEGGI ANCHE: VACCINI, AUMENTANO COPERTURE. ALLARME SU MORBILLO: «NON SI RAGGIUNGE IL 95%». ECCO TUTTI I DATI 2018

È quanto prevede un nuovo emendamento al Ddl vaccini presentato dalla relatrice del Movimento 5 Stelle Maria Domenica Castellone. Un testo che mette mano quindi alle conseguenze che la presenza nelle scuole di bambini e studenti non vaccinati potrebbe provocare, con l’intento di garantire «il diritto all’inclusione nel rispetto della tutela della salute nelle istituzioni scolastiche del sistema nazionale d’istruzione e nelle scuole private non paritarie nonché nei centri di formazione professionale regionali e nei servizi educativi per l’infanzia».

Entro il 10 marzo di ogni anno, quindi, i dirigenti scolastici trasmettono alle Asl territorialmente competenti l’elenco degli iscritti per l’anno scolastico successivo. Le Asl, entro il 10 giugno, restituiscono quindi gli elenchi indicando, sulla base dei dati contenuti nelle anagrafi vaccinali regionali e nell’anagrafe vaccinale nazionale, i soggetti cui sono state somministrate le vaccinazioni previste dal PNPV, coloro che hanno omesso o differito le vaccinazioni a causa di specifiche condizioni cliniche attestate da un medico, e dei soggetti immunizzati naturalmente.

LEGGI ANCHE: DDL VACCINI, PARLA LA RELATRICE MARIA DOMENICA CASTELLONE (M5S): «BASTA AGIRE PER DECRETI, OCCORRE NORMATIVA STRUTTURALE CHE REGOLI VACCINAZIONI»

Nelle Regioni in cui non è ancora stata istituita l’anagrafe vaccinale, i dirigenti scolastici, all’atto di iscrizione, richiedono ai genitori «la presentazione di idonea documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni raccomandate dal PNPV in base all’età, ovvero l’esonero per avvenuta immunizzazione naturale o l’omissione o il differimento delle stesse in ragione di specifiche condizioni cliniche documentate, che controindichino una o più vaccinazioni in maniera temporanea o permanente». All’atto dell’iscrizione, basterà un’autocertificazione, ma entro il 10 giugno andrà presentata la documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni.

 

Articoli correlati
Dal Ddl Vaccini alla legge antiviolenza, ecco tutti i provvedimenti a rischio in caso di elezioni
La fine anticipata della legislatura potrebbe mettere a rischio anche il finanziamento del fondo sanitario che per il 2020 era di 3,5 miliardi. Rischia lo stop anche la riforma del numero chiuso a Medicina e quella sulla sanità trasparente
Sanità, un anno di Commissione. Sileri: «Risultati importanti. Ora focus su aggiornamento ECM e contenziosi»
Il chirurgo ed esponente M5S traccia il quadro di un anno di lavori nella Commissione da lui presieduta: «Recuperare rapporto medico-paziente, camici bianchi in regola con ECM vanno premiati»
«Passaporto? All’estero chiederanno il tesserino vaccinale», la preoccupazione di Scotti (FIMMG) sulle coperture
Il segretario nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, Silvestro Scotti ha commentato i dati diffusi dal Ministero della Salute riguardo le coperture a 24 mesi dei vaccini contro la polio e il morbillo
Vaccini, aumentano coperture. Allarme su morbillo: «Non si raggiunge il 95%». Ecco tutti i dati 2018
«Migliorano nel 2018 le coperture vaccinali dei bambini e degli adolescenti in Italia. Continua a destare preoccupazione il mancato raggiungimento dell’obiettivo del 95% per la vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia in tutte le fasce d’età considerate». È quanto riportato dal Ministero della Salute
Calendario per la Vita 2019, le Società Scientifiche del Board continuano la loro opera di aggiornamento “scientifico” sulle vaccinazioni
SIP, FIMMG, SITI e FIMP continuano la loro opera di informazione verso i cittadini sull'importanza della protezione vaccinale. «Sosteniamo gli sforzi per colmare le sacche di suscettibilità per morbillo e rosolia, chiediamo particolare attenzione ad elevare le coperture per varicella nelle Regioni che hanno introdotto la vaccinazione di recente per evitare spostamenti della malattia verso l’età adulta», sottolinea Paolo Bonanni, Coordinatore Scientifico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone