Politica 20 Gennaio 2020

«Un unico modello virtuoso per tutte le Regioni». La ricetta del viceministro Sileri per il SSN

«Se c’è un modello di cardiologia, di chirurgia o di governance che funziona, quel modello va copiato e trasmesso in tutta Italia. Così supereremo le diseguaglianze»

Immagine articolo

Per migliorare il Servizio sanitario nazionale «la prima cosa da fare è rafforzare il potere d’indirizzo del Ministero». Ne è convinto il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri intervenuto in occasione della presentazione del libro ‘Il Servizio sanitario nazionale guarda al futuro – Verso nuovi e più evoluti schemi di governance’ (edizione Egea) di Andrea Urbani.

«Deve diventare il cervello che controlla, coordina, non punisce ma aiuta la Regioni che soffrono di più e le accompagna verso un processo virtuoso» continua il Viceministro. Come fare? «Usando modelli esistenti che abbiamo nel tempo individuato e che continueremo ad individuare in tutta Italia. Se c’è un modello di cardiologia, un modello di chirurgia o un modello di governance che funziona, quel modello va semplicemente copiato e trasmesso da un’altra parte».

LEGGI: «IL NOSTRO SSN È IL MIGLIORE, MA NON LO SARÀ PER SEMPRE». UN LIBRO SPIEGA IL PERCHÉ

Non si tratta di semplice centralismo, tiene a precisare il viceministro Sileri. «Non cadiamo nell’inganno di dire “si torna indietro dalla regionalizzazione”. Il Ministero ha quel ruolo di indirizzo. Non è possibile che una Regione abbia un percorso diagnostico terapeutico diverso da un’altra Regione oppure che lo stesso percorso una volta definito non venga applicato. Vorremmo che tutti i ventuno sistemi sanitari che abbiamo in Italia applicassero quel determinato percorso e dobbiamo aiutarli a partire».

L’obiettivo è superare le diseguaglianze «in maniera tale che il cittadino di Trento e il cittadino di Vibo Valentia possano avere la stessa sicurezza nel trattamento e negli esiti. Magari – conclude Sileri – quella mortalità che osserviamo da una Regione ad un’altra, quei tre anni di vita che si perdono semplicemente vivendo da una parte all’altra anche della stessa città, non ci saranno più».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus, Brancaccio (Università del Sannio): «Acquisire e rendere subito pubblici i brevetti di ricerca delle aziende farmaceutiche»
Insieme ad altri colleghi, l’economista ha firmato un piano di rilancio “anti-virus”, pubblicato sul Financial Times: «Combattere i “free riders” che speculano e intervenire, con forti investimenti, sul settore sanitario e sulla ricerca»
Reclutamento medici, Foad Aodi (Amsi): «Più di 100 medici di origine straniera hanno aderito al nostro appello, ora tocca alle Regioni»
«Condoglianze ai familiari di tutte le vittime di cui numerosi medici italiani e due di origine straniera». LEGGI ANCHE: L’APPELLO A MACRON DI 200 MEDICI ITALIANI IN FRANCIA: «PIU’ CONSAPEVOLEZZA DEL PERICOLO E PIU’ TUTELE» Così il presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e Unione Medica Euro Mediterranea (UMEM) il professor Foad Aodi […]
Coronavirus: il SSN e i suoi professionisti, i nostri eroi
di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno
di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno
Fondo sanitario, Bonaccini: «Regioni danno il via al riparto di oltre 113 miliardi. 116 i miliardi previsti per il 2020»
Il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome ha dichiarato: «Segnale importante per il Paese, di attenzione concreta in un momento così grave per la salute dei cittadini»
Coronavirus, Collina: «Epidemia è stress test per sistema. Regionalismo sanitario inadeguato ad affrontare emergenza»
Parla il Presidente della Commissione Sanità del Senato Stefano Collina (PD): «Gratitudine e sostegno a operatori in prima linea». Poi promuove le norme dell’esecutivo. Commissione per ora non convocata: «Ogni giorno salta fuori un eletto positivo, attività Parlamento non centrale in questa fase. Ma bisogna pensare alla gestione della partecipazione democratica in queste situazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 marzo, sono 622.450 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 28.794 i decessi e 135.779 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...