Politica 28 Gennaio 2019 14:25

Tribunale della Salute, Stefano De Lillo (Agenas): «Ottima idea per rinnovare il rapporto di fiducia nei confronti della classe medica»

«La stragrande maggioranza dei contenziosi si risolvono in un nulla di fatto – specifica il presidente a Sanità Informazione – nostri medici tra i migliori a livello internazionale. Fondamentale trasmettere questo messaggio ai cittadini, per questo ho firmato petizione»

Tribunale della Salute, Stefano De Lillo (Agenas): «Ottima idea per rinnovare il rapporto di fiducia nei confronti della classe medica»

Crescono i consensi e le adesioni per la petizione online promossa dal network legale Consulcesi – ha quasi toccato quota ventimila firme –  sulla costituzione di un Tribunale della Salute per medici e pazienti, una camera di compensazione per relazionarsi nel rispetto dei diritti di ognuno.

L’iniziativa – nata in seguito diffusione dello spot che sollecita ricorsi legali per casi di malasanità e ha sollevato un vespaio di critiche e polemiche – continua a raccogliere i favori di politici e rappresentanti delle istituzioni medico-sanitarie, dei sindacati e delle associazioni di categoria.

Tra i firmatari anche il medico ed ex senatore del Pdl, Stefano De Lillo, presidente ad interim di Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) – dopo le dimissioni di Luca Coletto – che si è detto d’accordo con la costruzione del Tribunale della Salute come luogo di confronto, e non di contrapposizione, tra medici e pazienti.

De Lillo, infatti, nell’istituzione di questo organo competente, intravede la soluzione per migliorare la relazione tra i camici bianchi e i cittadini. Secondo la sua opinione, tornare ad un rapporto basato sulla complicità, la collaborazione ed il rispetto è l’obiettivo da perseguire: «Il Tribunale della salute è un’idea veramente valida per far tornare ad emergere la verità, ricostruendo il rapporto di fiducia che c’è sempre stato nei confronti della nostra classe medica, di altissimo livello a livello internazionale» ha commentato ai microfoni della nostra testata.

Non alimentare la “caccia al medico” è l’auspicio del presidente De Lillo: «La quasi totalità delle cause intentate nei confronti dei professionisti sanitari si conclude con la vittoria da parte di quest’ultimi che, spesso, vengono incautamente accusati – ha precisato il presidente -. È per questo motivo che ho firmato la petizione di Consulcesi: si tratta di un’iniziativa estremamente corretta, è fondamentale lanciare questo messaggio all’opinione pubblica».

Articoli correlati
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...