Politica 28 Gennaio 2019

Tribunale della Salute, Stefano De Lillo (Agenas): «Ottima idea per rinnovare il rapporto di fiducia nei confronti della classe medica»

«La stragrande maggioranza dei contenziosi si risolvono in un nulla di fatto – specifica il presidente a Sanità Informazione – nostri medici tra i migliori a livello internazionale. Fondamentale trasmettere questo messaggio ai cittadini, per questo ho firmato petizione»

Immagine articolo

Crescono i consensi e le adesioni per la petizione online promossa dal network legale Consulcesi – ha quasi toccato quota ventimila firme –  sulla costituzione di un Tribunale della Salute per medici e pazienti, una camera di compensazione per relazionarsi nel rispetto dei diritti di ognuno.

L’iniziativa – nata in seguito diffusione dello spot che sollecita ricorsi legali per casi di malasanità e ha sollevato un vespaio di critiche e polemiche – continua a raccogliere i favori di politici e rappresentanti delle istituzioni medico-sanitarie, dei sindacati e delle associazioni di categoria.

Tra i firmatari anche il medico ed ex senatore del Pdl, Stefano De Lillo, presidente ad interim di Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) – dopo le dimissioni di Luca Coletto – che si è detto d’accordo con la costruzione del Tribunale della Salute come luogo di confronto, e non di contrapposizione, tra medici e pazienti.

De Lillo, infatti, nell’istituzione di questo organo competente, intravede la soluzione per migliorare la relazione tra i camici bianchi e i cittadini. Secondo la sua opinione, tornare ad un rapporto basato sulla complicità, la collaborazione ed il rispetto è l’obiettivo da perseguire: «Il Tribunale della salute è un’idea veramente valida per far tornare ad emergere la verità, ricostruendo il rapporto di fiducia che c’è sempre stato nei confronti della nostra classe medica, di altissimo livello a livello internazionale» ha commentato ai microfoni della nostra testata.

Non alimentare la “caccia al medico” è l’auspicio del presidente De Lillo: «La quasi totalità delle cause intentate nei confronti dei professionisti sanitari si conclude con la vittoria da parte di quest’ultimi che, spesso, vengono incautamente accusati – ha precisato il presidente -. È per questo motivo che ho firmato la petizione di Consulcesi: si tratta di un’iniziativa estremamente corretta, è fondamentale lanciare questo messaggio all’opinione pubblica».

Articoli correlati
Il software intelligente che monitora la salute per tornare in ufficio in sicurezza
Ideato e promosso da un gruppo di aziende sotto il coordinamento di Technogenetics, il kit prevede test sierologico rapido e software per rilevare temperatura, saturazione dell’ossigeno e battito cardiaco
di Federica Bosco
Salute, benessere e stili di vita: nasce Senior News, il Tg di Senior Italia FederAnziani
Senior news sarà pubblicato ogni giorno alle ore 14:30 sul canale YouTube di Senior Italia FederAnziani e sulle pagine Facebook della federazione e sarà distribuito via Whatsapp a tutti gli aderenti
Covid e assicurazioni, è infortunio? Per l’INAIL sì, per le compagnie no. Ma in caso di risarcimento negato si può fare ricorso
Larussa (Sapienza): «Le compagnie assicurative vogliono far passare l’infezione da Covid non come infortunio ma come malattia e, in quanto tale, non indennizzarla». L’avvocato Cecconi: «Una disparità inaccettabile tra dipendenti e libero professionisti»
Cisl medici Lazio, Cifaldi: «Bene il coinvolgimento dei sindacati nel Piano sanitario della Regione Lazio»
«Apprendiamo con soddisfazione la pubblicazione del DCA n. 81 del Commissario ad Acta avente ad oggetto il Piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio Sanitario Regionale 2019-2021». Lo rende noto Luciano Cifaldi segretario generale della Cisl Medici Lazio in un comunicato. Piano Sanitario Regione Lazio «Nel riservarci un doveroso approfondimento tecnico è innegabile che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)