Politica 4 Luglio 2019 12:11

Sassoli e Castaldo ai vertici del Parlamento Ue, medici ex specializzandi e Formazione ECM al centro della loro agenda

A Strasburgo l’esponente Pd è stato eletto presidente prendendo il posto di un altro italiano, Antonio Tajani. Confermato vicepresidente l’eurodeputato M5S. Giusta remunerazione dei medici ex specializzandi e incentivi alla formazione, tante idee per la sanità: aumentano le chance per il riconoscimento dei diritti di medici e operatori sanitari

di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Sassoli e Castaldo ai vertici del Parlamento Ue, medici ex specializzandi e Formazione ECM al centro della loro agenda

Da Strasburgo buone notizie per la sanità italiana. Ai vertici dell’Europarlamento sono stai eletti due esponenti politici che in campagna elettorale si sono spesi in prima persona per i diritti dei medici e degli operatori sanitari: si tratta di David Sassoli, Pd, che prende il posto di Antonio Tajani alla guida del Parlamento europeo. Candidato ufficiale dei Socialisti e democratici e sostenuto anche dal Ppe, Sassoli durante la seduta plenaria a Strasburgo ha ricevuto 345 voti. Confermato tra i 14 vicepresidenti l’eurodeputato del Movimento Cinque Stelle Fabio Massimo Castaldo.

Con queste nomine aumentano le possibilità che le istanze di migliaia di medici trovino accoglimento in Europa, a partire dal tema degli ex specializzandi che ancora aspettano giustizia.

Su questo il neopresidente del Parlamento Ue Sassoli aveva speso parole chiare durante la sua visita al gruppo Consulcesi: «Il problema è molto serio e molto sentito. Noi avremmo bisogno in qualche modo di aumentare le possibilità di andare in mediazione senza ingolfare i tribunali, senza mettere in pratica dei meccanismi che durano anni e che non trovano nessuna soluzione o che trovano delle soluzioni addirittura sbagliate».

Anche Fabio Massimo Castaldo, anche lui in vista al gruppo Consulcesi, si era schierato al fianco dei medici in una battaglia che va avanti ormai da anni: «È fondamentale – aveva dichiarato – che il Parlamento Europeo si faccia carico di fare le dovute pressioni nei confronti del legislatore e dell’esecutivo italiano affinché si dia finalmente piena applicazione a diritti che sono sanciti in modo inequivocabile da parte di direttive europee che sono, ahimè, da troppi decenni disapplicate». Castaldo aveva anche rilanciato l’ipotesi di un «accordo transattivo che possa finalmente chiudere questa annosa questione dando certezza del diritto e dando pieno godimento di quelli che sono semplicemente diritti maturati in base alla normativa europea».

Altro tema che sarà certamente nell’agenda del prossimo Parlamento europeo è quello della Formazione continua dei professionisti sanitari che, dopo la lettera inviata agli Ordini dalla FNOMCeO, è tornato in primo piano. Per Castaldo «l’ECM è fondamentale, non si può pensare che chi si è laureato 20-25 anni fa continui ad operare e ad agire seguendo le stesse tecniche con le quali si era formato al momento dei propri studi universitari. È fondamentale quindi continuare a interagire con il mondo della ricerca, con il mondo della formazione, affinché le migliori tecniche, le best practice attuali siano costantemente alla portata di chi opera quotidianamente in campo sanitario».

Sassoli aveva sottolineato come la formazione continua sia una qualifica sempre più richiesta dai pazienti: «Avere medici che in qualche modo si aggiornano è molto importante per loro e per i pazienti. Dobbiamo incentivare questo meccanismo. Una possibile soluzione è la possibilità di avere dei punteggi per partecipare a dei concorsi, ci sono tanti modi per dare dei premi a chi in realtà si attrezza meglio per svolgere la propria professione. Questo naturalmente dobbiamo incentivarlo».

Articoli correlati
Ex specializzandi, Stato condannato a pagare ancora 5 milioni ad altri 200 medici
Una recente pronuncia del Tribunale di Firenze raddoppia i rimborsi per ogni anno frequentato e allunga i tempi per la prescrizione. Avv. Tortorella (Consulcesi): «Affermate le tesi che Consulcesi ha sempre portato avanti con il parere pro-veritate del presidente Di Amato«»
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità
Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria
Azione collettiva medici ex specializzandi: in 3 giorni altri 4 milioni a 164 medici
Il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «In attesa dell'accordo transattivo, continueremo a lottare in tribunale per sanare questa grave ingiustizia»
Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia
Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto in prima pagina si rivela innocente non sempre ne viene data notizia. In questi casi c’è il diritto all’oblio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 179.601.602 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.891.974 i decessi. Ad oggi, oltre 2,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM