Politica 10 Dicembre 2019

Sanità, Ministro Speranza rimuove Dg Agenas Francesco Bevere

Il manager era in carica dal 2014. Gran parte delle regioni si era espressa per la permanenza di Bevere. Sul tema dello spoil system era stato chiesto un parere al Consiglio di Stato

Francesco Bevere non è più il Direttore generale di Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali. A quanto apprende l’agenzia Adnkronos, il manager ha ricevuto la missiva del ministero in cui si comunica la sua decadenza. Sul suo allontanamento si erano espresse gran parte delle regioni, che avevano chiesto invece la sua conferma. Bevere ricopriva la carica di Direttore generale dal 2014.

LEGGI ANCHE: REGIONI CONTRO SPOIL SYSTEM IN AGENAS. E SLITTA LA FIRMA DEL PATTO PER LA SALUTE

Nella missiva inviata dal ministro Roberto Speranza si chiede anche a Bevere, già dipendente del ministero della Salute, di mettersi a disposizione del direttore del personale del dicastero di Lungotevere Ripa. Sulla possibilità di applicare lo spoil system – già attuato per l’Agenzia italiana del farmaco – al direttore dell’Agenas, Speranza aveva chiesto un parere al Consiglio di Stato. «Emerge, in definitiva, la differente posizione del direttore generale di Agenas rispetto a tutte quelle figure cui fisiologicamente deve applicarsi il meccanismo dello spoil system – si legge nel testo parere – con conseguente dubbio di compatibilità della norma tuttora in vigore con gli art. 95, 96, 97, 98 Cost.». Il ‘nodo’ appare legato alle nomine effettuate dal ministro d’intesa con le Regioni, che già, almeno in parte, si sono espresse a favore della conferma del dg uscente. E c’è da scommettere che le reazioni alla mossa del ministro non mancheranno.

LA REAZIONI DELLE REGIONI

Gli assessori alla Sanità delle Regioni «prendono atto» della decisione del ministro della Salute Roberto Speranza, di interrompere il mandato del direttore generale dell’Agenas, Francesco Bevere, nonostante le diverse richieste in senso contrario, fatte nei giorni scorsi da alcuni di loro. I responsabili della Sanità a questo punto «prenderanno una settimana di tempo per riflettere». Lo fa sapere all’Adnkronos Salute il coordinatore della Commissione Salute delle Regioni, l’assessore alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, alla fine della seduta della Commissione questa mattina a Roma.

Gli assessori, a quanto riferito, preferiscono non fare commenti a caldo sulla vicenda, per evitare di acuire i contrasti con il responsabile del dicastero di Lungotevere Ripa. «C’è l’impegno di tutti – ha fatto sapere Icardi – ad una pausa di riflessione», evitando reazioni a caldo che potrebbero mettere a rischio «il necessario dialogo e l’auspicabile collaborazione con il ministro della Salute, Roberto Speranza».

Articoli correlati
Liste d’attesa, 500 milioni per azzerarle entro fine anno. Anche con servizi aperti di sera e nei weekend
La bozza del Dl Agosto individua gli strumenti per combattere le liste d’attesa che si sono allungate a causa del Covid: assunzioni, prestazioni aggiuntive, nuovi compiti agli specializzandi e acquisto di prestazioni dal privato
Speranza: «Distanziamento sui treni essenziale per non vanificare sforzi degli italiani»
Durante il question time alla Camera, il ministro della Salute classifica l'ordinanza del 1 agosto che ristabilisce il distanziamento sui treni come essenziale e prosegue: «Penso che dovremmo insistere su questa regola insieme alle regioni»
Chimici e Fisici incontrano il Ministro Speranza: focus su scuole di specializzazione, esame di stato e valorizzazione ruolo sanitario
Tra le proposte portate dalla Presidente della FNCF Nausicaa Orlandi e dal Segretario Daniela Maurizi le disposizione transitorie per la riforma del sistema ordinistico, l'attivazione di scuole di specializzazione, la definizione del trattamento economico per specializzandi di area non medica, la partecipazione ai tavoli di lavoro del Testo Unico sulla Sicurezza e potenziamento del ruolo nelle ARPA
Seconda ondata, Speranza: «Dobbiamo provare a contenerla. A settembre si deve andare a scuola»
Per il ministro della Salute, Roberto Speranza, la chiave per sconfiggere l'epidemia è la determinazione. A lavoro per tornare a scuola sicuri, ma bisogna ancora rispettare le regole di distanziamento. Sulla proroga dell'emergenza: «L'orientamento del Governo è che non siamo fuori da questa vicenda»
«Misure anti-Covid fino al 31 luglio». Le comunicazioni del ministro Speranza in Parlamento
«Nessuna decisione presa sulla proroga dello stato di emergenza. Verrà coinvolto il Parlamento. Ora non abbassare la guardia, l'Italia ha alle spalle la tempesta ma non è ancora in un porto sicuro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»