Politica 10 Dicembre 2019

Sanità, Ministro Speranza rimuove Dg Agenas Francesco Bevere

Il manager era in carica dal 2014. Gran parte delle regioni si era espressa per la permanenza di Bevere. Sul tema dello spoil system era stato chiesto un parere al Consiglio di Stato

Francesco Bevere non è più il Direttore generale di Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali. A quanto apprende l’agenzia Adnkronos, il manager ha ricevuto la missiva del ministero in cui si comunica la sua decadenza. Sul suo allontanamento si erano espresse gran parte delle regioni, che avevano chiesto invece la sua conferma. Bevere ricopriva la carica di Direttore generale dal 2014.

LEGGI ANCHE: REGIONI CONTRO SPOIL SYSTEM IN AGENAS. E SLITTA LA FIRMA DEL PATTO PER LA SALUTE

Nella missiva inviata dal ministro Roberto Speranza si chiede anche a Bevere, già dipendente del ministero della Salute, di mettersi a disposizione del direttore del personale del dicastero di Lungotevere Ripa. Sulla possibilità di applicare lo spoil system – già attuato per l’Agenzia italiana del farmaco – al direttore dell’Agenas, Speranza aveva chiesto un parere al Consiglio di Stato. «Emerge, in definitiva, la differente posizione del direttore generale di Agenas rispetto a tutte quelle figure cui fisiologicamente deve applicarsi il meccanismo dello spoil system – si legge nel testo parere – con conseguente dubbio di compatibilità della norma tuttora in vigore con gli art. 95, 96, 97, 98 Cost.». Il ‘nodo’ appare legato alle nomine effettuate dal ministro d’intesa con le Regioni, che già, almeno in parte, si sono espresse a favore della conferma del dg uscente. E c’è da scommettere che le reazioni alla mossa del ministro non mancheranno.

LA REAZIONI DELLE REGIONI

Gli assessori alla Sanità delle Regioni «prendono atto» della decisione del ministro della Salute Roberto Speranza, di interrompere il mandato del direttore generale dell’Agenas, Francesco Bevere, nonostante le diverse richieste in senso contrario, fatte nei giorni scorsi da alcuni di loro. I responsabili della Sanità a questo punto «prenderanno una settimana di tempo per riflettere». Lo fa sapere all’Adnkronos Salute il coordinatore della Commissione Salute delle Regioni, l’assessore alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, alla fine della seduta della Commissione questa mattina a Roma.

Gli assessori, a quanto riferito, preferiscono non fare commenti a caldo sulla vicenda, per evitare di acuire i contrasti con il responsabile del dicastero di Lungotevere Ripa. «C’è l’impegno di tutti – ha fatto sapere Icardi – ad una pausa di riflessione», evitando reazioni a caldo che potrebbero mettere a rischio «il necessario dialogo e l’auspicabile collaborazione con il ministro della Salute, Roberto Speranza».

Articoli correlati
Aggressioni e Consulta, al Ministero le prime riunioni. Speranza: «Da febbraio Ddl antiviolenza alla Camera»
Il Ministro ha convocato a Lungotevere Ripa i rappresentanti degli Ordini delle professioni sanitarie: cronicità e riforma della Formazione continua in primo piano. Sul Ddl aggressioni sottolinea: «Se tempi in Parlamento andranno per le lunghe non escludo decreto d’urgenza»
Meno Day Hospital e lungodegenze, nel 2018 gli ospedali italiani alleggeriti dalle cronicità. I dati del Rapporto SDO
Migliora l'appropriatezza e l'efficienza nell'uso delle risorse ospedaliere. Diminuita anche la remunerazione teorica delle prestazioni di ricovero ospedaliero a carico del SSN negli anni 2010-2018
Elezioni Emilia-Romagna, Bonaccini punta sulla sanità: «Riapriremo i punti nascita in montagna»
Lo scontro elettorale si sposta sui servizi sanitari regionali. Il governatore uscente annuncia una nuova politica sui punti nascita e maggiori stanziamenti per i caregiver. Critiche sono arrivate dalla candidata della Lega, Lucia Borgonzoni
Aggressioni, De Luca: «Videosorveglianza sulle ambulanze». La FIMMG torna a chiedere lo status di pubblico ufficiale
Intanto il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato per giovedì 16 gennaio l'Osservatorio permanente, mentre la FNOMCeO progetta un docufilm per sensibilizzare l'utenza
«Il nostro SSN è il migliore, ma non lo sarà per sempre». Un libro spiega il perché
Scritto dal direttore generale della Programmazione sanitaria del ministero della Salute, Andrea Urbani, il libro si propone di fare chiarezza sui limiti dell'attuale governance e sulle sfide future
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...