Politica 10 Dicembre 2019

Regioni contro spoil system in Agenas. E slitta la firma del Patto per la Salute

I governatori di centrodestra contestano la volontà da parte del ministro Speranza di rimuovere il Dg di Agenas Francesco Bevere. Rilievi anche sulle norme per le assunzioni

Immagine articolo

«Mi auguro che il Ministro Speranza non porti fino in fondo un gesto che significherebbe una frenata nei rapporti e nella collaborazione tra Ministero della salute e Regioni in materia di sanità». L’assessore alla sanità della Regione Veneto Manuela Lanzarin, così come molti suoi colleghi, ha dato sfogo all’insoddisfazione delle regioni per la volontà del ministro della Salute Roberto Speranza di procedere allo spoil system in Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, con la rimozione del direttore Francesco Bevere. «Ha tutta la nostra stima. Ha lavorato con competenza e correttezza ed è opportuno che continui a farlo» sottolinea Lanzarin a cui fa eco l’assessore alla Sanità della Regione Sicilia Ruggero Razza: «Per la Sicilia, ma sono convito che sia così anche per tutte le altre Regioni, l’Agenas è un ente pubblico che ha saputo assicurare terzietà, rispetto dei diversi ruoli e che ha accompagnato risultati tangibili. Siamo stati sostenuti da Agenas nell’elaborazione della rete ospedaliera, stiamo lavorando alla rete oncologica e a quella del territorio. Abbiamo adottato una convenzione per proteggere il nostro sistema dal rischio corruzione e siamo impegnati nel disegnare, assieme allo Stato, un progetto di grandi reti nazionali per l’alta specialità. Nella posizione da noi assunta non c’è altro che non sia la difesa di un difficile lavoro che è in corso».

LEGGI ANCHE: PATTO PER LA SALUTE, ARRIVA L’ACCORDO. PRESTO IL TESTO IN COMMISSIONE E IN CONFERENZA STATO-REGIONI

La plateale disapprovazione delle regioni per questa decisione, soprattutto quelle governate dal centrodestra, rischia di far slittare la firma del Patto per la Salute che dopo l’accordo del 28 novembre sembrava imminente. Come sottolinea Quotidiano Sanità «i giochi sono ancora aperti». Dalle Regioni a guida centrodestra sarebbero arrivate ulteriori osservazioni al testo definitivo del Patto. «Le Regioni – sottolinea QS – chiedono anche di specificare meglio le norme per le assunzioni tra cui il coinvolgimento degli specializzandi nelle corsie degli ospedali, a partire dal secondo anno e con una crescente autonomia, la possibilità di mantenere i professionisti in servizio fino a 70 anni e l’opportunità di arruolare medici non specializzati a seguito di un adeguato percorso formativo».

Articoli correlati
Epatite C, interrogazione Rostan (IV) al ministro Speranza: «Calo trattamenti del 65% causa Covid. Approvare Fondo per il contrasto a HCV»
«Non può essere tollerato, anche di fronte a un’emergenza grave come quella che stiamo vivendo, che esistano malati di serie A e malati di serie B» sottolinea la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Il Cdm approva proroga dello stato di emergenza e mascherine obbligatorie all’aperto
Anche il Cdm dice sì allo stato di emergenza fino a gennaio 2021. Prorogato il Dpcm Settembre fino al 15 ottobre, mascherine all'aperto da subito
Recovery Fund, i piani di Speranza corrispondono alle richieste dei protagonisti della sanità?
Sul Recovery Fund c'è un progetto diviso in cinque tappe fondamentali di cui il ministro Speranza parla da mesi. Sanità Informazione ha confrontato le richieste dei protagonisti della sanità e verificato corrispondenze e discrepanze
Giornata delle persone anziane. Mattarella: «Sgomento per le tante morti»
1 ottobre dedicato agli anziani. Il presidente Mattarella e il ministro Speranza invitano a non dimenticarli e a prendersene cura
Recovery Fund, Speranza al Senato: «Casa sia primo luogo di cura. Tra priorità rafforzamento IRCCS e ospedali green»
Il Ministro della Salute Roberto Speranza ha illustrato al Senato le linee generali del piano per la sanità: c’è tempo fino ai primi di gennaio. «Coinvolgeremo anche sindacati, Ordini professionali e imprese nella stesura» ha sottolineato. Il rafforzamento della sanità territoriale al centro: «Investimenti su hospice, ospedali di comunità e RSA»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...