Politica 5 maggio 2014

Responsabilità professionale: la Commissione Affari Sociali prepara un testo unico

Importanti innovazioni arrivano dal regolamento del Ministero della Salute

Immagine articolo

Il prossimo 14 agosto tutti gli operatori della sanità dovranno obbligatoriamente sottoscrivere un’assicurazione, in modo da tutelarsi economicamente contro eventuali ricorsi da parte di pazienti convinti di esser stati i protagonisti di un episodio di malpractice. La Commissione Affari Sociali della Camera ha deciso di affrontare di petto i problemi legati all’avvicinarsi di questa scadenza e sta preparando un testo unico sulla materia.

Nel frattempo il Ministero della Salute ha stilato il regolamento sulla reponsabilità professionale introducendo alcune importanti innovazioni. Tra queste: creazione di un fondo rischi sanitari a cui poter accedere nel caso in cui il premio chiesto non rientri nei paletti imposti da un Comitato ad hoc; durata minima delle polizze di tre anni e possibilità di stipulare convenzioni collettive; possibilità per le compagnie di recedere solo nel caso in cui il medico si macchi di una reiterata condotta colposa passata in giudicato.

L’imperativo è quello di far presto per evitare un preoccupante collasso del Sistema Sanitario Nazionale. La data del 14 agosto viene infatti vista con timore, in quanto si teme che non tutti i medici riusciranno a stipulare una polizza assicurativa (già oggi alcune tipologie di medico non riescono a trovare una compagnia disposta ad assicurarli) e a farlo a costi contenuti.

Ciò avverrebbe perché negli ultimi anni si è assistito ad una vera e propria impennata non soltanto del numero di contenziosi aperti nei confronti dei medici, ma anche – e conseguentemente – del costo medio delle polizze assicurative. Da ciò è derivato un innalzamento altrettanto corposo delle spese legate alle pratiche di medicina difensiva, considerata dai camici bianchi fondamentale per avere le spalle coperte in caso di controversia legale.  Spese che, ad oggi, ammontano a circa il 10 per cento della spesa per la Sanità italiana.

Per cercare di dare un ordine alla vera e propria selva di proposte di legge depositate alla Camera (al momento ne sono sette) e per tentare di imprimere una svolta quanto più condivisa possibile alla questione, la XII Commissione di Montecitorio ha dunque deciso di dar vita ad un comitato che avrà il compito di redigere un testo unico che regolamenterà definitivamente la materia. I componenti di questo team verranno designati dal Presidente dopo aver ascoltato le indicazioni provenienti dai gruppi. Il documento redatto dovrebbe trovare un ampio consenso, in quanto farà propri gli spunti provenienti dai testi già presentati dai vari deputati.

Le proposte presenterebbero infatti non pochi punti in comune. Tra questi spiccano la necessità di rendere più omogeneo a livello nazionale il sistema di prevenzione degli episodi di malasanità e l’istituzione di un osservatorio che tenga sotto controllo sia gli errori commessi dai medici sia i comportamenti delle compagnie assicurative.

Articoli correlati
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Responsabilità professionale, Magi (OMCeO Roma): «La legge ha vulnus, ma l’unione fa la forza, colmiamo mancanze con confronto»
A più di un anno dall’entrata in vigore della legge Gelli, il Presidente dei camici bianchi romani traccia un bilancio: «La norma ha trasformato il campo della sicurezza delle cure, incertezze procedurali fisiologiche»
Biotestamento, Federico Gelli (Pd): «Fondamentale per costruire alleanza terapeutica. Obiezione di coscienza forse inutile»
«Non c’è terapia che possa essere efficace senza piena condivisione tra medico e paziente» così il Responsabile Sanità del Partito Democratico e relatore alla Camera del provvedimento sul consenso informato
Frittelli (Federsanità ANCI): «È tempo di una nuova riforma del sistema sanitario»
La Presidente commenta anche il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, evidenziando la necessità di ricomporre la frattura creatasi tra medici e cittadini. Si dice infine preoccupata per il ritardo nell’adozione dei decreti mancanti per attuare la legge sulla responsabilità professionale
Responsabilità professionale, Gelli: «La Legge 24/17 ha costruito un ponte tra diritto e sanità»
«La Legge ha ottenuto un ottimo riscontro anche in altri Paesi. C'è chi vuole trarre esempio dall’Italia e districare la questione». Così l'ex deputato al convengo in Cassazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...