Politica 1 Agosto 2019 15:30

Regioni, Toti: «Agenas andrà al Veneto, per Aifa serve ancora qualche giorno»

«Credo sia stato fatto un accordo equilibrato – ha spiegato ancora il governatore ligure – sono due regioni agli estremi del paese, segno che le Regioni pongono una grande attenzione sul rilancio delle opere pubbliche»

«Alla presidenza dell’Agenas, Agenzia per i servizi regionali sanitari, andrà una regione del Nord che ha particolari capacità della gestione, che è il Veneto, ad Anpal il Lazio perché è un momento particolarmente delicato delle politiche del Lavoro ed è giusto che la segua una regione molto contigua ai ministeri». Così il governatore della Liguria Giovanni Toti a margine della Conferenza delle Regioni, di cui è anche vicepresidente. «Per le nomine di Aifa – ha spiegato ancora – si decide tra qualche giorno».

Secondo quanto riportato su Quotidiano Sanità, le Regioni hanno candidato alla presidenza di Agenas l’assessore del Veneto Manuela Lanzarin, mentre dovrebbe essere riconfermato alla direzione generale Francesco Bevere. La commissione Salute delle Regioni verrebbe invece coordinata da Luigi Icardi, assessore alla sanità del Piemonte.

«Credo sia stato fatto un accordo equilibrato – ha spiegato ancora Toti – sono due regioni agli estremi del paese, segno che le Regioni pongono una grande attenzione sul rilancio delle opere pubbliche».

Articoli correlati
Vaccini AstraZeneca e J&J, gli esperti di Aifa rispondono a tutti i dubbi con 10 Faq
L'Agenzia del farmaco ha comunicato le conclusioni del Gruppo di Lavoro Emostasi e Trombosi di esperti in patologie della coagulazione sugli eventi trombotici avversi registrati dopo la somministrazione dei due vaccini a vettore virale. Ecco tutte le risposte
Anticorpi monoclonali per il Covid-19: AIFA finanzierà 4 studi clinici
I 4 protocolli di ricerca vincitori del Bando accederanno a un finanziamento promosso da AIFA per un importo superiore ai 2 milioni di euro
Maculopatie: Cittadinanzattiva, Comitato Macula e Goal chiedono ad AIFA modifiche alla nota 98
Garantire cure in tempi rapidi, con meno impatto sui pazienti e sul SSN
Terapia domiciliare Covid, i medici del Comitato scendono in piazza e insistono: «Tachipirina e vigile attesa è un errore»
«Il nostro obiettivo è bloccare la patologia ai suoi esordi», spiega Nino Pignataro, uno dei medici che hanno aderito al Comitato Cura Domiciliare Covid-19 presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi. Sabato 8 maggio manifestazione a piazza del Popolo
Eventi avversi vaccini anti-Covid, il terzo rapporto Aifa: «Il 92,7% non gravi»
Sono 46.237 le segnalazioni registrate su un totale di 9 milioni di dosi somministrate, con un tasso di 36 eventi gravi ogni 100 mila somministrazioni. La distribuzione per sesso ed età
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 giugno, sono 176.647.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.822.827 i decessi. Ad oggi, oltre 2,4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM