Politica 11 Febbraio 2019 12:01

Regionali Abruzzo, Marsilio (centrodestra) vince con il 49%. Liste d’attesa e abolizione superticket nel programma Sanità

Staccati Legnini (Pd) e Marcozzi (M5S). Il candidato di Fratelli d’Italia succede all’uscente Luciano D’Alfonso. Boom della Lega che raccoglie oltre il 27% delle preferenze. Tra le proposte del neogovernatore quella di decongestionare i Pronto Soccorso Ospedalieri attraverso lo studio di prestazioni alternative per codici verdi e bianchi presso strutture da agganciare in convenzione

Regionali Abruzzo, Marsilio (centrodestra) vince con il 49%. Liste d’attesa e abolizione superticket nel programma Sanità

Sarà Marco Marsilio di Fratelli d’Italia il nuovo presidente della Regione Abruzzo. A scrutinio quasi concluso il candidato della coalizione di centrodestra (composta da Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Udc-Dc-Idea e Azione Politica) ha segnato una vittoria netta con circa il 49% dei consensi contro il 31% circa del candidato di centrosinistra, Giovanni Legnini, ex vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura. Al terzo posto Sara Marcozzi, candidata M5S, che si attesta al 19%.

Tra le liste è boom per la Lega di Salvini che arriva a raccogliere oltre il 27%, mentre arretra il Movimento Cinque Stelle dopo l’exploit delle politiche. In calo rispetto alle ultime regionali sia il Partito democratico che Forza Italia (entrambi intorno al 10%).

Marsilio, senatore di Fratelli d’Italia, è nato a Roma nel 1968 da una famiglia di origini abruzzesi di Tocco da Casauria (Pescara). È laureato in filosofia alla Sapienza. Dalla fine degli anni Ottanta e nei primi Novanta partecipa ai movimenti studenteschi e universitari e dal 1996 al 2000 è vicepresidente di Azione Giovani, il movimento giovanile di Alleanza Nazionale.

LEGGI IL PROGRAMMA DI MARCO MARSILIO

Nell’ambito della sanità, sono tre i punti su cui si concentra il programma di Marsilio. In cima c’è l’abolizione del superticket a partire dal 2021 e il problema delle liste d’attesa: il Tribunale dei diritti del malato ha indicato l’Abruzzo (con Calabria, Campania e Lazio) tra le regioni dove si registrano i maggiori disagi, che condizionano il livello di soddisfazione dei pazienti e incrementa la mobilità passiva. «Un’azione di immediata applicazione per abbattere le liste di attesa – si legge nel programma – prevede la divisione tra liste per esami diagnostici e liste per ricoveri. Gli esami diagnostici saranno classificati in categorie a seconda dell’urgenza dei medesimi con tempi di attesa definiti e rispettati. Saranno emanate linee guida per la richiesta di esami diagnostici in modo da eliminare le richieste inappropriate. Le stesse procedure verranno attuate per organizzare e rendere funzionali le liste di attesa per i ricoveri».

Al secondo punto diminuire la percentuale di pazienti che rinunciano alle cure e al terzo la grave carenza di personale soprattutto medico e paramedico: «Emerge una carenza di personale in tutte le quattro Asl provinciali – sottolinea il programma – con una situazione molto preoccupante per quanto concerne la Asl n.1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila.

Nel programma si sottolinea anche la necessità di sperimentare, in tema di dialisi ma non solo, la possibilità di estensione delle cure domiciliari anche valorizzando la domotica (controllo dei parametri vitali/funzionali degli anziani e/o degli affetti da patologie croniche).

Tra gli altri punti meritano di essere sottolineati anche la reintroduzione della figura del medico di medicina generale con presenza quotidiana nei territori marginali; la massiccia promozione della domotica e telemedicina; ampliamento delle forme domiciliari di assistenza agli anziani e non solo; il rinnovo e razionalizzazione del parco tecnologico per colmare il gap della mobilità passiva che è dovuto sovente alla mancanza o alla obsolescenza degli strumenti di diagnostica per immagini (tac, risonanze, ecografi); l’individuazione dei tempi massimi di attesa per prenotazioni di visite specialistiche o per diagnostica strumentale, oltrepassati i quali, si dia possibilità di una libera e non onerosa scelta presso strutture convenzionate; decongestionamento dei Pronto Soccorso Ospedalieri attraverso lo studio di prestazioni alternative per codici verdi e bianchi presso strutture da agganciare in convenzione, per esempio medicalizzando i distretti sanitari di base; il contenimento della spesa farmacologica, con protocolli e misure già applicate con successo in altre regioni.

Articoli correlati
Formazione ECM, sanità territoriale e intesa pubblico-privato. La ricetta di D’Amato per non sprecare il PNRR
Sanità Informazione ha chiesto all’assessore alla Sanità del Lazio D'Amato cosa ci ha insegnato la pandemia e come utilizzare al meglio i fondi in arrivo dall’Europa
Costo energia, tetto di spesa e contratti: i nodi della sanità privata. Cittadini (AIOP): «Pandemia non ha insegnato nulla»
La presidente dell’Associazione italiana ospedalità privata chiede di rivedere il tetto che blocca al 2011 la spesa per il privato accreditato. E poi si dice preoccupata per la diminuzione della spesa sanitaria sul PIL: «Con il PNRR costruiamo le Case di comunità ma poi come le gestiremo con una spesa sanitaria inferiore a quella pre-pandemia?»
di Francesco Torre
PNRR, il modello della nuova sanità digitale non convince. L’esperta: «Lacune su sicurezza e competenze»
Per Sarah Ungaro, avvocato e vicepresidente ANORC professioni, le linee guida per la telemedicina e assistenza domiciliare sono confuse e prive di riferimenti precisi su responsabilità, protezione dei dati e formazione del personale. «Se non in linea con l’Europa si rischia uno spreco di fondi»
Sanità del futuro, Speranza ai dg: «Management ruolo chiave, PNRR occasione per rafforzare SSN»
Direttori generali a confronto nel webinar a Roma per discutere la sanità di domani. Tanese (Asl Roma 1): «Il mondo della sanità ha bisogno di un management competente, responsabile e capace di gestire i cambiamenti». Frittelli (Federsanità): «Siamo alla vigilia di una grande rivoluzione del SSN»
Dal PNRR nuove tecnologie per la sanità. Ma gli italiani non sanno usarle e l’Italia è troppo poco connessa
Analfabetismo digitale e connessione scadente, Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici): «Gli anziani sono tra coloro che avrebbero più bisogno dei servizi di telemedicina, ma non sanno usarli. E la maggior parte di loro vive in zone d’Italia dove si fa fatica pure a fare una telefonata, figuriamoci scambiare dati ad alta risoluzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 maggio, sono 526.097.252 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.278.679 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto