Politica 2 Aprile 2019

Quota 100, nessuna fuga di medici. Il ministro Grillo rassicura: «Presentate solo 600 domande»

Gli effetti di Quota 100 sul Servizio sanitario nazionale, liste d’attesa, vaccini e digitalizzazione: botta e risposta del ministro della Salute Giulia Grillo intervenuta alla trasmissione ‘Coffee Break’ su La7

Immagine articolo

Il Servizio sanitario nazionale non risentirà dell’uscita anticipata di medici con Quota 100. È la rassicurazione lanciata dal ministro della Salute Giulia Grillo ospite di ‘Coffee Break’, su La7. Il numero di domande, rivela infatti Grillo, «è abbastanza contenuto. Sono fino ad ora 600 quelle pervenute. Vi è un’incompatibilità alla libera professione che blocca l’uscita dei medici, che vogliono ancora lavorare».

La carenza dei medici specialisti e di infermieri non è un fenomeno nuovo. «Siamo al di sotto della media europea. Ma i nostri infermieri e i nostri medici sono molto richiesti all’estero perché sono molto qualificati – sottolinea Grillo, che prosegue: «Bisognava programmare una riforma da tempo». Un tema su cui il Governo sembra avere le idee chiare: «Stabilizzeremo tutti i precari della sanità. E abbiamo messo anche in atto una riforma del numero chiuso per la facoltà di Medicina che ci ha portato ad avere l’età media più avanzata tra tutti i medici d’Europa», ha aggiunto il Ministro.

Lo sblocco delle assunzioni «per come lo abbiamo concepito, porterà alla possibilità di aumentare l’assunzione di infermieri e operatori socio sanitari». L’obiettivo per Grillo «è quello di portare nella prossima finanziaria più risorse rispetto a quelle portate quest’anno».

LEGGI ANCHE: ALLARME PENSIONI, PALERMO (ANAAO): «SI RISCHIA IL CAOS. SPERIAMO CHE ADERISCA A QUOTA 100 SOLO IL 25%»

LISTE D’ATTESA
Buoni propositi anche per le liste d’attesa, considerate dal Ministro «una sfida ardua, ma difficile non vuol dire impossibile. Quello che possiamo dire è che noi, come governo – ha dichiarato Grillo – abbiamo fatto quello che gli altri in passato non avevano fatto, rinnovando per esempio dopo 10 anni il Piano nazionale governo liste d’attesa, che è un piano ambizioso che prevede, tra l’altro, la possibilità di far decadere i manager quando non si riescono a rispettare i tempi di attesa. Abbiamo per la prima volta istituito un Fondo nazionale per il governo delle liste d’attesa, con 350 milioni di euro, e abbiamo istituito un numero di pubblica utilità al ministero, che si chiama ‘1500’, a cui tutti i cittadini possono telefonare per descrivere le varie problematiche che hanno».

Ma quali sono le maggiori resistenze sulle liste d’attesa? «C’è stata una grande collaborazione con le Regioni – ha risposto Grillo – e non mi sento di dire che ci sono resistenze particolari. Il problema delle liste d’attesa è solo molto legato ad un problema organizzativo; in alcuni casi c’è anche un po’ di inappropriatezza prescrittiva (ma si tratta di non più del 10% dei casi), mentre in altri casi c’è una situazione di carenza di personale a causa di quei contratti precari che, grazie alla nostra norma – ha concluso- adesso potranno essere evitati».

VACCINI
Sul caso vaccini, scoppiato all’indomani della presentazione di un emendamento a firma M5s-Lega che sopprime l’obbligo di certificazione per iscriversi ad asili nido e scuole materne, Giulia Grillo ha ricordato come la proposta di legge in discussione alla Camera sia «in linea con quanto abbiamo detto in campagna elettorale sia da noi sia dalla Lega». Ha quindi aggiunto: «Come abbiamo indicato nel programma del Movimento, al quale ho collaborato anche io, i vaccini per noi sono un presidio fondamentale di prevenzione primaria. Abbiamo sempre detto che avremmo superato il decreto Lorenzin perché noi crediamo molto di più nella modalità della raccomandazione e non in quella dell’obbligo, che va bene solo nei casi di emergenza sanitaria o laddove ci siano importanti cali della copertura vaccinale».

DIGITALIZZAZIONE
«Ho un piccolo grande sogno – ha infine confessato il ministro Grillo -: quello di lanciare finalmente una vera sanità digitale. L’Italia è tra gli ultimi Paesi in Europa nella digitalizzazione in sanità – ha proseguito – ed io credo che, attraverso piccoli accorgimenti, la vita dei cittadini potrebbe essere fortemente migliorata».

In che modo? «Attraverso per esempio la prenotazione di visite on line – ha spiegato il Ministro -, attraverso la possibilità di pagare queste visite con il cellulare oppure quella di ordinare tramite app presidi come pannoloni e traverse. Insomma, voglio semplificare la vita dei malati che è già spesso molto complicata». Il progetto è molto ambizioso, «ma in cinque anni – ha concluso infine Grillo – forse riusciremo a realizzarlo».

Articoli correlati
Coronavirus, l’ex ministro Grillo: «Più morti in Italia e Spagna, austerity ha influito. Al Sud continuano arrivi, attenzione a riapertura»
Colloquio con l’ex ministro della Salute Giulia Grillo. Sui tamponi contesta l’OMS: «È stata incauta quando ha diramato linee guida restrittive. Corea, Giappone e Singapore non hanno seguito quelle indicazioni». Poi aggiunge: «Ospedali luogo di contagio, è mancata prevenzione strategica»
Coronavirus, Silvio Garattini: «Attenzione sì, panico no. Ogni anno in Italia 6mila morti da influenza»
Lo scienziato e farmacologo concorda con le misure adottate ma invita a ridimensionare l’emergenza: «Un sacrificio che dobbiamo accettare tutti perché è un virus nuovo, ma senza creare allarmismi o diventare ossessivi indossando mascherine o pagando cifre enormi per l’amuchina»
Ordini professionali, in Parlamento si cerca di rinviare il limite dei due mandati. Grillo (M5S): «Idea insulsa»
Il meccanismo previsto dalla legge Lorenzin impedirebbe a quasi il 60% degli attuali presidenti degli Ordini dei Medici di ricandidarsi alla stessa carica. Un emendamento al Milleproroghe ha tentato di annullare, ai fini del computo dei mandati, quelli svolti prima dell’entrata in vigore della legge. Il testo è poi stato ritirato, ma l’ex ministro della Salute Giulia Grillo avverte: «Ci riproveranno»
Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»
Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5.260 euro per ciascun anno»
«Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo». Le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA
VIDEO | 30mila dollari per un parto, 2500 per un braccio rotto, fino a 200mila dollari per un ciclo di chemioterapia. Sono alcuni esempi di quanto possa arrivare a costare la sanità negli Stati Uniti. Ma gli italiani si rendono conto della fortuna di avere un sistema sanitario pubblico e universale? Vediamo cosa ci hanno detto…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...