Politica 2 Aprile 2019

Quota 100, nessuna fuga di medici. Il ministro Grillo rassicura: «Presentate solo 600 domande»

Gli effetti di Quota 100 sul Servizio sanitario nazionale, liste d’attesa, vaccini e digitalizzazione: botta e risposta del ministro della Salute Giulia Grillo intervenuta alla trasmissione ‘Coffee Break’ su La7

Immagine articolo

Il Servizio sanitario nazionale non risentirà dell’uscita anticipata di medici con Quota 100. È la rassicurazione lanciata dal ministro della Salute Giulia Grillo ospite di ‘Coffee Break’, su La7. Il numero di domande, rivela infatti Grillo, «è abbastanza contenuto. Sono fino ad ora 600 quelle pervenute. Vi è un’incompatibilità alla libera professione che blocca l’uscita dei medici, che vogliono ancora lavorare».

La carenza dei medici specialisti e di infermieri non è un fenomeno nuovo. «Siamo al di sotto della media europea. Ma i nostri infermieri e i nostri medici sono molto richiesti all’estero perché sono molto qualificati – sottolinea Grillo, che prosegue: «Bisognava programmare una riforma da tempo». Un tema su cui il Governo sembra avere le idee chiare: «Stabilizzeremo tutti i precari della sanità. E abbiamo messo anche in atto una riforma del numero chiuso per la facoltà di Medicina che ci ha portato ad avere l’età media più avanzata tra tutti i medici d’Europa», ha aggiunto il Ministro.

Lo sblocco delle assunzioni «per come lo abbiamo concepito, porterà alla possibilità di aumentare l’assunzione di infermieri e operatori socio sanitari». L’obiettivo per Grillo «è quello di portare nella prossima finanziaria più risorse rispetto a quelle portate quest’anno».

LEGGI ANCHE: ALLARME PENSIONI, PALERMO (ANAAO): «SI RISCHIA IL CAOS. SPERIAMO CHE ADERISCA A QUOTA 100 SOLO IL 25%»

LISTE D’ATTESA
Buoni propositi anche per le liste d’attesa, considerate dal Ministro «una sfida ardua, ma difficile non vuol dire impossibile. Quello che possiamo dire è che noi, come governo – ha dichiarato Grillo – abbiamo fatto quello che gli altri in passato non avevano fatto, rinnovando per esempio dopo 10 anni il Piano nazionale governo liste d’attesa, che è un piano ambizioso che prevede, tra l’altro, la possibilità di far decadere i manager quando non si riescono a rispettare i tempi di attesa. Abbiamo per la prima volta istituito un Fondo nazionale per il governo delle liste d’attesa, con 350 milioni di euro, e abbiamo istituito un numero di pubblica utilità al ministero, che si chiama ‘1500’, a cui tutti i cittadini possono telefonare per descrivere le varie problematiche che hanno».

Ma quali sono le maggiori resistenze sulle liste d’attesa? «C’è stata una grande collaborazione con le Regioni – ha risposto Grillo – e non mi sento di dire che ci sono resistenze particolari. Il problema delle liste d’attesa è solo molto legato ad un problema organizzativo; in alcuni casi c’è anche un po’ di inappropriatezza prescrittiva (ma si tratta di non più del 10% dei casi), mentre in altri casi c’è una situazione di carenza di personale a causa di quei contratti precari che, grazie alla nostra norma – ha concluso- adesso potranno essere evitati».

VACCINI
Sul caso vaccini, scoppiato all’indomani della presentazione di un emendamento a firma M5s-Lega che sopprime l’obbligo di certificazione per iscriversi ad asili nido e scuole materne, Giulia Grillo ha ricordato come la proposta di legge in discussione alla Camera sia «in linea con quanto abbiamo detto in campagna elettorale sia da noi sia dalla Lega». Ha quindi aggiunto: «Come abbiamo indicato nel programma del Movimento, al quale ho collaborato anche io, i vaccini per noi sono un presidio fondamentale di prevenzione primaria. Abbiamo sempre detto che avremmo superato il decreto Lorenzin perché noi crediamo molto di più nella modalità della raccomandazione e non in quella dell’obbligo, che va bene solo nei casi di emergenza sanitaria o laddove ci siano importanti cali della copertura vaccinale».

DIGITALIZZAZIONE
«Ho un piccolo grande sogno – ha infine confessato il ministro Grillo -: quello di lanciare finalmente una vera sanità digitale. L’Italia è tra gli ultimi Paesi in Europa nella digitalizzazione in sanità – ha proseguito – ed io credo che, attraverso piccoli accorgimenti, la vita dei cittadini potrebbe essere fortemente migliorata».

In che modo? «Attraverso per esempio la prenotazione di visite on line – ha spiegato il Ministro -, attraverso la possibilità di pagare queste visite con il cellulare oppure quella di ordinare tramite app presidi come pannoloni e traverse. Insomma, voglio semplificare la vita dei malati che è già spesso molto complicata». Il progetto è molto ambizioso, «ma in cinque anni – ha concluso infine Grillo – forse riusciremo a realizzarlo».

Articoli correlati
Liste di attesa, l’ex ministro Grillo: «Mettere a bando le prestazioni». Cittadinanzattiva: «Serve piano straordinario»
Il lockdown ha messo in standby milioni di prestazioni sanitarie che ora devono essere recuperate. Per Moccia (Cittadinanzattiva) bisogna tornare al Piano nazionale «che stabilisce tempi massimi per esami e visite». Interpellanza della Grillo a Speranza: «Siano illustrate le modalità di monitoraggio dei tempi di attesa»
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
Clean room per snellire le liste d’attesa. Nicolò (oculista): «“Stanze pulite” e non sale operatorie per interventi a bassa complessità»
Il presidente di Macula: «La pandemia ha determinato un calo delle prestazioni per la cura delle maculopatie che va dal 40% all’80%. Interrompere le terapie potrebbe significare peggiorare il proprio stato di salute in modo irreversibile»
di Isabella Faggiano
Piemonte, Senior Italia FederAnziani: «Urgente riattivare ambulatori per attività specialistica e screening»
La richiesta lanciata dal Board di Senior Italia FederAnziani di supportare il servizio sanitario con intermediazione sul territorio, per una popolazione che può avere difficoltà di comprensione dei meccanismi organizzativi o dei percorsi di diagnosi e cura. Il confronto con il Presidente della Commissione Sanità Alessandro Stecco
Vaccini, Italia Longeva: «Puntiamo a raddoppiare le coperture degli anziani»
Per raggiungere il 95% suggerito dal ministero della Salute, è necessario avere a disposizione più vaccini e prima, già da settembre. Il presidente Bernabei: «Vaccinare tutti gli anziani contro l'influenza stagionale, pneumococco, pertosse e herpes zoster»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli