Politica 5 Marzo 2019

Professioni sanitarie, Vito De Filippo (Partito Democratico): «Legge Lorenzin svolta decisiva: non c’è bisogno di sanatoria, strumenti ci sono»

«Una storia bella ma troppo lunga: il tema dell’integrazione delle professioni sanitarie è un pilastro importante della nostra sanità che necessita sinergie e coordinamento». Così l’ex sottosegretario alla Salute Vito De Filippo per le celebrazioni del 20° anniversario delle professioni sanitarie

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone

Dalla Legge 42/99 alla Legge 3/2018: vent’anni di riforme e cambiamenti per le professioni sanitarie. La cosiddetta “Legge Lorenzin” infatti, ha segnato l’inizio di una nuova era e la fine di una storia «bella ma fin troppo lunga» secondo Vito l’Onorevole Vito De Filippo (Capogruppo Pd in Commissione Affari Sociali alla Camera dei Deputati). Intervistato a margine dell’evento organizzato dall’Ordine Tsrm Pstrp, a cui hanno partecipato personalità appartenenti a tutte le forze politiche (tra cui le due ex ministre della Salute Maria Pia Garavaglia e Beatrice Lorenzin) l’Onorevole De Filippo ha ricordato l’excursus legislativo delle professioni sanitarie tra passato, presente e futuro individuando le criticità da risolvere per rispondere in modo dinamico ed efficiente ai bisogni sanitari della popolazione.

Onorevole, sono passati 20 anni dalla promulgazione della Legge 42/99: le professioni sanitarie hanno fatto un percorso incredibile fino alla costituzione dell’Ordine con la Legge Lorenzin. Cosa manca ancora, secondo lei, per completare questa trasformazione delle professioni sanitarie?

«È stata una storia bella, anche se troppo lunga, perché il tema dell’integrazione delle professioni sanitarie è un pilastro importante del nostro Paese che necessita sinergie e coordinamento. Nei prossimi anni bisogna costruire management ed anche azioni concrete, non solo da un punto di vista contrattuale, ma nell’organizzazione della nostra sanità. Azioni che prevedano in maniera perentoria il tema dell’integrazione tra professioni sanitarie, mediche e di più alto livello di specializzazione. Come ho detto, si è trattato di una storia fin troppo lunga, abbiamo effettuato una svolta decisiva nel 2018 con la Legge che ha previsto gli ordini per queste professioni; ora dobbiamo procedere su questa strada in maniera più efficace e veloce».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, MARIA TERESA BELLUCCI ( FRATELLI D’ITALIA): «VIGILEREMO SU DECRETI ATTUATIVI MAXIEMENDAMENTO, RICONOSCIMENTO SIA IN BASE A MERITO E FORMAZIONE»

Lei ha contribuito alla creazione dell’Ordine: è stato difficile mettere insieme tutte queste professioni?

«Il dibattito in Parlamento nella scorsa legislatura sulla legge Lorenzin è stato sicuramente molto complesso. C’erano difficoltà, dubbi, sospetti, anche pregiudizi nella discussione tra forze politiche e professionali. Alla fine, abbiamo creato anche con il plurialbo, un ordine sostanzialmente equilibrato, abbiamo arato bene il terreno così da consentire, nei prossimi anni, che questa attività si sviluppi in modo corrispondente ai bisogni sanitari del paese».

Nell’ultima finanziaria si è parlato di una sanatoria, poi è stata smentita ma ora si attendono i decreti attuativi. Voi avete vigilato su questo. Pensa che sia un passo indietro rispetto a come era stato pensato l’ordine?

«Assolutamente sì, abbiamo spiegato che alcune questioni che venivano poste potevano essere risolte a legislazione vigente senza intervenire con provvedimenti a sanatoria. È stata scongiurata questa ipotesi, io penso che il ministero, nell’incontro con sindacati e regioni, abbia tutti gli strumenti per risolvere i problemi applicativi della Legge 3/2018».

Articoli correlati
Successo per il primo webinar della FNO TSRM e PSTRP sul Codice etico: 5 ore di confronto e 350 partecipanti
Il Presidente del Maxi Ordine delle Professioni sanitarie Alessandro Beux annuncia: «In autunno il testo per la consultazione pubblica»
Intramoenia e sviluppo di carriera per professioni sanitarie, Boldrini (Pd): «È il momento giusto»
Coinvolti in primis gli infermieri ma anche ostetriche e professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione, della prevenzione. «La proposta va in sinergia quella sull’infermiere di comunità che è tornata di grande attualità con l’emergenza Covid» spiega la capogruppo Pd in Commissione Sanità. «Non ci deve essere più conflittualità tra le professioni ma una collaborazione messa in pratica da tanti anni negli altri Paesi»
Tecnici ortopedici, Guidi (ANTOI): «Aziende in crisi economica: riapertura a rischio per il 30%»
Attività riconvertite per la pandemia. La presidente ANTOI: «Abbiamo prodotto mascherine e, laddove si disponeva di stampanti 3D, anche valvole per la terapia intensiva. Ora per ripartire il Sistema Sanitario Nazionale dovrebbe saldare il suo debito»
di Isabella Faggiano
Dl Rilancio, Beux (TSRM e PSTRP): «Bene fondi per sanità. Per potenziare territorio serve piano organico»
«Apprezziamo il tentativo di dare risposte alle esigenze di tutti e auspichiamo che possa tradursi rapidamente in un concreto supporto al Paese» sottolinea il Presidente del Maxi Ordine delle Professioni sanitarie Alessandro Beux
25 aprile, Perciballi (TSRM e PSTRP): «Diamo nuova effettività ai diritti sanciti nella Costituzione. Stato sia vicino a vittime pandemia»
La referente della FNO  TSRM e PSTRP  per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori dell’Ordine sottolinea: «Crediamo in uno Stato che faccia giustizia da un lato, ma che sia al contempo espressione di quella necessità di rinnovamento e di vero cambiamento che si è accesa in ogni professionista della sanità, ma anche in ogni persona di buona volontà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco