Politica 5 Marzo 2019 13:09

Professioni sanitarie, Vito De Filippo (Partito Democratico): «Legge Lorenzin svolta decisiva: non c’è bisogno di sanatoria, strumenti ci sono»

«Una storia bella ma troppo lunga: il tema dell’integrazione delle professioni sanitarie è un pilastro importante della nostra sanità che necessita sinergie e coordinamento». Così l’ex sottosegretario alla Salute Vito De Filippo per le celebrazioni del 20° anniversario delle professioni sanitarie

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone

Dalla Legge 42/99 alla Legge 3/2018: vent’anni di riforme e cambiamenti per le professioni sanitarie. La cosiddetta “Legge Lorenzin” infatti, ha segnato l’inizio di una nuova era e la fine di una storia «bella ma fin troppo lunga» secondo Vito l’Onorevole Vito De Filippo (Capogruppo Pd in Commissione Affari Sociali alla Camera dei Deputati). Intervistato a margine dell’evento organizzato dall’Ordine Tsrm Pstrp, a cui hanno partecipato personalità appartenenti a tutte le forze politiche (tra cui le due ex ministre della Salute Maria Pia Garavaglia e Beatrice Lorenzin) l’Onorevole De Filippo ha ricordato l’excursus legislativo delle professioni sanitarie tra passato, presente e futuro individuando le criticità da risolvere per rispondere in modo dinamico ed efficiente ai bisogni sanitari della popolazione.

Onorevole, sono passati 20 anni dalla promulgazione della Legge 42/99: le professioni sanitarie hanno fatto un percorso incredibile fino alla costituzione dell’Ordine con la Legge Lorenzin. Cosa manca ancora, secondo lei, per completare questa trasformazione delle professioni sanitarie?

«È stata una storia bella, anche se troppo lunga, perché il tema dell’integrazione delle professioni sanitarie è un pilastro importante del nostro Paese che necessita sinergie e coordinamento. Nei prossimi anni bisogna costruire management ed anche azioni concrete, non solo da un punto di vista contrattuale, ma nell’organizzazione della nostra sanità. Azioni che prevedano in maniera perentoria il tema dell’integrazione tra professioni sanitarie, mediche e di più alto livello di specializzazione. Come ho detto, si è trattato di una storia fin troppo lunga, abbiamo effettuato una svolta decisiva nel 2018 con la Legge che ha previsto gli ordini per queste professioni; ora dobbiamo procedere su questa strada in maniera più efficace e veloce».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, MARIA TERESA BELLUCCI ( FRATELLI D’ITALIA): «VIGILEREMO SU DECRETI ATTUATIVI MAXIEMENDAMENTO, RICONOSCIMENTO SIA IN BASE A MERITO E FORMAZIONE»

Lei ha contribuito alla creazione dell’Ordine: è stato difficile mettere insieme tutte queste professioni?

«Il dibattito in Parlamento nella scorsa legislatura sulla legge Lorenzin è stato sicuramente molto complesso. C’erano difficoltà, dubbi, sospetti, anche pregiudizi nella discussione tra forze politiche e professionali. Alla fine, abbiamo creato anche con il plurialbo, un ordine sostanzialmente equilibrato, abbiamo arato bene il terreno così da consentire, nei prossimi anni, che questa attività si sviluppi in modo corrispondente ai bisogni sanitari del paese».

Nell’ultima finanziaria si è parlato di una sanatoria, poi è stata smentita ma ora si attendono i decreti attuativi. Voi avete vigilato su questo. Pensa che sia un passo indietro rispetto a come era stato pensato l’ordine?

«Assolutamente sì, abbiamo spiegato che alcune questioni che venivano poste potevano essere risolte a legislazione vigente senza intervenire con provvedimenti a sanatoria. È stata scongiurata questa ipotesi, io penso che il ministero, nell’incontro con sindacati e regioni, abbia tutti gli strumenti per risolvere i problemi applicativi della Legge 3/2018».

Articoli correlati
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Gli Audiometristi puntano agli “ambulatori 4.0”
Rodolfo Sardone, presidente SIA: «Digitalizzare la sanità non basta. È necessario formare il personale sanitario che utilizza le nuove tecnologie, fin dall’università. L’abilitazione digitale è necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani»
di Isabella Faggiano
Per la logopedia ogni età è quella giusta
Rossetto (CNDA): «Grazie alle numerose evidenze scientifiche raccolte in materia, i nostri interventi sono sempre più mirati ed efficaci: promuoviamo la suzione non nutritiva tra i neonati, trattiamo i disturbi del linguaggio dell’età evolutiva e della terza età. In prima linea anche nel trattamento degli effetti del Long Covid»
di Isabella Faggiano
Gli igienisti dentali al tavolo tecnico sull’odontoiatria. Di Marco (CDAN): «Implementare la nostra presenza nel SSN»
Telemedicina tra app e tutorial, l’igienista dentale: «Da un lato eseguiamo procedure, dall’altro siamo i coach dei nostri pazienti per la cura della sua salute orale. È il mantenimento domiciliare che fa la reale differenza»
di Isabella Faggiano
Dietista di comunità, Tonelli (CAND): «Accanto a medici e pediatri di famiglia per prevenire e riabilitare»
Assistenza territoriale, il presidente della Commissione d’albo nazionale dei Dietisti: «Puntare sulla telenutrizione per assistere i pazienti che vivono in aree geograficamente più svantaggiate e inserire le prestazioni nutrizionali nei Livelli essenziali di assistenza (Lea)»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 giugno, sono 178.491.809 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.866.201 i decessi. Ad oggi, oltre 2,6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM