Politica 5 Marzo 2019 13:09

Professioni sanitarie, Vito De Filippo (Partito Democratico): «Legge Lorenzin svolta decisiva: non c’è bisogno di sanatoria, strumenti ci sono»

«Una storia bella ma troppo lunga: il tema dell’integrazione delle professioni sanitarie è un pilastro importante della nostra sanità che necessita sinergie e coordinamento». Così l’ex sottosegretario alla Salute Vito De Filippo per le celebrazioni del 20° anniversario delle professioni sanitarie

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone

Dalla Legge 42/99 alla Legge 3/2018: vent’anni di riforme e cambiamenti per le professioni sanitarie. La cosiddetta “Legge Lorenzin” infatti, ha segnato l’inizio di una nuova era e la fine di una storia «bella ma fin troppo lunga» secondo Vito l’Onorevole Vito De Filippo (Capogruppo Pd in Commissione Affari Sociali alla Camera dei Deputati). Intervistato a margine dell’evento organizzato dall’Ordine Tsrm Pstrp, a cui hanno partecipato personalità appartenenti a tutte le forze politiche (tra cui le due ex ministre della Salute Maria Pia Garavaglia e Beatrice Lorenzin) l’Onorevole De Filippo ha ricordato l’excursus legislativo delle professioni sanitarie tra passato, presente e futuro individuando le criticità da risolvere per rispondere in modo dinamico ed efficiente ai bisogni sanitari della popolazione.

Onorevole, sono passati 20 anni dalla promulgazione della Legge 42/99: le professioni sanitarie hanno fatto un percorso incredibile fino alla costituzione dell’Ordine con la Legge Lorenzin. Cosa manca ancora, secondo lei, per completare questa trasformazione delle professioni sanitarie?

«È stata una storia bella, anche se troppo lunga, perché il tema dell’integrazione delle professioni sanitarie è un pilastro importante del nostro Paese che necessita sinergie e coordinamento. Nei prossimi anni bisogna costruire management ed anche azioni concrete, non solo da un punto di vista contrattuale, ma nell’organizzazione della nostra sanità. Azioni che prevedano in maniera perentoria il tema dell’integrazione tra professioni sanitarie, mediche e di più alto livello di specializzazione. Come ho detto, si è trattato di una storia fin troppo lunga, abbiamo effettuato una svolta decisiva nel 2018 con la Legge che ha previsto gli ordini per queste professioni; ora dobbiamo procedere su questa strada in maniera più efficace e veloce».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, MARIA TERESA BELLUCCI ( FRATELLI D’ITALIA): «VIGILEREMO SU DECRETI ATTUATIVI MAXIEMENDAMENTO, RICONOSCIMENTO SIA IN BASE A MERITO E FORMAZIONE»

Lei ha contribuito alla creazione dell’Ordine: è stato difficile mettere insieme tutte queste professioni?

«Il dibattito in Parlamento nella scorsa legislatura sulla legge Lorenzin è stato sicuramente molto complesso. C’erano difficoltà, dubbi, sospetti, anche pregiudizi nella discussione tra forze politiche e professionali. Alla fine, abbiamo creato anche con il plurialbo, un ordine sostanzialmente equilibrato, abbiamo arato bene il terreno così da consentire, nei prossimi anni, che questa attività si sviluppi in modo corrispondente ai bisogni sanitari del paese».

Nell’ultima finanziaria si è parlato di una sanatoria, poi è stata smentita ma ora si attendono i decreti attuativi. Voi avete vigilato su questo. Pensa che sia un passo indietro rispetto a come era stato pensato l’ordine?

«Assolutamente sì, abbiamo spiegato che alcune questioni che venivano poste potevano essere risolte a legislazione vigente senza intervenire con provvedimenti a sanatoria. È stata scongiurata questa ipotesi, io penso che il ministero, nell’incontro con sindacati e regioni, abbia tutti gli strumenti per risolvere i problemi applicativi della Legge 3/2018».

Articoli correlati
Elezioni Ordini professioni sanitarie, pubblicata in Gazzetta Ufficiale la proroga al 31 gennaio 2021
La durata degli ordini in carica viene inoltre prorogata fino alla proclamazione dei nuovi eletti e comunque non oltre la stessa data. Sono fatte salve ovviamente le elezioni degli ordini già effettuate al momento dell’entrata in vigore dell’ordinanza
Igienisti dentali, Abbinante (AIDI): «Siamo operatori ad altissimo rischio. Il vaccino anti-Covid sia garantito anche ai libero-professionisti»
«Molti studenti hanno scelto tesi per indagare l’effetto della pandemia sulla salute orale e sulle conseguenze che lo stress dell’emergenza ha avuto anche sul benessere degli igienisti dentali»
Medicina territoriale, anche i TFCPC pronti a giocare un ruolo. Scali: «Telemedicina e soccorso emergenziale, ecco cosa possiamo fare»
Il Presidente della Commissione d’Albo nazionale dei Tecnici di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare, Salvatore Scali, spiega gli ambiti in cui questo professionista può essere un protagonista della medicina territoriale. E chiarisce: «A volte si ha la percezione che in alcuni nostri ambiti siamo stati un po’ erosi e questo per noi è un grande problema»
Beux (Fno Tsrm e Pstrp): «Frammentazione e corporativismo mali della sanità. Federazioni non coinvolte sul vaccino»
Il Presidente del maxi Ordine delle professioni sanitarie traccia un bilancio del 2020. Positivo il ‘fronte interno’: «Abbiamo perfezionato l’architettura istituzionale anche assumendoci delle responsabilità»
Terapisti occupazionali. Gli obiettivi Aito 2021, il neo Presidente Parone: «Aumentare il numero dei professionisti e creare una rete internazionale»
Nonostante la recente istituzione di albi e ordini, l’Associazione italiana terapisti occupazionali ha conservato il suo numero di iscritti. Parone: «Questa è la dimostrazione dell’impegno del precedente consiglio direttivo. Continueremo il loro lavoro»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...