Politica 17 Luglio 2019

Il primo anno del ministro della Salute Giulia Grillo: vaccini, liste d’attesa e ddl aggressioni

Dinanzi alle Commissioni riunite Sanità e Affari sociali di Senato e Camera, il Ministro specifica che «non ci saranno tagli in sanità»

Immagine articolo

Giulia Grillo festeggia il suo primo anniversario da ministro della Salute. A un anno dall’insediamento, in audizione nella Nuova Aula dei Gruppi parlamentari dinanzi alle Commissioni riunite Sanità e Affari sociali di Senato e Camera, ha passato in rassegna i principali faldoni che sono passati sulla sua scrivania.

«NIENTE TAGLI IN SANITÀ»

«Ieri il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, ha confermato davanti alle commissioni di Camera e Senato che nella prossima legge di bilancio non ci saranno tagli per la sanità. Una dichiarazione che mi conforta e mi conferma l’impegno del governo a non toccare le risorse per il nostro sistema. La sanità ha già dato abbondantemente», ha dichiarato la Grillo, ricordando che «La legge di Bilancio 2019 aumenta il Fondo sanitario nazionale di 4,5 miliardi nel triennio». Risorse che «tengono in considerazione anche i rinnovi contrattuali della dirigenza medica per il triennio 2019-21», ha specificato il Ministro.

VACCINI

La nuova Legge sui vaccini in esame nella Commissione Sanità del Senato «porterà a un testo condiviso che superi la legge in vigore – ha detto Giulia Grillo -. Sono convinta che su questi grandi temi la parola spetti al Parlamento, ma il ministro della Salute vigilerà affinché il nuovo provvedimento garantisca e tuteli la salute di tutti, a partire da quella dei più fragili». La Grillo ha quindi precisato: «Ho sempre ritenuto che la legge Lorenzin, nata come decretazione d’urgenza in tema di vaccinazioni, non affrontasse aspetti di sistema, quali il potenziamento dei servizi vaccinali, il reale funzionamento dell’anagrafe nazionale, l’uso delle attività della comunicazione e informazione per sensibilizzare l’opinione pubblica. Quest’anno ho lavorato per colmare alcune di queste lacune e, inoltre – ha aggiunto – abbiamo previsto lo stanziamento di 2 milioni di euro per l’anno 2019 e poi 500.000 euro a regime da mettere a disposizione delle Regioni per raccogliere in modo uniforme i dati mediante anagrafi vaccinali regionali. Ho firmato ieri il decreto di riparto delle risorse che presto sarà pubblicato in Gazzetta».

LISTE D’ATTESA

Le liste d’attesa sono uno dei problemi principali del sistema salute in Italia che «abbiamo affrontato di petto, aggiornando il Piano per il Governo delle Liste di Attesa che era fermo da 10 anni e stanziando, nella legge di bilancio 2019, 350 milioni di euro per il triennio 2019-21. Risorse – ha detto il Ministro – cui abbiamo aggiunto ulteriori 50 milioni, e presto invierò alla Conferenza Stato-Regioni la proposta di riparto. 400 milioni, quindi,  che saranno utilizzati dalle Regioni per migliorare le infrastrutture digitali dei Cup e degli altri servizi connessi al funzionamento delle liste d’attesa». Il Ministro ha quindi ricordato che «la settimana scorsa si è insediato al ministero della Salute l’Osservatorio nazionale sulle liste d’attesa composto da rappresentanti del ministero, dell’Agenas, delle Regioni, dell’Istituto Superiore di Sanità e delle organizzazioni civiche di tutela del diritto alla salute che provvederà a monitorare l’andamento degli interventi previsti oltre che rilevare le criticità e fornire indicazioni per uniformare i comportamenti, superando le diseguaglianze rispondendo in modo puntuale ai bisogni dei cittadini. Molto è stato fatto in un anno – ha concluso la Grillo -: sono certa che a breve i cittadini vedranno il cambiamento».

IL DDL CONTRO LE AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO

«Mi sono impegnata a promuovere un intervento normativo per contrastare la violenza e le minacce contro gli operatori sanitari, poi diventato un testo su cui già si è espressa la commissione Sanità del Senato e che andrà in Aula la prossima settimana – ha annunciato -. Il Paese ha bisogno di una Legge che tuteli chi lavora per il diritto alla salute di tutti noi. Non ci possono essere divisioni su questo. Andiamo tutti nella stessa direzione, quella di una società più civile».

L’IMBUTO FORMATIVO

«Il sistema delle borse di specializzazione ha fatto il suo tempo e va riformato – ha dichiarato la Grillo all’indomani dell’incontro sul tema con la FNOMCeO -. Cercheremo di prendere in carico i medici che rimangono nel limbo della formazione».

LE DISPOSIZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO

«Sulle Disposizioni anticipate di trattamento sto per trasmettere un’ulteriore, e spero ultima, versione di regolamento che tiene conto delle richieste formulate anche dai Comuni», ha dichiarato il ministro della Salute Giulia Grillo.

 

Articoli correlati
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
Crisi di governo, la preoccupazione di Anelli (FNOMCeO): «Ddl aggressioni sarà rallentato nonostante nostre sollecitazioni»
Il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri traccia un bilancio dell’operato del ministro Grillo: «Con lei siamo riusciti a mettere a fuoco molte delle problematiche che avevamo sollecitato. Ora se ci sarà un cambio al dicastero dovremmo ricominciare da capo»
«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo
«Mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari»
Salute, Ministro Grillo dimissionario: svolgerà solo l’ordinaria amministrazione
Con le dimissioni presentate al Quirinale dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche il resto del Governo è dimissionario. Tra loro anche il titolare del dicastero Salute, Giulia Grillo. Il Governo e tutti i ministri rimangono comunque in carica fino all’insediamento di un nuovo Governo. Questo accadrà anche in caso di elezioni. L’attività del governo […]
Crisi di governo: la diretta di Sanità Informazione
Giuseppe Conte in Senato annuncia le dimissioni: «Alla fine di questo dibattito mi recherò dal Presidente della Repubblica per dimettermi». Attesa del mondo della sanità per l'esito della crisi: ecco i provvedimenti che rischiano di saltare. Dimissionario anche il Ministro della Salute Giulia Grillo. I commenti dei Senatori della Commissione Sanità e della Commissione Affari Sociali: Binetti, Boldrini, Tiramani...
di Cesare Buquicchio, Giovanni Cedrone, Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone