Politica 28 Giugno 2019 09:18

Pittella (PD): «Mia priorità abbattere numero dei contenziosi per i medici. Intervento su Legge Gelli»

«C’è un tema che riguarda la responsabilità penale del medico che probabilmente andrà rivisto», spiega il senatore del Partito Democratico, Giovanni Pittella che lancia la proposta di un articolo unico di modifica insieme al collega Misiti

Pittella (PD): «Mia priorità abbattere numero dei contenziosi per i medici. Intervento su Legge Gelli»

Rendere la Legge Gelli-Bianco maggiormente efficace, rivedere la responsabilità penale del medico vessato dall’aumento esponenziale dei contenziosi. A poco più di due anni dall’entrata in vigore della legge 24 continua il dibattito sulla necessità di tutelare maggiormente i camici bianchi. A raccogliere le istanze del mondo medico è il senatore del Partito Democratico Giovanni Pittella, che in occasione del convegno promosso dal Collegio Italiano dei Chirurghi dal titolo “Malpractice, informazione, pubblicità ingannevole e suggestiva: un danno per il SSN”, ha annunciato un’azione legislativa insieme al collega della Camera, il pentastellato Carmelo Massimo Misiti.

«Ci sono alcuni aspetti da rivedere», spiega l’onorevole Pittella a margine dell’incontro. La proposta dovrebbe far fronte alle 35mila azioni legali che ogni anno vessano i camici bianchi e delle quali oltre il 90% si risolve a favore di quest’ultimi, con l’unico risultato di rappresentare un costo sia per il medico sia per il paziente. «C’è un tema che riguarda la responsabilità penale del medico che probabilmente andrà rivisto, – continua Pittella – sono venute fuori delle proposte. Il sottoscritto, insieme all’onorevole Misiti alla Camera molto probabilmente nelle prossime ore presenteremo una proposta di un articolo unico di modifica su questo punto».

LEGGI: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, GELLI: «ENTRO L’AUTUNNO AVREMO I DECRETI ATTUATIVI LEGGE 24»

Il punto è che «non si può scaricare tutta la responsabilità sul medico» precisa l’onorevole alla domanda su quale sarà l’indirizzo che verrà dato alla legge. «C’è una vecchia frase che io ho imparato quando mi sono laureato: il medico ha l’obbligo dei mezzi, non dei fini. Si è capovolta la situazione, cioè dal medico si pretende che si dia un risultato che spesso non si può ottenere, ma non per imperizia del medico o per condotta ignorante, ma perché la malattia è grave, non ci sono i mezzi e le tecnologie sufficienti, vi è anche una componente legata al destino, al fato, che incide, e allora bisogna mettere nel giusto novero il tema medico-paziente».

«Dobbiamo tornare al vecchio rapporto per il quale il paziente si rivolgeva al medico come a suo fratello, a suo padre, – conclude il senatore – confidando non soltanto le sue malattie ma anche gli altri problemi, e il medico deve essere quell’uomo che si fa carico dei problemi del paziente anche sul piano psichico e psicologico e non soltanto sul piano fisico».

Articoli correlati
Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»
In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un decreto attuativo della Legge Gelli-Bianco ma che, nel frattempo, ha mietuto e miete ancora tante vittime
Ritardi o omissione delle cure a causa della pandemia, chi ne risponderà legalmente?
L’analisi del professore Antonio Oliva, associato di Medicina Legale all’università Cattolica: «Le aziende ospedaliere potrebbero essere chiamate in causa per il risarcimento del danno per colpa organizzativa»
di Isabella Faggiano
Rischio clinico, oltre 300mila download per il manuale promosso da Fondazione Italia in Salute
Pubblicato da Springer, fornisce le basi metodologiche della gestione del rischio. Il presidente Gelli: «Tema sempre più attuale»
Responsabilità professionale e Covid-19, Frittelli: «Proporremo al Parlamento modifiche a Legge Gelli»
Dal Forum Risk Management in sanità arriva la richiesta di adattare la legge Gelli al contesto straordinario dettato dalla pandemia. L'avvocato Hazan: «In questi giorni passi avanti sui decreti attuativi»
Tamponi Covid, cosa rischia il medico che ne prescrive troppi (o troppo pochi)? Intervista all’Avv. Hazan
«La Legge Gelli è poco applicabile a questi casi perché si fonda sul rispetto delle linee guida. Ma nel caso del Covid non c’è una comprensione esatta di cosa si debba fare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...