Politica 7 Giugno 2019

Patto per la Salute, Aceti (Fnopi): «Bene Grillo, basta tagli alla Sanità. Infermieri in prima linea»

«Abbiamo apprezzato anche l’aspetto di aver aperto un confronto con tutti gli stakeholder», spiega ai microfoni di Sanità Informazione il portavoce della Federazione degli Ordini degli Infermieri, Tonino Aceti

Immagine articolo

Lo spettro dei tagli, paventati nell’ultima bozza del Patto per la Salute sottoposta alle Regioni, agita il mondo della sanità. La clausola finanziaria voluta dal Mef, che vincola l’incremento al Fondo sanitario messo a bilancio al raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica e al quadro macroeconomico, è stata subito respinta dal Ministro della Salute, Giulia Grillo.

Un intervento gradito anche dalla Federazione degli Ordini degli Infermieri: «Apprezziamo il punto di vista e il chiarimento che il ministro Grillo ha fatto velocemente sulla vicenda – sottolinea il portavoce Fnopi Tonino Aceti -. Il fatto di aver chiarito che dal suo punto vista sono irricevibili le clausole inserite nel Patto che vanno ad intaccare gli incrementi del fondo per noi è motivo di rassicurazione».

LEGGI: PATTO PER LA SALUTE, GRILLO AL FIANCO DELLE REGIONI: «CLAUSOLA POLITICAMENTE IRRICEVIBILE»

«Tagli alla sanità non se ne possono più fare, – continua Aceti – ha già dato. Se bisogna recuperare qualche risorsa per il pareggio di Bilancio che Bruxelles ci chiede si andasse a recuperare risorse in altri settori pubblici non efficienti come la sanità. Noi ormai abbiamo raschiate il barile, stiamo facendo di tutto, i professionisti sono in prima linea e hanno lanciato il cuore oltre l’ostacolo. Noi dobbiamo adesso rilanciare il servizio sanitario nazionale e anziché tagli c’è bisogno di forti investimenti a partire dallo sblocco delle assunzioni, maggiori investimenti per quanto riguarda l’accessibilità alle prestazioni, l’edilizia sanitaria. Abbiamo tante priorità».

«Abbiamo apprezzato anche l’aspetto di aver aperto un confronto con tutti gli stakeholder – prosegue il portavoce di Fnopi – che non sono solo le regioni, ma professionisti, ordini, sindacati, associazioni di cittadini e pazienti. Confrontarsi con tutto questo mondo qui, che è il tessuto del Servizio sanitario nazionale, sul Patto per la salute è una scelta molto innovativa mai fatta e siamo a disposizione per offrire il nostro contributo».

Aceti sottolinea poi che la clausola in questione è “un film già visto” con il precedente Patto per la Salute e che ripetere gli errori del passato sarebbe quanto di più sbagliato: «Le clausole che abbiamo ritrovato nell’ultima bozza del Patto per la Salute sono le stesse del vecchio Patto per la salute 2014 – 2016. Queste clausole devono essere eliminate. La storia ci insegna che il vecchio patto per la salute prevedeva come finanziamento per il 2016 di 115,5 miliardi ma nel 2016 l’effettivo finanziamento fu di 111 miliardi, 4,5 miliardi in meno. Questa cosa qui – conclude Aceti – non è più sostenibile per il nostro Servizio sanitario nazionale. Bene il ministro Grillo a scongiurare questo film, si stava reiterando un vecchio film che dobbiamo velocemente archiviare».

Articoli correlati
AIL incontra il ministro Grillo: «Garantire accesso tempestivo alle cure CAR-T»
In occasione dei 50 anni dalla sua fondazione l’Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma ha presentato la sua attività di supporto ai pazienti ematologici in tutta Italia e affrontato le prospettive future nella cura dei tumori del sangue
Il primo anno del ministro della Salute Giulia Grillo: vaccini, liste d’attesa e ddl aggressioni
Dinanzi alle Commissioni riunite Sanità e Affari sociali di Senato e Camera, il Ministro specifica che «non ci saranno tagli in sanità»
Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può
Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza
Sanità privata senza contratto, Ferruzzi (Cisl FP): «Non c’è un’interlocuzione con il Ministro»
La denuncia della segretaria nazionale Cisl Funzione Pubblica, Marianna Ferruzzi: «A tutt’oggi la disponibilità del Ministro Grillo la leggo solo sui giornali». Intanto il contratto della sanità privata è fermo da 12 anni
Liste d’attesa, insediato l’Osservatorio nazionale. Il ministro Grillo: «Così restituiamo sanità pubblica a cittadini»
Ieri pomeriggio al ministero della Salute, alla presenza del ministro Giulia Grillo, si è insediato l’Osservatorio nazionale liste d’attesa e si è svolta la prima riunione. «Siamo qui non solo per attivare un osservatorio operativo che possa concretamente vigilare sull’efficienza delle liste d’attesa – dichiara il Ministro in una nota -, ma per lavorare insieme […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...