Politica 7 Giugno 2019

Patto per la Salute, Aceti (Fnopi): «Bene Grillo, basta tagli alla Sanità. Infermieri in prima linea»

«Abbiamo apprezzato anche l’aspetto di aver aperto un confronto con tutti gli stakeholder», spiega ai microfoni di Sanità Informazione il portavoce della Federazione degli Ordini degli Infermieri, Tonino Aceti

Immagine articolo

Lo spettro dei tagli, paventati nell’ultima bozza del Patto per la Salute sottoposta alle Regioni, agita il mondo della sanità. La clausola finanziaria voluta dal Mef, che vincola l’incremento al Fondo sanitario messo a bilancio al raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica e al quadro macroeconomico, è stata subito respinta dal Ministro della Salute, Giulia Grillo.

Un intervento gradito anche dalla Federazione degli Ordini degli Infermieri: «Apprezziamo il punto di vista e il chiarimento che il ministro Grillo ha fatto velocemente sulla vicenda – sottolinea il portavoce Fnopi Tonino Aceti -. Il fatto di aver chiarito che dal suo punto vista sono irricevibili le clausole inserite nel Patto che vanno ad intaccare gli incrementi del fondo per noi è motivo di rassicurazione».

LEGGI: PATTO PER LA SALUTE, GRILLO AL FIANCO DELLE REGIONI: «CLAUSOLA POLITICAMENTE IRRICEVIBILE»

«Tagli alla sanità non se ne possono più fare, – continua Aceti – ha già dato. Se bisogna recuperare qualche risorsa per il pareggio di Bilancio che Bruxelles ci chiede si andasse a recuperare risorse in altri settori pubblici non efficienti come la sanità. Noi ormai abbiamo raschiate il barile, stiamo facendo di tutto, i professionisti sono in prima linea e hanno lanciato il cuore oltre l’ostacolo. Noi dobbiamo adesso rilanciare il servizio sanitario nazionale e anziché tagli c’è bisogno di forti investimenti a partire dallo sblocco delle assunzioni, maggiori investimenti per quanto riguarda l’accessibilità alle prestazioni, l’edilizia sanitaria. Abbiamo tante priorità».

«Abbiamo apprezzato anche l’aspetto di aver aperto un confronto con tutti gli stakeholder – prosegue il portavoce di Fnopi – che non sono solo le regioni, ma professionisti, ordini, sindacati, associazioni di cittadini e pazienti. Confrontarsi con tutto questo mondo qui, che è il tessuto del Servizio sanitario nazionale, sul Patto per la salute è una scelta molto innovativa mai fatta e siamo a disposizione per offrire il nostro contributo».

Aceti sottolinea poi che la clausola in questione è “un film già visto” con il precedente Patto per la Salute e che ripetere gli errori del passato sarebbe quanto di più sbagliato: «Le clausole che abbiamo ritrovato nell’ultima bozza del Patto per la Salute sono le stesse del vecchio Patto per la salute 2014 – 2016. Queste clausole devono essere eliminate. La storia ci insegna che il vecchio patto per la salute prevedeva come finanziamento per il 2016 di 115,5 miliardi ma nel 2016 l’effettivo finanziamento fu di 111 miliardi, 4,5 miliardi in meno. Questa cosa qui – conclude Aceti – non è più sostenibile per il nostro Servizio sanitario nazionale. Bene il ministro Grillo a scongiurare questo film, si stava reiterando un vecchio film che dobbiamo velocemente archiviare».

Articoli correlati
Microteam e multidisciplinarietà: le idee di medici e infermieri per la medicina territoriale
In audizione al Senato, sia la Federazione degli Ordini dei Medici che quella degli Infermieri hanno presentato le loro idee per rispondere alla domanda di salute presente e futura del Paese
«Stabilizzazione, aumenti salariali e riconoscimento della professione». Le richieste degli infermieri al Circo Massimo
«Siamo oltre duemila», comunica Nursing Up che ha convocato la piazza romana degli infermieri. Al centro della vertenza la richiesta di un comparto contrattuale autonomo. E il Ministero promette l'apertura dell'istruttoria
di Tommaso Caldarelli
La Giornata del personale sanitario e socio-sanitario sarà il 20 febbraio
Via libera della Camera per onorare «il lavoro, l’impegno, la professionalità e il sacrificio degli operatori sanitari e sociosanitari nel corso della pandemia da coronavirus». Grande soddisfazione da parte di FNOMCeO e FNOPI
Eutanasia, FNOPI e FNOMCeO alla Camera: «Medici e infermieri devono potersi attenere ai loro Codici deontologici»
Alla Camera sono riprese le audizioni sulla legge in materia di rifiuto dei trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia. Tra le richieste della Federazione degli Ordini dei Medici l’affidamento della certificazione dello stato clinico del richiedente a team professionali medici e l’attuazione omogenea della legge sulle Cure Palliative
Fnopi: «Nuovi Lea, che fine ha fatto il “decreto Tariffe”?»
Aceti, presidente Fnopi, contro i tre anni di ritardo sul decreto tariffe: «Non fa che accrescere le disuguaglianza tra regioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare