Politica 7 Giugno 2019

Patto per la Salute, Aceti (Fnopi): «Bene Grillo, basta tagli alla Sanità. Infermieri in prima linea»

«Abbiamo apprezzato anche l’aspetto di aver aperto un confronto con tutti gli stakeholder», spiega ai microfoni di Sanità Informazione il portavoce della Federazione degli Ordini degli Infermieri, Tonino Aceti

Immagine articolo

Lo spettro dei tagli, paventati nell’ultima bozza del Patto per la Salute sottoposta alle Regioni, agita il mondo della sanità. La clausola finanziaria voluta dal Mef, che vincola l’incremento al Fondo sanitario messo a bilancio al raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica e al quadro macroeconomico, è stata subito respinta dal Ministro della Salute, Giulia Grillo.

Un intervento gradito anche dalla Federazione degli Ordini degli Infermieri: «Apprezziamo il punto di vista e il chiarimento che il ministro Grillo ha fatto velocemente sulla vicenda – sottolinea il portavoce Fnopi Tonino Aceti -. Il fatto di aver chiarito che dal suo punto vista sono irricevibili le clausole inserite nel Patto che vanno ad intaccare gli incrementi del fondo per noi è motivo di rassicurazione».

LEGGI: PATTO PER LA SALUTE, GRILLO AL FIANCO DELLE REGIONI: «CLAUSOLA POLITICAMENTE IRRICEVIBILE»

«Tagli alla sanità non se ne possono più fare, – continua Aceti – ha già dato. Se bisogna recuperare qualche risorsa per il pareggio di Bilancio che Bruxelles ci chiede si andasse a recuperare risorse in altri settori pubblici non efficienti come la sanità. Noi ormai abbiamo raschiate il barile, stiamo facendo di tutto, i professionisti sono in prima linea e hanno lanciato il cuore oltre l’ostacolo. Noi dobbiamo adesso rilanciare il servizio sanitario nazionale e anziché tagli c’è bisogno di forti investimenti a partire dallo sblocco delle assunzioni, maggiori investimenti per quanto riguarda l’accessibilità alle prestazioni, l’edilizia sanitaria. Abbiamo tante priorità».

«Abbiamo apprezzato anche l’aspetto di aver aperto un confronto con tutti gli stakeholder – prosegue il portavoce di Fnopi – che non sono solo le regioni, ma professionisti, ordini, sindacati, associazioni di cittadini e pazienti. Confrontarsi con tutto questo mondo qui, che è il tessuto del Servizio sanitario nazionale, sul Patto per la salute è una scelta molto innovativa mai fatta e siamo a disposizione per offrire il nostro contributo».

Aceti sottolinea poi che la clausola in questione è “un film già visto” con il precedente Patto per la Salute e che ripetere gli errori del passato sarebbe quanto di più sbagliato: «Le clausole che abbiamo ritrovato nell’ultima bozza del Patto per la Salute sono le stesse del vecchio Patto per la salute 2014 – 2016. Queste clausole devono essere eliminate. La storia ci insegna che il vecchio patto per la salute prevedeva come finanziamento per il 2016 di 115,5 miliardi ma nel 2016 l’effettivo finanziamento fu di 111 miliardi, 4,5 miliardi in meno. Questa cosa qui – conclude Aceti – non è più sostenibile per il nostro Servizio sanitario nazionale. Bene il ministro Grillo a scongiurare questo film, si stava reiterando un vecchio film che dobbiamo velocemente archiviare».

Articoli correlati
Infermiere di famiglia, 10% di ospedalizzazione in meno dove c’è sperimentazione. FNOPI: «Urgente approvare Ddl. Ma servono correttivi»
In Commissione Sanità audizione di Nicola Draoli, Consigliere della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche: «Stimiamo ne servano almeno 20mila. Evitare conflitti con altre professioni». Poi spiega: «Nel Ddl sembra quasi che l’infermiere di famiglia sia quell’infermiere che già adesso sta facendo assistenza domiciliare. Invece si tratta di una figura nuova»
Operatori sanitari ancora vittime di aggressioni. Violenze negli ospedali di Roma, Siracusa e Napoli
Le vittime sono due infermieri, una guardia medica e un chirurgo in servizio al Pronto Soccorso. «C'è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza» ha dichiarato la dottoressa aggredita a Siracusa
In Italia tanti medici ma troppo anziani, l’allarme lanciato dal rapporto “State of Health in the EU”
Nel 2017 più della metà dei medici italiani in attività aveva un'età pari o superiore a 55 anni, la percentuale più elevata di Europa
Nasce la Consulta permanente delle professioni sanitarie. Speranza: «Luogo di confronto e dialogo»
Anelli (FNOMCeO): «Soddisfazione e orgoglio». Mangiacavalli (FNOPI): «Bene, ma non vi siano professioni di serie A e di serie B». Orlandi (FNCF): «Atto importante e necessario nell'interesse della salute di tutti». Cossolo (Federfarma): «Luogo di incontro e confronto». Beux (TSRM PSTRP): «Grande opportunità, ora dimostriamo di saperla cogliere»
Il 2020 sarà l’anno di infermieri e ostetriche. Oms: «Nel mondo ne serviranno 9 milioni entro il 2030»
Non va meglio in Italia dove la carenza è stimata in oltre 50mila unità. Il 12 maggio 2020 sarà celebrata la giornata internazionale dell’infermiere e il 200º anniversario della nascita di Florence Nightingale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...