Politica 31 Gennaio 2019 14:03

Numero chiuso a Medicina, Salvini rilancia l’abolizione. E sposa la proposta del rettore Unife Zauli che vuole sperimentare lo stop ai test

Il vicepremier, sui social, sottolinea: «Via il numero chiuso a Medicina: diritto allo studio e al lavoro per tanti ragazzi, diritto alla salute per tanti Italiani. Sono d’accordo!». Il Magnifico Rettore dell’ateneo di Ferrara propone che dal prossimo anno accademico la soglia di sbarramento non sia più il test d’ingresso, ma finire tutti gli esami del primo semestre del primo anno con una media non inferiore al 27

L’abolizione del numero chiuso nella Facoltà di Medicina torna ad essere al centro delle attenzioni del governo. È ancora una volta il vicepremier Matteo Salvini a riaccendere l’argomento. Lo ha fatto su Facebook facendo riferimento alla proposta avanzata nei giorni scorsi dal rettore dell’Università di Ferrara, Giorgio Zauli che già qualche tempo fa su Sanità Informazione aveva chiesto di «abolire o riformare profondamente» questo strumento.

«Via il numero chiuso a Medicina: diritto allo studio e al lavoro per tanti ragazzi, diritto alla salute per tanti Italiani. Sono d’accordo!», ha scritto Salvini postando una recente intervista al magnifico rettore Zauli che ha avviato la sperimentazione alla Università di Ferrara per superare il numero chiuso nella locale facoltà dal prossimo anno accademico.

Nello specifico la proposta del rettore prevede, dal prossimo anno accademico, che la soglia di sbarramento per 600 studenti di Medicina non sia più il test d’ingresso, ma di arrivare a finire tutti gli esami del primo semestre del primo anno con una media non inferiore al 27 e totalizzare tutti i crediti formativi entro il 31 gennaio dell’anno accademico.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, ZAULI (UNIV. FERRARA) ROMPE FRONTE DEI RETTORI: «NON SIA QUIZ A SELEZIONARE MEDICI DEL FUTURO»

La proposta è stata portata all’attenzione del Viceministro Miur Lorenzo Fioramonti e del Presidente della Commissione Istruzione del Senato Mario Pittoni (Lega).

«Questa proposta – ha sottolineato Zauli intervistato su Il Resto del Carlino – è stata concepita proprio in funzione di non gravare di costi ulteriori l’istituzione centrale. Unife sarebbe autosufficiente sia per le risorse economiche che del corpo docenti. Abbiamo dimostrato che i grandi numeri siamo ben in grado di gestirli. E, questo, s’inserirebbe a pieno titolo nella collaborazione che abbiamo avviato assieme all’Ente Fiera per i ragazzi di Biotecnologie».

A spingere Zauli in questa direzione il «depauperamento del corpo docenti per quanto attiene a medicina calato del 23% in pochi anni». Anche il San Raffaele di Milano ha salutato con favore questa proposta.

Articoli correlati
Numero chiuso a Medicina, Consulcesi: «Da imbuto a “voragine” formativa, abbiamo bisogno di più laureati»
Tra 5 anni, si avranno 20mila posti in specialità che non troveranno medici disponibili a occuparli
Anche il CNEL contro il “numero chiuso” a Medicina, al Senato proposta di legge su orientamento e accesso ai corsi
Il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro sottolinea: «L’attuale sistema di accesso alle cosiddette ‘Professioni mediche deve essere immediatamente abbandonato in favore di un sistema più rispettoso dei diritti costituzionali»
di Francesco Torre
Test Medicina, piano B per 4 studenti su 5: oltre la metà rinuncia al sogno del camice
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «C'è un'altra strada, quella del ricorso, che porta all'ammissione alla Facoltà di Medicina». Poche settimane per partecipare al ricorso
Numero chiuso, Tortorella: «In futuro addio test? Ora pensiamo all’esercito degli esclusi»
«Sono contento che finalmente si prenda in considerazione seriamente la possibilità di cambiare le regole di un gioco tutt’altro che meritocratico»
Numero chiuso, Chiapparino (CNSU): «Un modello fortemente sbagliato che va rivisto. È problema politico»
«Tutta la comunità studentesca si è sempre espressa a favore dell’abbattimento del numero chiuso – ha dichiarato il presidente Cnsu - niente è stato previsto nel recovery plan per superare e abbattere il numero chiuso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...