Politica 29 Aprile 2019

Nomine in Sanità, in campo due Ddl dei Cinque Stelle: commissari esterni e Albo nazionale, parola d’ordine ‘meritocrazia’

I due disegni di legge, uno alla Camera a prima firma Nesci e l’altro al Senato della Castellone, sono in parte differenti: il primo prevede che le Regioni debbano scegliere il Direttore generale (tra quelli che hanno risposto all’avviso) con il punteggio più elevato nell’Albo

L’inchiesta che ha portato alle dimissioni della presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini ha impresso un’accelerazione alla presentazione di alcuni disegni di legge in materia sul tema delle nomine in sanità. Il tema è molto caro ai Cinque Stelle, tanto che nei giorni scorsi sia il vicepremier Luigi Di Maio che il ministro della Salute Giulia Grillo hanno rinnovato l’appello a discutere i due Ddl pentastellati che modificano la legge sulle nomine dei manager.

I Cinque Stelle hanno presentato due misure sul tema, una alla Camera a prima firma Dalila Nesci e una al Senato, prima firmataria Maria Domenica Castellone. Il Ddl Nesci prevede che le Regioni debbano scegliere il Direttore generale (tra quelli che hanno risposto all’avviso) con il punteggio più elevato nell’Albo. Per quanto riguarda poi i direttori amministrativi, sanitari e socio sanitari essi dovranno essere scelti dal Dg in base ai punteggi più alti registrati negli elenchi regionali. In sostanza la proposta Nesci rafforza ulteriormente la norma attuale e inchioda le Regioni alle valutazioni dell’Albo.

Diverso il Ddl Castellone, che punta ad istituire un Albo nazionale dei commissari per la valutazione del management. E in questo senso per la nomina del direttore generale il presidente della regione dovrà individuare cinque commissari, di cui almeno due di regioni diverse rispetto al luogo dove si svolge la selezione. La proposta introduce anche la ‘rosa’ per cui i commissari stilano un elenco di 5 nomi tra cui il presidente di Regione potrà scegliere il manager. Altra novità del Ddl è poi la previsione di Albi nazionali anche per i direttori sanitari e per amministrativi e socio sanitari.

I pentastellati sono in pressing sugli alleati di governo della Lega perché si giunga presto all’approvazione di un testo che, in tutti i casi, dovrà avere anche il vaglio delle Regioni dato che la sanità è in gran parte di competenza regionale.

«La meritocrazia deve essere il punto cardine di ogni nomina, soprattutto se parliamo di Sanità – ha sottolineato la presidente della Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice – Come ha ribadito il vicepremier Luigi Di Maio, fatti come quelli accaduti in Umbria non possono e non devono più accadere. Per questo abbiamo depositato un disegno di legge che prevede che la nomina dei dirigenti avvenga tramite una commissione esterna. Parliamo di un provvedimento di buon senso e siamo certi che anche la Lega sia pronta a votarlo».

Articoli correlati
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
«I dati di Borrelli sono drogati, e non chiamateci eroi dopo aver reso miserabile la sanità». Lo sfogo (virale) di un medico sul web
L’intervista a Fabrizio Lucherini: «A troppe persone sintomatiche è stato rifiutato il tampone, il tasso di mortalità non può essere calcolato se il denominatore è sbagliato». Poi aggiunge: «Questa è una guerra che lascerà dietro di sé macerie 2.0. Servirà una Costituente per cambiare tante cose di questa Italia»
«E io dico che non siamo eroi»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
La sanità è ancora pubblica: una lezione dal Covid-19
La recente insorgenza pandemica del Covid-19 ha mostrato, nei Paesi più colpiti quali l’Italia, l’importanza del sistema pubblico sanitario e della ricerca. Ciò, a dispetto della recente direzione verso il servizio privatizzato, o a prestazione, che aveva messo in dubbio l’efficacia del sistema di “welfare state”
di Luca Mazzacane
Cisl Medici Lazio, lettera all’assessore D’Amato: «Riaprire Forlanini, nominare Commissario e garantire DPI a tutti gli operatori sanitari»
In relazione all’emergenza sanitaria da coronavirus, di seguito la lettera aperta all’Assessore alla Sanità del Lazio da parte del Segretario generale della Cisl Medici Lazio Dottor Cifaldi e del Segretario generale della Cisl Roma Capitale/Rieti Dott Magliozzi. «Lungi da noi la pretesa, in momenti così densi di impegni, di ricevere dai soggetti istituzionali del Lazio […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 31 marzo, sono 786.291 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 37.820 i decessi e 166.088 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...