Politica 16 Maggio 2019

Nomine in sanità, Cittadinanzattiva: «D’accordo su criterio del merito, ma serve riforma organica e definitiva»

l vicesegretario Anna Lisa Mandorino commenta l’emendamento del M5S per limitare l’intreccio tra politica e sanità: «Da sempre sosteniamo che negli incarichi dirigenziali delle aziende sanitarie la politica non dovrebbe entrare: questi due settori dovrebbero rimanere indipendenti l’uno dall’altro», sottolinea la rappresentante dell’Associazione dei pazienti

Immagine articolo

Limitare il potere della politica sulle nomine in sanità è una delle battaglie storiche di Cittadinanzattiva, che ha salutato con favore l’emendamento dal Dl Calabria proposto dal Movimento 5 Stelle e appena approvato in Commissione Affari sociali della Camera, che di fatto limiterebbe la scelta dei Direttori generali. La scelta del Dg da parte del Presidente di Regione non sarà più discrezionale ma correlata ad una graduatoria e quindi al merito, sulla base di requisiti che siano coerenti con l’incarico da attribuire. Provvedimento che si unisce al Ddl presentato dalla capogruppo M5S in Commissione Sanità Maria Domenica Castellone che prevede di istituire un Albo nazionale dei commissari per la valutazione del management.

LEGGI: NOMINE IN SANITÀ, CASTELLONE (M5S): «PRIMO PUNTO CONTRATTO GOVERNO È STOP ALL’INFLUENZA DELLA POLITICA»

«Sosteniamo da sempre la necessità di garantire una separazione netta tra politica e incarichi direttivi nel mondo della sanità», ribadisce a Sanità Informazione il vicesegretario Anna Lisa Mandorino che però sottolinea la necessità di arrivare a una revisione organica dell’intero sistema di nomine «certi che nel percorso saranno coinvolti tutti gli attori del mondo sanitario, comprese le organizzazioni di tutela dei cittadini».
Cittadinanzattiva intanto si prepara anche all’evento del 16 maggio a Roma, presso l’Istituto della Enciclopedia Italiana – Sala Igea, che conclude la “Consultazione sulla partecipazione civica in sanità” in cui verrà presentata la Matrice per la qualità delle pratiche partecipative e il Documento finale frutto della consultazione, tenutasi a fine gennaio, di 100 stakeholder della salute.

Vicesegretario, il M5S ha annunciato un provvedimento che sostanzialmente restringe il campo in cui si possono scegliere i direttori generali, mettendo anche un criterio meritocratico. Può essere la soluzione per frenare l’invadenza della politica nella sanità?
«Per noi questa è una battaglia storica. Noi da sempre sosteniamo che negli incarichi dirigenziali delle aziende sanitarie la politica non dovrebbe entrare: questi due settori dovrebbero rimanere indipendenti l’uno dall’altro. L’emendamento prevede che si scelga il dg da una rosa di candidati redatta secondo una graduatoria di merito, sul criterio del merito non possiamo che essere concordi. Certo ci piacerebbe, come d’altra parte nell’emendamento pare di vedere, che sia calendarizzata e approvata a breve una legge che regolamenti in maniera definitiva la questione delle nomine, in particolare alla carica di Direttore generale, ma anche alle altre cariche legate agli incarichi direttivi nelle aziende sanitarie per arrivare una volta per tutte a regolamentare e nello stesso tempo controllare in maniera trasparente e conosciuta ai cittadini questo ambito».

Voi avete anche in programma una iniziativa sulla partecipazione in sanità, in cosa consiste questa iniziativa?
«In realtà è l’evento finale, che si svolge il 16 maggio, di un progetto iniziato parecchio tempo fa e che ha già visto una consultazione di 100 interlocutori del mondo sanitario sui temi della partecipazione dei cittadini in sanità perché per quanto ci sia una normativa molto articolata sul tema della partecipazione de cittadini in sanità a tutt’oggi nel nostro Paese c’è ancora tanta strada da fare per rendere questa partecipazione effettiva e permettere ai cittadini un ruolo importante nelle decisioni che riguardano una politica pubblica così importante come la salute».

Articoli correlati
Regione Campania, l’appello dei consiglieri M5S a Conte: «Adottare misure emergenziali per la sanità»
«Al presidente Conte - fanno sapere consiglieri e parlamentari M5S - abbiamo illustrato lo stato attuale della sanità regionale, alla luce anche della recente inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Napoli che ha acceso i riflettori sul controllo esercitato dalla camorra su alcuni nosocomi»
Cittadinanzattiva e Federfarma, al via nuovo Rapporto Annuale sulla Farmacia
Dopo il primo anno dedicato ai servizi nelle aree interne del Paese, nel 2019 è stato individuato come tema portante il ruolo delle Farmacie nella implementazione del Piano Nazionale della Cronicità per ciò che attiene alla Prevenzione e al supporto all'Aderenza terapeutica
Patto per la Salute, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Servono risorse certe con risultati misurati». Sulla formazione: «Coinvolgere i pazienti»
Il Segretario dell’associazione dei pazienti ha partecipato all’ultima riunione degli Stati generali della professione medica: «Ci saranno nei prossimi anni straordinari dilemmi etici ad esempio legati al costo delle cure, forse sempre più alti, la possibilità per il medico di affrontare questi dilemmi etici attrezzato è centrale e decisiva». Poi sottolinea: «Noi non ci rassegniamo ad avere cittadini di serie A e di serie B, professionisti di serie A e di serie B»
Poca prevenzione e molte diseguaglianze, Cittadinanzattiva lancia l’allarme sulla cura delle malattie croniche
Il Piano nazionale cronicità non ha inciso sulle differenze tra territori. Sebbene questo sia stato ormai formalmente recepito da 15 Regioni, risulta, nella maggior parte dei territori, profondamente disatteso
Specializzazioni, Emanuele Spina (SIGM): «Riprogrammare gli accessi in base alle reali esigenze di salute del Paese»
«Troppi giovani in fuga dal settore pubblico, fondamentale migliorarne la competitività» sottolinea il presidente del Segretariato Italiano Giovani Medici. E sul Decreto Calabria: «Ruoli confusi e poche tutele, rischiamo che gli specializzandi facciano da tappabuchi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...