Politica 15 Maggio 2019 12:50

Nomine in sanità, Castellone (M5S): «Primo punto contratto governo è stop all’influenza della politica»

Presentato il disegno di legge per le nomine della dirigenza sanitaria che, secondo il vicepremier Di Maio, «Va approvato entro l’anno». La proposta M5S prevede che i direttori generali siano scelti dall’elenco di soggetti idonei istituito presso il Ministero della Salute

Nomine in sanità, Castellone (M5S): «Primo punto contratto governo è stop all’influenza della politica»

Stop all’influenza della politica nelle nomine della dirigenza sanitaria. È stato presentato in Senato il disegno di legge promosso dal Movimento 5 Stelle che ha l’obiettivo di rescindere il legame tra la politica e la sanità. A presentarlo, insieme alla prima firmataria Maria Domenica Castellone, capogruppo M5S in commissione Sanità, il Ministro della Salute Giulia Grillo e il vicepremier Luigi Di Maio.

LEGGI: ECM, NOMINATA LA NUOVA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA

«Era il primo punto del nostro contratto di governo e quindi un disegno di legge che avevamo depositato già a luglio», spiega la prima firmataria, Maria Domenica Castellone. «Un albo unico nazionale per i direttori generali già esiste, mancava un albo unico nazionale per i commissari, quindi di coloro i quali dovranno valutare in maniera oggettiva i candidati in base ai titoli e ai meriti».

La proposta M5S prevede che i direttori generali siano scelti dall’elenco di soggetti idonei istituito presso il Ministero della Salute. La selezione sarà fatta da una commissione di 5 membri individuati per sorteggio da un elenco nazionale di commissari aggiornato ogni due anni. Gli stessi criteri saranno adottati per la nomina di direttore amministrativo, direttore sanitario e, ove previsto dalle leggi regionali, il direttore dei servizi socio sanitari.

Sul rischio che il provvedimento vada in qualche modo a inficiare il percorso verso l’autonomia differenziata chiesto dai governatori del nord, Castellone non ha dubbi: «Sono due canali diversi, perché il nostro Ddl prevede che si garantisca la meritocrazia e la scelta del candidato migliore, l’autonomia differenziata verrà in un secondo momento quando avremo garantito trasparenza in tutti i percorsi di scelta della governance sanitaria».

Articoli correlati
Andrea Costa torna al Ministero della Salute come esperto PNRR
«È un grande opportunità per la quale ringrazio il ministro della Salute Schillaci» ha affermato l'ex Sottosegretario alla Salute del governo Draghi
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
Nomine DG, Magi: «Auguri di buon lavoro ai direttori generali neo eletti»
Tra conferme e nuove nomine l’Omceo capitolino si augura che la sanità del Lazio insista nel percorso di risanamento intrapreso in questi anni
Sanità, M5S: «Prevenzione e sistema di sorveglianza integrato, le nostre proposte per potenziare la lotta all’Aids»
«La lotta al Covid non deve farci dimenticare altre emergenze della nostra sanità, come la piaga dell’AIDS. Un fronte su cui non bisogna abbassare la guardia dato l’aumento della quota di persone a cui viene diagnosticata tardivamente l’infezione da HIV. Per questo come MoVimento 5 stelle abbiamo preparato un pacchetto di emendamenti, a prima firma […]
Cittadinanzattiva, un piano per il futuro dell’oncologia. Da recupero ritardi a innovazione
È stato presentato questa mattina il documento "Insieme per l'oncologia del futuro" realizzato da Cittadinanzattiva. Nel documento vengono definite sia azioni e iniziative incentrate sulla persona da intraprendere nell'immediato, sia strategie che mirano a modificare entro il 2030 l’approccio all'oncologia su quattro macroaree: prevenzione, innovazione, equità e qualità di vita.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni