Politica 28 aprile 2015

Medicina difensiva, CIMO in pressing: “Subito la legge quadro”

Il presidente Riccardo Cassi: “Costi insostenibili e si rischia di danneggiare il paziente”. Uno scudo legale completo per il medico è l’unica tutela in attesa di una normativa chiara

Immagine articolo

La medicina difensiva continua a rendere inquieti medici e istituzioni. È l’espediente a cui i professionisti si aggrappano per il timore di incorrere in denunce per malpractice, ma il suo persistere nelle pratiche mediche è un segnale di SOS.

Compito delle istituzioni non restare sorde all’appello e arrivare ad una legge quadro sulla Rc professionale che faccia ordine e chiarezza.
Tante le proposte all’esame della Commissione Affari Sociali della Camera, ma la strada verso una soluzione che metta d’accordo tutti sembra più impervia del previsto. Sul tema Sanità Informazione ha ascoltato il parere di Riccardo Cassi, presidente CIMO.

“Un intervento sulla medicina difensiva non è più rinviabile – osserva Cassi – per due ordini di motivi: da un lato i suoi costi insostenibili, ma soprattutto il danno che arreca ai pazienti. Il comportamento del medico che abusa della medicina difensiva non è deontologicamente corretto, ma se pensiamo che il rischio per i professionisti è quello di un rinvio a giudizio o di un processo che durerà per anni, rovinando la vita al medico, è comprensibile il tentativo di difendersi in tutti i modi”.

Forte il bisogno di regole chiare, in una professione che ha in sé un rischio intrinseco inevitabile, e in cui le decisioni cruciali vanno spesso prese in una manciata di secondi. “Non tutte le prestazioni mediche danno garanzia di risultato, e se qualcosa va storto non è sempre colpa del medico. Sarebbe opportuno – suggerisce il presidente CIMO – introdurre il concetto di indennizzo piuttosto che il risarcimento, limitando l’ambito penale ai casi in cui c’è stata un’assoluta o inescusabile incompetenza o negligenza del medico”.

In attesa di una normativa che dia ordine e conforto al medico, dotarsi di una tutela legale completa resta l’unica strada perché il professionista lavori più serenamente. “Essere tranquilli sotto il profilo patrimoniale è una garanzia in più. I processi sono onerosi e il mercato assicurativo, in assenza di regole certe, fa fatica ad affermarsi senza proporre polizze a prezzi esorbitanti che – conclude Cassi – soprattutto i giovani medici alle prime armi non possono permettersi”.

Articoli correlati
Rinnovo del contratto e difesa della sanità pubblica, i medici scendono in piazza. Sit in a Montecitorio: «Così il SSN muore»
Il ministro Grillo: «Contratto stipulato da precedente Governo che non ha previsto le dovute coperture». La reazione di Fp Cgil: «Inaccettabile che il Ministro non sappia che il contratto della dirigenza medica non sia stato rinnovato col passato Governo». Prima dello sciopero del 9 novembre, nuova audizione dei sindacati alla Camera
Contratto medici: quei numeri delle Regioni che non tornano
CIMO esprime piena soddisfazione per la rottura delle trattative sul contratto della dirigenza medica in ARAN e l’apertura dello stato di agitazione comunicato insieme alle altre organizzazioni sindacali. Sottolinea, inoltre, che una delle principali ragioni che impedisce il rinnovo del contratto è strettamente legata agli accantonamenti che le regioni avrebbero dovuto sostenere, e che pare […]
di Guido Quici - Presidente Nazionale CIMO
Contratto medici, l’Intersindacale annuncia lo stop alle trattative e lo stato d’agitazione: a ottobre scioperi e manifestazioni
Oltre al mancato finanziamento del contratto della categoria, sono le notizie (non buone) che arrivano dal Governo per il Def ed il momento critico per il SSN, «che rischia di inabissarsi» ad aver portato i sindacati sulla strada della protesta. L'annuncio del Ministro Grillo: «Per il 2019 il Fondo Sanitario Nazionale sarà incrementato di un miliardo»
Contratto, Quici (CIMO): «A queste condizioni non firmiamo». E propone passaggio medici sotto ministero Salute
Tra i tanti temi affrontati dal presidente nel corso dell’intervista esclusiva a Sanità Informazione, la proposta di una scheda curriculare che registri il percorso dei medici: «Dagli ECM alla casistica, così imbrigliamo i dg a scegliere i migliori professionisti». Sul ricalcolo delle “pensioni d’oro” aggiunge: «È una truffa» 
Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»
Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qualità di vita e delle condizioni di lavoro, firmano anzitempo la risoluzione del rapporto di lavoro». Tra le cause anche blocco del turnover e giovani disincentivati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...