Politica 1 marzo 2018

Matteo Orfini (Pd): «Puntiamo a una sanità moderna, innovativa e che guardi al futuro con professionisti e volti nuovi»

L’intervista al Presidente PD: «Valorizzare le professionalità di chi lavora in campo medico. Noi l’abbiamo fatto con la Legge Gelli e non solo. Questa è la carta d’identità con cui ci presentiamo alle elezioni»

Aumento di risorse per il SSN, sblocco delle assunzioni, superamento graduale dei ticket e una nuova gestione delle liste d’attesa. Queste le proposte del Partito Democratico in tema di sanità, un campo di cui si è parlato troppo poco in campagna elettorale perché la polemica politica sui vaccini ha rubato spazio a tutto il resto.

Matteo Orfini, Presidente del Pd, già commissario romano dei dem, correrà a Roma Ovest per un seggio alla Camera e guiderà il centrosinistra nel collegio uninominale Roma 5 alle prossime elezioni politiche del 4 marzo. Orfini, ai microfoni di Sanità Informazione, fa il punto sui traguardi raggiunti in questi anni e indica la direzione giusta su cui continuare a lavorare.

Presidente Orfini, che ruolo avrà la sanità nel programma politico del Partito Democratico?

«La sanità avrà un ruolo fondamentale come ce l’ha avuta in questi anni. Noi abbiamo fatto molte cose positive sia in termini di riforme e di leggi, sia in termini di inversione di rotta sulle risorse. È chiaro che la sfida per una sanità moderna, innovativa che guardi al futuro passa attraverso la capacità di tenuta del nostro sistema sociale, del welfare, soprattutto di fronte all’invecchiamento della popolazione che è un tratto delle società occidentali. In più, credo che vadano valorizzate le professionalità di chi lavora in questo settore. Noi l’abbiamo fatto con alcune leggi importanti come la Legge Gelli-Bianco sulla responsabilità professionale dei medici. Abbiamo fatto tante cose che questo settore aspettava da anni, questa è la carta d’identità con cui ci presentiamo alle elezioni e vogliamo proseguire così».

Qual è stato il provvedimento sanitario più importante approvato dal Pd nella legislatura appena trascorsa?

«Sicuramente la legge Gelli-Bianco, attesa da tanto tempo dai medici e dai professionisti sanitari. Una legge ben accolta perché è stata costruita insieme a loro attraverso un dialogo lungo, serio e approfondito».

TUTTE LE INTERVISTE E GLI APPROFONDIMENTI SULLA SANITÀ

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE SULLE ELEZIONI 2018

È soddisfatto dei candidati presentati dal Partito Democratico e pensa che il mondo sanitario sia rappresentato a sufficienza?

«Penso che abbiamo composto delle liste importanti con candidati forti e preparati che hanno sviluppato una professionalità e competenza politica. In più, abbiamo aperto le porte a volti nuovi come quello del pediatra Paolo Siani, un personaggio per noi estremamente significativo. Lo abbiamo voluto in un ruolo importante, nella sua città, Napoli, in una realtà in cui abbiamo faticato tanto e vogliamo dimostrare che il Pd sa essere diverso e sa cambiare. Come lui ce ne sono altri. Penso che ci sia stata un’apertura a esponenti di valore della società civile che porterà anche dei frutti positivi».

Il responsabile Sanità del Pd Federico Gelli propone, nel suo libro, il superamento graduale dei ticket. È questa la proposta del suo partito?

«Ho lavorato spesso in questi anni insieme a Federico Gelli, lui è il nostro responsabile sanità e ciò che dice è frutto di una valutazione condivisa. Naturalmente non è semplice perché, com’è noto, ci sono dei vincoli economici notevoli ma penso che questa sia la direzione giusta su cui continuare a lavorare».

Articoli correlati
Libia, Foad Aodi (Amsi): «Basta morti nel mare, è finita la pacchia sulla pelle dei migranti»
Ancora tragedie del mare. 117 migranti, tra cui donne e bambini, sono morti lo scorso weekend a causa dell’affondamento di un gommone a largo della Libia. L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e l’Unione medica euro mediterranea (Umem) insieme alle associazioni aderenti al movimento Internazionale “Uniti […]
Quasi 6 miliardi la spesa delle strutture sanitarie pubbliche nel 2017 per i dispositivi medici
L’aumento rispetto all’anno precedente è del 2,6%. Oltre un milione gli apparecchi censiti
Spot risarcimenti, Giulio Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Azione sistematica contro i medici allontana i migliori professionisti e danneggia SSN»
L’assessore lombardo parla anche del grande tema dell’autonomia: «Serve a responsabilizzare i territori e a dare una premialità a coloro che sanno gestire al meglio le risorse e fare efficienza». Sulle risorse: «SSN in questi anni ha avuto finanziamenti non adeguati rispetto alle attività che si svolgono. 114 miliardi corrispondono al 6,6 percento del Pil, mentre la media europea è del 8,5%»
di Federica Bosco
Sunshine Act, approvate soglie minime per le donazioni: per il singolo medico sarà di 50 euro. Provenza (M5S): «Trasparenza per correggere corruzione»
La cifra sale a 500 euro per le organizzazioni sanitarie. Il relatore: «Evitato il pericolo che il testo venisse svuotato della sua enorme portata innovativa»
Co-mai, Omega e Amsi lanciano il convegno: “Libia ieri, oggi, domani”
Si terrà il prossimo giovedì 17 gennaio – presso il Circolo della Marina di Roma – il convegno: “Libia: ieri, oggi domani”, organizzato dall’Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia (Omega). L’incontro, organizzato con la collaborazione dell’ordine dei giornalisti di Roma e patrocinato dalla “Comunità del Mondo arabo in Italia” (Co-Mai), dal Movimento Internazionale “Uniti per […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano