Politica 1 Marzo 2018 17:06

Matteo Orfini (Pd): «Puntiamo a una sanità moderna, innovativa e che guardi al futuro con professionisti e volti nuovi»

L’intervista al Presidente PD: «Valorizzare le professionalità di chi lavora in campo medico. Noi l’abbiamo fatto con la Legge Gelli e non solo. Questa è la carta d’identità con cui ci presentiamo alle elezioni»

Aumento di risorse per il SSN, sblocco delle assunzioni, superamento graduale dei ticket e una nuova gestione delle liste d’attesa. Queste le proposte del Partito Democratico in tema di sanità, un campo di cui si è parlato troppo poco in campagna elettorale perché la polemica politica sui vaccini ha rubato spazio a tutto il resto.

Matteo Orfini, Presidente del Pd, già commissario romano dei dem, correrà a Roma Ovest per un seggio alla Camera e guiderà il centrosinistra nel collegio uninominale Roma 5 alle prossime elezioni politiche del 4 marzo. Orfini, ai microfoni di Sanità Informazione, fa il punto sui traguardi raggiunti in questi anni e indica la direzione giusta su cui continuare a lavorare.

Presidente Orfini, che ruolo avrà la sanità nel programma politico del Partito Democratico?

«La sanità avrà un ruolo fondamentale come ce l’ha avuta in questi anni. Noi abbiamo fatto molte cose positive sia in termini di riforme e di leggi, sia in termini di inversione di rotta sulle risorse. È chiaro che la sfida per una sanità moderna, innovativa che guardi al futuro passa attraverso la capacità di tenuta del nostro sistema sociale, del welfare, soprattutto di fronte all’invecchiamento della popolazione che è un tratto delle società occidentali. In più, credo che vadano valorizzate le professionalità di chi lavora in questo settore. Noi l’abbiamo fatto con alcune leggi importanti come la Legge Gelli-Bianco sulla responsabilità professionale dei medici. Abbiamo fatto tante cose che questo settore aspettava da anni, questa è la carta d’identità con cui ci presentiamo alle elezioni e vogliamo proseguire così».

Qual è stato il provvedimento sanitario più importante approvato dal Pd nella legislatura appena trascorsa?

«Sicuramente la legge Gelli-Bianco, attesa da tanto tempo dai medici e dai professionisti sanitari. Una legge ben accolta perché è stata costruita insieme a loro attraverso un dialogo lungo, serio e approfondito».

TUTTE LE INTERVISTE E GLI APPROFONDIMENTI SULLA SANITÀ

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE SULLE ELEZIONI 2018

È soddisfatto dei candidati presentati dal Partito Democratico e pensa che il mondo sanitario sia rappresentato a sufficienza?

«Penso che abbiamo composto delle liste importanti con candidati forti e preparati che hanno sviluppato una professionalità e competenza politica. In più, abbiamo aperto le porte a volti nuovi come quello del pediatra Paolo Siani, un personaggio per noi estremamente significativo. Lo abbiamo voluto in un ruolo importante, nella sua città, Napoli, in una realtà in cui abbiamo faticato tanto e vogliamo dimostrare che il Pd sa essere diverso e sa cambiare. Come lui ce ne sono altri. Penso che ci sia stata un’apertura a esponenti di valore della società civile che porterà anche dei frutti positivi».

Il responsabile Sanità del Pd Federico Gelli propone, nel suo libro, il superamento graduale dei ticket. È questa la proposta del suo partito?

«Ho lavorato spesso in questi anni insieme a Federico Gelli, lui è il nostro responsabile sanità e ciò che dice è frutto di una valutazione condivisa. Naturalmente non è semplice perché, com’è noto, ci sono dei vincoli economici notevoli ma penso che questa sia la direzione giusta su cui continuare a lavorare».

Articoli correlati
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
Sanità, Parente (Iv): «Bene standard per assistenza territoriale ma servono assunzioni e formazione personale»
«Senza medici, infermieri e personale socio-sanitario e senza la formazione le nuove case di comunità sono destinate a restare delle scatole vuote» mette in guardia la presidente della commissione Igiene e Sanità del Senato
Fine vita, budget di Salute, Decreto PNRR 2 nella settimana in Parlamento. Attesa per le comunicazioni di Draghi
La settimana parlamentare dal 20 al 25 giugno vedrà il passaggio cruciale delle comunicazioni del presidente Draghi in vista del Consiglio europeo su cui la maggioranza potrebbe dividersi. In commissione Sanità approda la delega al governo per la riforma degli IRCCS
di Francesco Torre
Sanità, la Lombardia conferma una qualità superiore alla media nazionale
Presentato a Milano il rapporto “Qualità degli Out Comes clinici negli Ospedali. Confronto tra Regione Lombardia e le altre Regioni Pne 2020” realizzato da Fondazione Sanità Futura
Malattie oncologiche, amianto e prevenzione dei suicidi: la settimana in Parlamento
Settimana di mozioni alla Camera dopo la pausa per le elezioni amministrative e il referendum
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali