Politica 30 Novembre 2020 13:00

Legge di Bilancio, Carbone (FIALS): «C’è impegno a sanare discriminante per professioni sanitarie, ma resta stato agitazione»

Dopo l’incontro con la capogruppo dem in Commissione Affari Sociali Elena Carnevali, il Segretario Generale della FIALS annuncia così la revoca dello sciopero del 4 dicembre (ma resta lo stato di agitazione) : «Vogliamo vedere come va a finire la legge di Bilancio ma siamo fiduciosi che i nostri emendamenti alla legge di Bilancio vadano in porto»

Legge di Bilancio, Carbone (FIALS): «C’è impegno a sanare discriminante per professioni sanitarie, ma resta stato agitazione»

«Abbiamo sospeso lo sciopero ma siamo rimasti in stato di agitazione. Vogliamo vedere come va a finire la legge di Bilancio. Ma siamo fiduciosi che i nostri emendamenti alla legge di Bilancio vadano in porto: i partiti di maggioranza hanno preso un impegno». Giuseppe Carbone, Segretario Generale della FIALS (Federazione Italiana Autonoma Lavoratori Sanità), è ottimista che la Legge di Bilancio si incammini su binari positivi. Nei giorni scorsi aveva ritenuto irricevibile la prima versione del Disegno di legge che prevedeva aumenti stipendiali per medici e infermieri escludendo le altre professioni sanitarie. Oggi, dopo l’incontro con la capogruppo Pd in Commissione Affari Sociali, Elena Carnevali, le nubi all’orizzonte sembrano diradarsi.

«La richiesta fondamentale – spiega Carbone a Sanità Informazione – è che nel momento in cui il governo riconosce aumenti economici ai medici dal primo gennaio 2021 e a una parte degli infermieri riconosce un aumento o lo rimanda ai rinnovi contrattuali, ci sia un impegno analogo anche per le altre professioni sanitarie. Se le cose andranno in questo modo non possiamo che essere soddisfatti perché siamo stati gli unici a scendere in campo per difendere queste giuste richieste e questa discriminante che si stava creando all’interno del comparto».

Carnevali: «Sforzo oneroso ma obbligatorio»

Secondo Carbone il governo è stato «leggero» in questa circostanza perché ha rischiato di creare una seria frattura nel mondo delle professioni sanitarie: «Per non creare precedenti l’esecutivo avrebbe potuto riconoscere degli aumenti rimandando comunque alla contrattazione nazionale».

Con la Carnevali, sottolinea Carbone, c’è stata una condivisione totale: «Abbiamo trovato un’interlocutrice che capisce i nostri problemi, lei è anche una fisioterapista quindi sa di cosa parliamo».

«È uno sforzo economico oneroso – si legge in una nota della dem Elena Carnevali – ma obbligatorio, perché vogliamo tutelare e custodire l’unità delle professioni che rende forte il nostro sistema nazionale. Abbiamo inoltre chiaro, come dimostrano gli emendamenti della Commissione, che il rafforzamento del sistema sanitario passa attraverso l’impegno costante nel colmare l’imbuto formativo e rafforzare la formazione della medicina di base».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Consulcesi: «Dopo caos domande medicina vigiliamo su test di ammissione»
In attesa del test di ammissione alle facoltà per le professioni sanitarie, in programma oggi in tutta Italia, Tortorella e il team di avvocati Consulcesi ritengono che ci siano, anche quest’anno, tutti i margini per un ricorso collettivo ed una vittoria schiacciante per accedere alla facoltà di medicina
Decreto Green Pass, Bologna (Coraggio Italia): «Aprire tavolo ministeriale di confronto tra le professioni sanitarie per evitare tensioni»
«Ho chiesto al sottosegretario Costa come rappresentante del Ministero della Salute e del Governo l’apertura di un tavolo ministeriale di confronto tra le professioni sanitarie per trovarci preparati e coordinati alla sfida dei progetti del PNRR che guardano ad una Sanità con processi multidisciplinari e coordinati. Dobbiamo evitare tensioni tra professionisti del settore Sanitario che […]
Presentato ddl per far rientrare gli odontotecnici tra i professionisti sanitari
Marin (ANTLO): «Speriamo in un giusto riconoscimento utile anche contro l’abusivismo nella professione». Pollice verso dal CAO: «L’attività dell’odontotecnico resta un atto ausiliario»
Emilia Romagna, FNO TSRM PSTRP: «Bene iter legge sulla figura del Direttore assistenziale»
«La scelta di inserire tale figura all’interno della Direzione aziendale rappresenta una grande opportunità a  favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario», sottolinea la FNO TSRM PSTRP
Assistenti sociali, l’allarme del CNOAS: «Età media in sanità è più di 50 anni, serve ricambio generazionale. Sfruttare PNRR»
Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali festeggia l’ingresso nel ruolo sociosanitario della professione. La responsabile Sanità Mirella Silvani: «Ora declinare bene quali sono le funzioni, le attività, le competenze di chi entra a far parte di questo ruolo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco