Politica 30 Novembre 2020 13:00

Legge di Bilancio, Carbone (FIALS): «C’è impegno a sanare discriminante per professioni sanitarie, ma resta stato agitazione»

Dopo l’incontro con la capogruppo dem in Commissione Affari Sociali Elena Carnevali, il Segretario Generale della FIALS annuncia così la revoca dello sciopero del 4 dicembre (ma resta lo stato di agitazione) : «Vogliamo vedere come va a finire la legge di Bilancio ma siamo fiduciosi che i nostri emendamenti alla legge di Bilancio vadano in porto»

Legge di Bilancio, Carbone (FIALS): «C’è impegno a sanare discriminante per professioni sanitarie, ma resta stato agitazione»

«Abbiamo sospeso lo sciopero ma siamo rimasti in stato di agitazione. Vogliamo vedere come va a finire la legge di Bilancio. Ma siamo fiduciosi che i nostri emendamenti alla legge di Bilancio vadano in porto: i partiti di maggioranza hanno preso un impegno». Giuseppe Carbone, Segretario Generale della FIALS (Federazione Italiana Autonoma Lavoratori Sanità), è ottimista che la Legge di Bilancio si incammini su binari positivi. Nei giorni scorsi aveva ritenuto irricevibile la prima versione del Disegno di legge che prevedeva aumenti stipendiali per medici e infermieri escludendo le altre professioni sanitarie. Oggi, dopo l’incontro con la capogruppo Pd in Commissione Affari Sociali, Elena Carnevali, le nubi all’orizzonte sembrano diradarsi.

«La richiesta fondamentale – spiega Carbone a Sanità Informazione – è che nel momento in cui il governo riconosce aumenti economici ai medici dal primo gennaio 2021 e a una parte degli infermieri riconosce un aumento o lo rimanda ai rinnovi contrattuali, ci sia un impegno analogo anche per le altre professioni sanitarie. Se le cose andranno in questo modo non possiamo che essere soddisfatti perché siamo stati gli unici a scendere in campo per difendere queste giuste richieste e questa discriminante che si stava creando all’interno del comparto».

Carnevali: «Sforzo oneroso ma obbligatorio»

Secondo Carbone il governo è stato «leggero» in questa circostanza perché ha rischiato di creare una seria frattura nel mondo delle professioni sanitarie: «Per non creare precedenti l’esecutivo avrebbe potuto riconoscere degli aumenti rimandando comunque alla contrattazione nazionale».

Con la Carnevali, sottolinea Carbone, c’è stata una condivisione totale: «Abbiamo trovato un’interlocutrice che capisce i nostri problemi, lei è anche una fisioterapista quindi sa di cosa parliamo».

«È uno sforzo economico oneroso – si legge in una nota della dem Elena Carnevali – ma obbligatorio, perché vogliamo tutelare e custodire l’unità delle professioni che rende forte il nostro sistema nazionale. Abbiamo inoltre chiaro, come dimostrano gli emendamenti della Commissione, che il rafforzamento del sistema sanitario passa attraverso l’impegno costante nel colmare l’imbuto formativo e rafforzare la formazione della medicina di base».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute mentale, Famulari (AITeRP): «La cura va oltre i sintomi: è necessario affrontare lo stress, gestire le emozioni ed avere una prospettiva di vita»
Recovery e neuroscienze al centro del 2° Congresso Nazionale AITeRP: “La nuova sfida delle evidenze scientifiche e buone pratiche nei trattamenti riabilitativi in salute mentale”. La presidente Famulari: «Per la nostra Associazione rappresenterà il completamento della trasformazione da associazione maggiormente rappresentativa dei TeRP ad Associazione Tecnico-Scientifica».
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale