Politica 4 Agosto 2020

La pediatria sociale, il Covid, il ricordo del fratello: Paolo Siani traccia il bilancio della sua attività politica ne “Una lucida follia”

«Mi sono accorto di aver dato un contributo tecnico importante in questi due anni, quindi vado avanti nel mio impegno politico» spiega il deputato Pd, che ricorda: «Solo Renzi è riuscito a convincermi a entrare in politica». I proventi del libro saranno devoluti alla Fondazione Pianoterra onlus per finanziare la prima borsa di studio in pediatria sociale

L’impatto con i palazzi del potere non è mai facile per chi si trova alla prima esperienza parlamentare. Non lo è stato neanche Paolo Siani, deputato Pd, che prima dell’elezione del 2018 era abituato a frequentare soprattutto le corsie di ospedale, in particolare quelle del Santobono di Napoli dove è primario. Col tempo però la conoscenza dei meccanismi parlamentari e la possibilità di incidere, attraverso il suo contributo tecnico, nelle decisioni sui temi a lui più cari come salute e scuola, lo hanno reso sempre più convinto di proseguire il suo impegno in Parlamento, restando però sempre in contatto col territorio.

Ora tutto questo è stato messo nero su bianco nel libro “Una lucida follia. Il mio impegno in politica” (IOD edizioni), una sorta di diario delle attività parlamentari e delle azioni di impegno civile intraprese da Siani sul territorio. Un’occasione per tracciare un bilancio e condividerlo con la sua comunità.

«Io sono rimasto quello che ero. Alla mia età non si può cambiare in due anni – sottolinea Siani quando gli chiedo se la politica lo ha cambiato -. Ho voluto realizzare questo libro perché in campagna elettorale avevo detto che dopo due anni avrei fatto il punto della situazione. Se il mio lavoro qua fosse stato inutile sarei tornato a fare il medico. Invece mi sono accorto che ho fatto tante cose che a me sono apparse utili, sono riuscito a dare un contributo specifico e tecnico alle cose fatte in questo Parlamento e quindi penso che continuerò nei prossimi due anni e mezzo la mia avventura qui, anche se non bisogna scordare mai che si tratta di “una lucida follia”, anzi direi “una follia calcolata e fattiva”».

Il libro avrà una finalità sociale, dato che i proventi saranno devoluti alla Fondazione Pianoterra onlus per sostenere il progetto “1000 giorni” e finanziare la prima borsa di studio in pediatria sociale e di comunità dedicata alla memoria di Peppe Cirillo, il pediatra di Portici scomparso recentemente: «Il mio amico Peppe Cirillo era un medico e un collega deceduto tre mesi fa non per il Covid ma perché non è riuscito, a causa del Covid, ad avere in tempo un trapianto di fegato» racconta il deputato del Pd.

«Con lui abbiamo capito che il modo migliore per affrontare il disagio e rendere le famiglie più idonee ad essere aiutate è intervenire alla nascita di un bambino. In quel momento tutte le famiglie hanno il piacere di essere aiutate e se qualcuno va a casa e vede le condizioni di una famiglia è in grado di dare i supporti necessari. Con questo libro vorremmo provare a fornire una borsa di studio per un collega che possa realizzare questo intervento sui neonati e seguire le famiglie fino alla prima elementare, specie quelli dei quartieri a rischio di Napoli o del sud del nostro paese che hanno bisogno non solo di sanità ma anche di sociale».

Nell’orizzonte di Siani le priorità sono sempre due: scuola e sanità. «Il futuro della sanità sembrerebbe un futuro positivo perché si prospetta una trasformazione radicale – sottolinea Siani -. Io personalmente ritengo che i soldi del MES vadano presi perché è una opportunità enorme che noi abbiamo per riformare la sanità che per anni abbiamo maltratto. Penso a tutte le attività domiciliari, alle attività in ambulatorio, a quelle cose che non devono essere fatte in ospedale. Così il Covid da tragedia può diventare una opportunità».

Sulla scuola sottolinea il suo disappunto per non aver previsto un rientro più veloce dei ragazzi: «Questo è un grave problema per tutti. Certo, il virus può fare danni. Nessuno vuole che bambini o insegnanti possano avere un danno da questo; ma non fare scuola provoca sicuramente dei danni in tutti i bambini. Bisogna trovare un modo sicuro per riaprire le scuole».

Il suo impegno nelle istituzioni non può che essere legato a doppio filo al sacrificio del fratello Giancarlo, il cronista del quotidiano “Il Mattino” ucciso dalla camorra il 23 settembre 1985. Invece di chiudersi, Paolo Siani ha deciso di portare avanti quell’impegno civile prima da medico e ora da politico.

«Continuo oggi ad arrabbiarmi molto per la vicenda di Giancarlo, la trovo una delle più grandi cattiverie che si possa fare a una persona e ho sempre voluto ribellarmi a questa cattiveria e far sì che il suo nome non venisse dimenticato – sottolinea Siani in modo pacato -. Ho messo in campo per 34 anni tutto quello che potevo affinché lui venisse ricordato. Ho fatto battaglie per 11 anni affinché lui avesse giustizia. Poi mi è capitata questa opportunità: anche prima mi erano capitate, ma le avevo sempre rifiutate, volevo fare il medico. Ad un certo punto Matteo Renzi mi ha sollecitato, forse nel momento giusto della mia vita, forse usando parole particolari. Così ho deciso di fare questa esperienza che ad oggi mi soddisfa e quindi affronterò con ancora maggiore impegno i prossimi due anni e mezzo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Caregiver, Senatrici Pd: «Da Commissione Diritti umani sostegno a Ddl»
Le senatrici del Pd Valeria Fedeli, Monica Cirinnà, Vanna Iori e Assuntela Messina sottolineano anche l'approvazione all'unanimità della risoluzione riguardante le politiche sulla disabilità, che impegna il governo ad adottare ed attuare misure importanti a tutela delle persone disabili
Commissione Sanità, Boldrini (Pd) eletta vicepresidente: «Mio obiettivo rafforzare SSN e professioni sanitarie»
«Porterò avanti anche gli impegni assunti prima del Covid, dall’inserimento della Fibromialgia nei Lea (Livelli essenziali di assistenza) ai provvedimenti di legge per bambini e adolescenti che soffrono di diabete Mellito di tipo I, cosiddetto infantile» sottolinea l'esponente del Partito democratico
Bambini e lockdown, i pediatri: «Prevedere piano per riapertura scuole in sicurezza»
Il pediatra e deputato Paolo Siani (Pd): «Assenza da scuola tutela la salute, ma mina tutti gli altri diritti dell’infanzia». La psicologa Confalonieri (Università Cattolica Milano): «Monitorare segnali di scarso riadattamento sociale»
Coronavirus, Siani (PD): «Incontro con Conte importante per esigenze bambini»
«L’incontro che ho avuto ieri, insieme con altri colleghi di Senato e Camera, con il premier Giuseppe Conte, i ministri Elena Bonetti, Nunzia Catalfo e Alfonso Bonafede e la sottosegretaria Sandra Zampa, è stato un passo molto importante per riportare al centro del dibattito politico le esigenze delle bambine e dei bambini». Lo afferma il deputato dem, […]
Giornata mondiale salute, Pd: «Sfida a Covid19 ci rende più consapevoli del suo valore»
«Oggi si celebra la giornata mondiale della Salute, istituita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1950 con lo scopo di sensibilizzare la fondamentale importanza dell’equo accesso a cure di qualità. La Salute, per l’appunto, come “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”, valore e diritto dell’individuo e della collettività, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»