Politica 22 Gennaio 2019

Disturbi alimentari, Caterina Bini (Pd): «Sono seconda causa di morte fra i giovani. Serve introdurre reato d’istigazione al suicidio»

Due proposte di legge bipartisan sui DCA sono in corso di esame in Commissione igiene e Sanità del Senato. «Inneggiate pratiche pericolose, è necessario intervenire», così Caterina Bini, senatrice Pd e Vicepresidente della Commissione parlamentare dell’infanzia e dell’adolescenza

di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Immagine articolo

Sono circa 3 milioni le persone in Italia che soffrono di disturbi alimentari. Questo numero allarmante è il frutto di un’indagine recente dell’Osservatorio del Ministero della Salute, che lancia l’allarme sulla pericolosità di queste patologie che colpiscono in prevalenza giovani e giovanissimi. Dietro queste malattie insidiose, in particolare bulimia e anoressia, si cela un mondo brulicante di ‘adepti’ che ‘diffonde la parola’ e incoraggia i giovani – spesso fragili e insicuri – a perseguire alcune abitudini alimentari errate per arrivare a determinati risultati.

Si tratta «d’istigazione al suicidio», commenta Caterina Bini, senatrice Pd, membro della Commissione Sanità del Senato e Vicepresidente della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza. La senatrice, a inizio legislatura, ha presentato un Disegno di legge  – condiviso con il Ddl presentato da Maria Rizzotti, vicepresidente del gruppo di Forza Italia e adottato come testo base – che mira al contrasto dei disturbi alimentari. Entrambi i Ddl vogliono “l’ntroduzione dell’articolo 580-bis del codice penale, concernente il reato di istigazione al ricorso a pratiche alimentari idonee a provocare l’anoressia o la bulimia”, come recita il testo di legge che attende l’approvazione in Commissione Sanità del Senato.

LEGGI ANCHE: SANITA’, RIZZOTTI (FORZA ITALIA): «RIVEDERE SSN SENZA IDEOLOGIE. LOTTA AD ANORESSIA E BULIMIA TRA LE MIE PRIORITA’»

«Questa è una vera emergenza e non ce n’è secondo me la cognizione profonda di quanto questi rappresenti: oggi è la seconda causa di morte fra i giovani dopo gli incidenti stradali, si parla di 3500 morti all’anno, un numero enorme – sottolinea Caterina Bini a Sanità informazione – Per curare questi disturbi coloro che se ne occupano tecnicamente e professionalmente sottolineano che non basta né uno psichiatra, né uno psicologo né un nutrizionista separatamente. È utile che parlino la stessa lingua, che siano in uno stesso centro, che quando il paziente si presenta possano vederlo insieme, valutare insieme la cura che quella persona poi ha le sue specificità, i suoi trattamenti e lavorare con un approccio multidisciplinare, questo è un elemento fondamentale che è scritto nel disegno di legge».

«Stiamo lavorando congiuntamente con la senatrice Rizzotti – prosegue la Bini -, che è firmataria dell’altra proposta di legge (le due sono state abbinate), e da pochi giorni in Commissione abbiamo fissato il termine per la presentazione degli emendamenti al 12 febbraio. Cercheremo di lavorare, questo è l’obiettivo, su emendamenti a firma della Commissione proprio per dare un segno di unità in questo senso».

L’introduzione del reato di istigazione vuole colpire soprattutto quei blog e quei siti che inneggiano a pratiche pro anoressia e bulimia. Negli ultimi vent’anni infatti si sono ampiamente diffusi sul web, portali che promuovono la cosiddetta ‘filosofia” pro Ana (anoressia) e pro Mia (bulimia) che hanno favorito la formazione di vere e proprie sette di giovani che venerano il masochismo alimentare estremo. «L’unica cosa che si può fare è cercare di bloccare questi siti istituendo un reato – sottolinea la senatrice -. Rimane poi il problema di molti ragazze e ragazzi attivi e fautori di questi portali, i primi ad essere malati e bisognosi di aiuto. In questi casi – conclude -, la pena deve essere tramutata in assistenza specifica».

 

Articoli correlati
Coronavirus, Siani (PD): «Incontro con Conte importante per esigenze bambini»
«L’incontro che ho avuto ieri, insieme con altri colleghi di Senato e Camera, con il premier Giuseppe Conte, i ministri Elena Bonetti, Nunzia Catalfo e Alfonso Bonafede e la sottosegretaria Sandra Zampa, è stato un passo molto importante per riportare al centro del dibattito politico le esigenze delle bambine e dei bambini». Lo afferma il deputato dem, […]
Giornata mondiale salute, Pd: «Sfida a Covid19 ci rende più consapevoli del suo valore»
«Oggi si celebra la giornata mondiale della Salute, istituita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1950 con lo scopo di sensibilizzare la fondamentale importanza dell’equo accesso a cure di qualità. La Salute, per l’appunto, come “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”, valore e diritto dell’individuo e della collettività, […]
Embodiement e Avatar, l’anoressia si studia con la realtà virtuale immersiva
Lo studio pubblicato su Journal of Clinical Medicine è stato condotto da un team di ricerca della Sapienza e della Fondazione Santa Lucia IRCCS. L’obiettivo è integrare tecnologie innovative nei futuri percorsi psicoterapeutici
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
A gennaio il primo laboratorio di idee sulla formazione medica promosso dal PD
Il laboratorio ospiterà politici ed esperti della Formazione Medica, interverranno componenti del Governo, Parlamentari e altre Istituzioni e associazioni che si occupano da anni della tematica in prima linea
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...