Politica 22 gennaio 2019

Disturbi alimentari, Caterina Bini (Pd): «Sono seconda causa di morte fra i giovani. Serve introdurre reato d’istigazione al suicidio»

Due proposte di legge bipartisan sui DCA sono in corso di esame in Commissione igiene e Sanità del Senato. «Inneggiate pratiche pericolose, è necessario intervenire», così Caterina Bini, senatrice Pd e Vicepresidente della Commissione parlamentare dell’infanzia e dell’adolescenza

di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Immagine articolo

Sono circa 3 milioni le persone in Italia che soffrono di disturbi alimentari. Questo numero allarmante è il frutto di un’indagine recente dell’Osservatorio del Ministero della Salute, che lancia l’allarme sulla pericolosità di queste patologie che colpiscono in prevalenza giovani e giovanissimi. Dietro queste malattie insidiose, in particolare bulimia e anoressia, si cela un mondo brulicante di ‘adepti’ che ‘diffonde la parola’ e incoraggia i giovani – spesso fragili e insicuri – a perseguire alcune abitudini alimentari errate per arrivare a determinati risultati.

Si tratta «d’istigazione al suicidio», commenta Caterina Bini, senatrice Pd, membro della Commissione Sanità del Senato e Vicepresidente della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza. La senatrice, a inizio legislatura, ha presentato un Disegno di legge  – condiviso con il Ddl presentato da Maria Rizzotti, vicepresidente del gruppo di Forza Italia e adottato come testo base – che mira al contrasto dei disturbi alimentari. Entrambi i Ddl vogliono “l’ntroduzione dell’articolo 580-bis del codice penale, concernente il reato di istigazione al ricorso a pratiche alimentari idonee a provocare l’anoressia o la bulimia”, come recita il testo di legge che attende l’approvazione in Commissione Sanità del Senato.

LEGGI ANCHE: SANITA’, RIZZOTTI (FORZA ITALIA): «RIVEDERE SSN SENZA IDEOLOGIE. LOTTA AD ANORESSIA E BULIMIA TRA LE MIE PRIORITA’»

«Questa è una vera emergenza e non ce n’è secondo me la cognizione profonda di quanto questi rappresenti: oggi è la seconda causa di morte fra i giovani dopo gli incidenti stradali, si parla di 3500 morti all’anno, un numero enorme – sottolinea Caterina Bini a Sanità informazione – Per curare questi disturbi coloro che se ne occupano tecnicamente e professionalmente sottolineano che non basta né uno psichiatra, né uno psicologo né un nutrizionista separatamente. È utile che parlino la stessa lingua, che siano in uno stesso centro, che quando il paziente si presenta possano vederlo insieme, valutare insieme la cura che quella persona poi ha le sue specificità, i suoi trattamenti e lavorare con un approccio multidisciplinare, questo è un elemento fondamentale che è scritto nel disegno di legge».

«Stiamo lavorando congiuntamente con la senatrice Rizzotti – prosegue la Bini -, che è firmataria dell’altra proposta di legge (le due sono state abbinate), e da pochi giorni in Commissione abbiamo fissato il termine per la presentazione degli emendamenti al 12 febbraio. Cercheremo di lavorare, questo è l’obiettivo, su emendamenti a firma della Commissione proprio per dare un segno di unità in questo senso».

L’introduzione del reato di istigazione vuole colpire soprattutto quei blog e quei siti che inneggiano a pratiche pro anoressia e bulimia. Negli ultimi vent’anni infatti si sono ampiamente diffusi sul web, portali che promuovono la cosiddetta ‘filosofia” pro Ana (anoressia) e pro Mia (bulimia) che hanno favorito la formazione di vere e proprie sette di giovani che venerano il masochismo alimentare estremo. «L’unica cosa che si può fare è cercare di bloccare questi siti istituendo un reato – sottolinea la senatrice -. Rimane poi il problema di molti ragazze e ragazzi attivi e fautori di questi portali, i primi ad essere malati e bisognosi di aiuto. In questi casi – conclude -, la pena deve essere tramutata in assistenza specifica».

 

Articoli correlati
Disturbi alimentari, la rete Ananke cura la famiglia per guarire il paziente. Zaffiro (psicoterapeuta): «Malattia che si nutre dell’angoscia altrui»
Il progetto, nato un anno fa attraverso una rete territoriale di circa 20 ambulatori, interviene sul paziente e sui familiari con percorsi clinici individualizzati. L’esperto: «Fondamentale la prossimità con il paziente: più si è vicini, più è facile intercettare le richieste di aiuto ed evitare - ha concluso Zaffiro - che il disturbo diventi troppo grave»
di Isabella Faggiano
Spot risarcimento danni, Fnomceo e sindacati chiedono intervento della Grillo. E la Rai sospende la messa in onda
La questione approda in Parlamento: M5S chiede ritiro della pubblicità. Filippo Anelli scrive a Vigilanza Rai: «Stato tuteli SSN». Magi (OMCeO) Roma: «Messaggio che scredita sanità». E intanto partono le denunce...
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Disturbi alimentari, quando l’amore per la danza diventa malattia. Il racconto di Sara Mardegan di ‘Ballando con le stelle’
«Ho visto troppe danzatrici ammalarsi per inseguire una magrezza impossibile. La danza è tra le professioni artistiche più a rischio» l'intervista alla coreografa, ballerina e protagonista del varietà della Rai
di Isabella Faggiano
Instagram: dagli hashtag pro-anoressia al ruolo degli influencer, la guida dello psicologo a genitori e figli
Il dottor Stefano Lagona, psicologo e psicoterapeuta, lancia un vademecum sul controverso rapporto tra il popolare social network e idisturbi alimentari attraverso il corso ECM “I disturbi del comportamento alimentare: inquadramento diagnostico e trattamento”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...