Politica 5 Aprile 2022 11:07

Istigazione all’anoressia, al Senato il ddl della senatrice Rizzotti: «Legge urgente, MEF dia subito una risposta»

Il testo, che viene ripresentato ad ogni legislatura dalla senatrice Maria Rizzotti (Forza Italia) prevede l’introduzione del reato di istigazioni ad anoressia e bulimia e il riconoscimento dei disturbi del comportamento alimentare come malattia sociale. «Istigare qualcuno a non mangiare equivale a istigarlo al suicidio» spiega Rizzotti

di Francesco Torre

Ad ogni inizio legislatura, dal 2009, è uno dei primi disegni di legge ad essere depositato. Non demorde la senatrice azzurra Maria Rizzotti, che da anni si occupa dei problemi legati ai disturbi del comportamento alimentare e in particolare di anoressia e bulimia. Ora, il suo disegno di legge è stato assunto come testo base e potrebbe avere un primo disco verde dalla commissione Sanità di Palazzo Madama. Si tratta di una vera emergenza sanitaria e sociale, che ogni anno costa la vita a 4mila persone: spesso giovani, ma colpiscono anche in età adulta.

Si tratta di un disegno di legge piuttosto articolato, che non prevede solo disposizioni in materia di prevenzione e di cura ma interviene sul codice penale con introduzione dell’articolo 580-bis concernente il reato di istigazione al ricorso a pratiche alimentari idonee a provocare.

In sostanza, l’obiettivo è contrastare la diffusione dei siti «pro Ana» (personificazione dell’anoressia) e «pro Mia» (analogo appellativo utilizzato per la bulimia), tragica moda nata negli Stati Uniti d’America, per il cui tramite milioni di giovanissimi in tutto il mondo attraverso siti, blog e chat, incitano e diffondono comportamenti anoressici e bulimici di origine nervosa. Sotto accusa gli oltre 300mila siti che, in Italia, danno consigli pratici per il perseguimento ossessivo e compulsivo della perdita di peso, ricorrendo a pratiche di restrizione alimentare prolungata, tali da provocare l’anoressia o la bulimia nervosa.

«Ad ogni inizio della legislatura il primo giorno in cui riaprono gli uffici ripresento questo disegno di legge – spiega la senatrice Rizzotti a Sanità Informazione –. All’epoca erano tempi un po’ precoci perché il governo, le istituzioni si rendessero conto di quanto sia grave questa malattia. Abbiamo più di tre milioni e mezzo di persone che ne soffrono, ma il sommerso non è quantificabile».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Telemedicina, Rizzotti (FI): «Ingresso nei LEA ottima notizia, ora serve formazione»
«La telemedicina entra a pieno titolo nel Ssn, rivoluzionando, difatto, le strutture sanitarie. Finalmente il governo ci ha dato ragione, come dire, meglio tardi che mai». Lo dichiara la vicepresidente di Forza Italia Maria Rizzotti. «Un segnale importante per la prevenzione, la diagnosi, il trattamento e il successivo controllo dei pazienti e se da una […]
Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere lo spoil system per premiare il merito. Il futuro passa per la telemedicina»
La spaventosa estensione dell’epidemia che il nostro Paese ha vissuto e vive in questi mesi ha messo sotto accusa il Sistema sanitario nazionale e regionale, senza distinzioni di sorta. Anche coloro che non hanno avuto remore a piegarsi ai diktat di chi impoveriva il sistema sanitario di mezzi e risorse, oggi ha dovuto ammettere che, […]
di Maria Rizzotti, Vice Presidente Gruppo Forza Italia-Berlusconi Presidente-UDC al Senato
Ex specializzandi, presentati nuovi Ddl per accordo transattivo. Rizzotti (FI): «Diritti riconosciuti anche dall’Europa, il vulnus va sanato»
I testi presentati riguardano gli iscritti alle scuole di specialità dal ’78 al ’92 e dal ’93 al 2006: «La sentenza di Genova farà giurisprudenza. Meglio per lo Stato riconoscere subito il giusto risarcimento ai camici bianchi e non pagare ad ogni nuovo giudizio»
Ex specializzandi, Rizzotti (FI): «Presenterò Ddl per risolvere questione. Lo Stato ha moltissimo da farsi perdonare»
L’annuncio della vicepresidente dei senatori di Forza Italia a poche settimane dalla sentenza del Tribunale di Genova, che è stata accolta con entusiasmo dagli apicali della sanità. I commenti di Roberto Monaco (FNOMCeO), Alberto Oliveti (Enpam), Monica Puttini (OMCeO Genova) e Toti Amato (OMCeO Palermo)
“Tieni la Testa sul Collo”, al via la campagna per la diagnosi precoce del tumore maxillo-facciale
In Italia sono circa 104.000 i pazienti che convivono con un tumore testa-collo, una neoplasia che se diagnosticata precocemente ha un tasso di guarigione che va dal 75% al 100%
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali