Politica 30 Agosto 2019

Governo, Boldrini (PD): «Vaccini? Difenderemo Legge Lorenzin»

In attesa di conoscere la nuova squadra dei ministri, un tavolo di lavoro al Nazareno ha messo nero su bianco quali saranno le priorità per la Sanità promosse dal Partito Democratico. L’intervista alla senatrice PD, Paola Boldrini

Maggiori investimenti per il Servizio sanitario nazionale, ma anche più borse per gli specializzandi e difesa della Legge Lorenzin sull’obbligo vaccinale. Il Partito Democratico si prepara a governare mettendo in fila le priorità in campo sanitario. Abbiamo raggiunto telefonicamente la senatrice Paola Boldrini, componente della Commissione Igiene e Sanità che ha fatto il punto sui temi imprescindibili emersi nel tavolo di discussione apertosi al Nazareno.

«Noi abbiamo deciso quello che poi di fatto sono lette come criticità – ha spiegato la senatrice del Partito Democratico -. Non c’è dubbio che il fatto che il Servizio sanitario nazionale vada rafforzato economicamente, perché ha bisogno dopo tanti anni di altri fondi. Addirittura il “Quota 10”, cioè investimenti aggiuntivi nei prossimi tre anni, innanzitutto per cercare di assumere gli operatori sanitari che con Quota 100 svuoteranno il servizio».

«L’altra cosa fondamentale è rivedere i fondi delle borse di studio per gli specializzandi, perché anche questo è un vulnus. Abbiamo preso atto che c’è un imbuto formativo che a fronte di tanti laureati, non ci sono corrispondenti borse di studio. Abbiamo delle grosse necessità e quindi bisogna implementare sicuramente i fondi per il Servizio sanitario nazionale».

«Dopodiché ci sono altre cose che metteremo insieme. Personalmente ho seguito il tema della salute mentale e ci dovrà essere sicuramente una maggiore attenzione e una maggiore applicazione della legge n. 180 (Legge Basaglia). Avevo fatto una proposta di legge che derivava sostanzialmente dai lavori fatti dai gruppi parlamentari che mi hanno preceduta e che hanno messo l’attenzione sul fatto che è un problema sia di salute sia di welfare, perché non può essere che ci sono tutte le famiglie che hanno congiunti con problemi di salute mentale, che abbiano tutto a carico».

LEGGI: TOTOMINISTRI, «BURIONI ALLA SALUTE». LA PROVOCAZIONE DI RENZI CHE NON PIACERÀ AL MOVIMENTO 5 STELLE (MA FORSE A BEPPE GRILLO)

Quello raccontato dalla senatrice Paola Boldrini è un programma molto lontano dai nuovi alleati di governo. Tra tutti il tema vaccini, forse il punto di distanza maggiore tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle. Il segretario PD, Nicola Zingaretti ha chiesto discontinuità, ma ci sarà?
«Lo dicono i dati di ieri dell’Oms sull’urgenza delle vaccinazioni per il morbillo. Anche i colleghi lo hanno riscontrato. Sono morti dei bambini, muoiono anche gli adulti. Il fatto che si è abbandonata l’obbligatorietà negli anni ’90 ha fatto sì che adesso ci siano dei picchi di necessità».

«D’altro canto, la legge Lorenzin prevedeva che ci fosse un monitoraggio a tre anni dalla promulgazione della legge. I tre anni stanno quasi per passare, quindi mi sento di dire che bisogna fare un monitoraggio maggiore e vedere se c’è una necessità o di allentare o di migliorare la copertura vaccinale, ma questo bisogna farlo dopo che tu hai dei documenti che ti possano garantire l’effettivo controllo. L’anagrafe vaccinale non è applicata dappertutto, ci sono regioni come l’Emilia Romagna, ma anche Lombardia e Veneto dove c’è un’anagrafe vaccinale che è corrente: se hai bisogno di dati li trovi immediatamente, poiché è tutto informatizzato. È vero che sono stati erogati i fondi, ma ci sono regioni che si devono mettere al passo».

Difenderete la Legge Lorenzin?
«La difendiamo perché ha prodotto la sua efficacia. La difenderemo fintanto, le ribadisco perché secondo me è importante, non ci sarà il monitoraggio alla scadenza dei tre anni, come previsto. Quindi non abrogarla ma valutarla. Poi ci possono essere dei correttivi. Non a caso questa legge aveva questa clausola, infatti era lungimirante anche per questo. Diceva “adesso c’è bisogno di obbligare, perché così riusciamo ad avere una copertura migliore” e in effetti in tante regioni la copertura è stata migliorata, però veniva anche detto “monitoriamo”, ci diamo un lasso di tempo per vedere che cosa è successo e poi andiamo a valutare se si può per alcune vaccinazioni o meno.

A prescindere poi se il Ministero rimarrà al M5s o andrà a voi, chiederete un passo indietro del ministro della Salute, Giulia Grillo?
«Non mi sento di fare queste affermazioni. Sicuramente su alcune cose come il tema dei vaccini, non ci siamo e anche un altro tema che io non ho condiviso, ma che è nel Decreto Calabria, il fatto di mettere subito al lavoro, perché di lavoro si tratta i medici prima ancora di completare il corso di studi. Ci sono alcune cose che effettivamente abbiamo contrastato e su questo continuiamo a essere in contrasto».

Articoli correlati
Governo, Magi (Omceo Roma): «Bene l’attenzione di Conte sulla sanità, ma serve lo sblocco del turnover»
Intervistato in occasione della fiducia in Senato, il presidente Omceo Roma, Antonio Magi commenta positivamente i programmi per la sanità esposti dal premier Conte e dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Critico sull'utilizzo nei non specializzati in corsia, l'appello: «Non abbassare mai la qualità della professione»
Governo, Sandra Zampa è il nuovo sottosegretario alla Salute
L'ex deputata del Partito Democratico, vicinissima a Romano Prodi, in passato si è occupata di sanità in relazione al suo impegno verso le fasce più deboli. Affiancherà il nuovo viceministro, Pierpaolo Sileri
Autonomie, Collina (PD): «Contrario al progetto, serve omogeneità». Primo nodo sarà il Bilancio
Ottimismo tra i senatori del Partito Democratico per la nomina di Roberto Speranza al Ministero della Salute. «Dobbiamo attendere l’individuazione dei sottosegretari», precisa il vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità, Stefano Collina. Boldrini (PD): «Cosa c’è in agenda? Partiremo dalla Legge di Bilancio»
Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»
Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci...». Parla anche la senatrice Fregolent
Lorenzin: «Da Speranza mi aspetto approccio politico al Ministero della Salute»
Poi l'attacco a Grillo: «I modelli utilizzati fino ad oggi non hanno funzionato». L'intervista all'ex ministro Beatrice Lorenzin di Radio Cusano Campus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali