Politica 3 Novembre 2021 15:51

Gli invalidi parziali che lavorano non avranno più diritto all’assegno di assistenza. L’appello: «Sanare stortura»

CoorDown e Uniamo a Governo e Parlamento: «Intervenire subito per restituire un segnale positivo a favore dell’occupabilità delle persone con disabilità». Il question time di Orlando

di Isabella Faggiano

Assegno mensile di assistenza per gli invalidi parziali e attività lavorativa non sono più compatibili. Chi lavora, a prescindere dal reddito percepito, non avrà più diritto all’assegno di assistenza di 287 euro al mese finora erogato agli invalidi parziali, ovvero a coloro che hanno un’invalidità dal 74 al 99%. La comunicazione diffusa dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale fa seguito ad una sentenza della Corte di Cassazione che ha negato l’assegno mensile di assistenza anche a coloro che non superano il reddito personale di 4.931 euro l’anno.

La voce dei pazienti

La notizia ha suscitato un immediato malcontento da parte degli invalidi parziali. CoorDown (Coordinamento nazionale delle associazioni delle persone con Sindrome di Down) e Uniamo (la Federazione delle Associazioni di Persone con Malattie Rare d’Italia), facendosi portavoce delle loro richieste hanno rivolto un appello al Parlamento ed al Governo, chiedendo di  «intervenire subito per sanare questa stortura a tutela dei più fragili, dei più poveri, dei più esclusi e anche per restituire un segnale positivo a favore dell’occupabilità delle persone con disabilità».

Il tema è stato affrontato oggi in Parlamento nel corso di un’interrogazione rivolta al ministro per le Disabilità e al ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, che si è impegnato per un intervento normativo a breve.

Che cosa cambia e per chi

La “stortura” denunciata dalle associazioni di pazienti è racchiusa nell’interpretazione di un unico concetto, quello di “inattività lavorativa”. «Finora – spiega Carlo Giacobini, consulente CoorDown – era considerato inattivo dal punto di vista lavorativo, e quindi avente i requisiti per beneficiare dell’assegno mensile di assistenza di 287 euro al mese, l’invalido parziale (dal 74 al 99%) che non superava gli 8.145 euro annui derivanti da lavoro dipendente e i 4.800 euro in caso di attività autonoma. In altre parole, l’interpretazione data al concetto di “inattività lavorativa” – fino alla pubblicazione del messaggio INPS – è stata la stessa adottata per l’iscrizione alle liste di collocamento. Ora, invece, l’inattività lavorativa viene considerata come “nessuna attività lavorativa”, neanche minima, che produca reddito. Siamo quindi di fronte ad una interpretazione estremamente restrittiva, che limiterà la possibilità di qualsiasi lavoro o inserimento per le persone con disabilità», sottolinea il consulente.

Il “gioco” vale la candela?

Un cambiamento enorme per la vita di molte persone che produrrà un risparmio minimo per le casse INPS, se paragonato ai fondi necessari per l’assistenza dei disabili totali. «Gli invalidi parziali in Italia – dice il consulente  – sono circa 330 mila». Calcolatrice alla mano, un assegno di 287 euro per tredici mensilità erogato a tutti i disabili parziali produce una spesa che non supera il miliardo e mezzo di euro all’anno. «La spesa per l’assistenza dei disabili parziali è stimata intorno ai 17 miliardi annui – sottolinea Giacobini -. La cifra risparmiata, pur aggiungendo le spese che saranno evitate in eventuali ricorsi per accedere all’assegno non più perseguibili di fronte ad un’inequivocabile interpretazione del concetto di inattività lavorativa, non giustifica l’enorme danno creato alle persone con disabilità parziale e alle loro famiglie. Per questi individui, che spesso svolgono lavori con orari limitati, l’occupazione ha finalità più terapeutiche e socializzanti che di reale sostentamento. Per questo – conclude il consulente – ci auguriamo che il legislatore accolga l’appello lanciato dalle associazione dei pazienti, ripristinando l’interpretazione di “inattività lavorativa” finora utilizzata».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Bonus psicologo: oltre 340mila richieste, ma i fondi ci sono solo per 1 su 10
Boom di richieste per il bonus psicologo, ma solo il 12 per cento riuscirà a ottenerlo. Le risorse disponibili sono infatti insufficienti
Le politiche future per la disabilità, l’appello di FISH per la nuova legislatura
In un documento la FISH chiede politiche e servizi inclusivi, strumenti normativi ed interventi normativi adeguati, il tutto in linea con i principi valoriali della Convenzione Onu sui diritti per le persone con disabilità
Certificato telematico (INPS) di malattia: il medico che emette una prognosi ha l’obbligo di invio. Ecco cosa dice la legge
Caiazza (FIMMG): «Medici ospedalieri, di pronto soccorso, specialisti convenzionati ASL e liberi professionisti non devono demandare l’emissione del certificato telematico (INPS) di malattia al medico di famiglia, che verrebbe indotto a compiere un reato di falso ideologico»
Bonus psicologo, al via alle domande online
Sul sito dell'Inps è possibile inviare la domanda per accedere al bonus psicologo. Bisogna fare presto. La precedenza sarà data a chi ha Isee più basso
Lovegiver: ecco chi è e cosa fa
Maximiliano Ulivieri, nel 2013, ha fondato il Comitato Lovegiver, per promuovere la professione dell’O.E.A.S., l’operatore per l’assistenza emotiva, affettiva e sessuale di persone con disabilità fisico e/o cognitiva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa