Politica 14 marzo 2017

Ex specializzandi, nessuna prescrizione. Consulcesi: «Scatterà il 2 novembre»

I legali del gruppo leader nella tutela degli ex specializzandi spiegano: «La prescrizione scatterà a 10 anni dal Dpcm del 2 novembre 2007. Senza questo atto i due precedenti decreti del 7 marzo e del 6 luglio sarebbero stati inapplicabili». È dunque ancora possibile attivarsi per mantenere il diritto al rimborso attraverso un atto interruttivo o un ricorso

I rimborsi ai medici ex specializzandi sono a rischio prescrizione? Consulcesi Group, realtà leader nella tutela dei camici bianchi e punto di riferimento della classe medica su questa annosa vicenda, fa chiarezza, attraverso il suo Ufficio Legale, sui termini ultimi entro i quali presentare ricorso (o un atto interruttivo) per ottenere un rimborso per la mancata o incompleta retribuzione dei medici che hanno frequentato la scuola di Specializzazione in Medicina tra il 1978 ed il 2006: «La prescrizione scatterà il 2 novembre. È dunque ancora possibile attivarsi per mantenere il diritto al rimborso attraverso un atto interruttivo o un ricorso».

«L’iter legislativo – spiega il legale Sara Saurini, Responsabile del contenzioso per il gruppo Consulcesi – si snoda in tre passaggi fondamentali, scanditi da tre Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DCPM), datati 7 marzo 2007, 6 luglio 2007 e 2 novembre 2007. Il primo Decreto (intitolato “Costo contratto formazione specialistica dei medici”) definisce, appunto, il costo del contratto di formazione specialistica dei medici. Il successivo, quello del 6 luglio 2007 (intitolato Definizione schema tipo del contratto di formazione specialistica dei medici”) stabilisce, invece, lo schema del contratto di formazione specialistica dei medici. Infine il DCPM del 2 novembre (intitolato “Fabbisogno finanziario relativo ai contratti di formazione specialistica dei medici, da assegnare alle Università, per l’a.a. 2006/2007”) delinea il fabbisogno finanziario relativo ai contratti di formazione specialistica dei medici. Senza questi ultimi due provvedimenti, la normativa non sarebbe stata applicabile e, dunque, si tiene in considerazione l’ultimo DPCM del 2 novembre 2007 per il termine prescrizionale».

Sebbene i legali Consulcesi ritengano che in assenza di una norma attuativa, secondo i principi stabiliti dalla Cassazione, i termini di prescrizione non inizino a decorrere, invitano comunque i medici specialisti a tutelarsi. Per farlo è possibile seguire due strade: avviare l’azione legale o produrre un atto interruttivo, ovvero una diffida, nei confronti della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri competenti. Per l’atto interruttivo è necessario, comunque, attivarsi entro il 20 ottobre a causa dei tempi tecnici della presentazione dell’istanza.

«Invitiamo i medici che non lo avessero ancora fatto a non perdere il diritto riconosciuto ormai dai Tribunali di tutta Italia con numerose sentenze e rimborsi in favore dei ricorrenti – afferma Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi Group –. Considerando, appunto, la ravvicinata scadenza della prescrizione ed il protrarsi dei tempi legati al Ddl 2400, ancora in attesa di essere esaminato dalla Commissione Bilancio del Senato, sarebbe una beffa rimanere fuori. Per maggiori informazioni è possibile contattare il sito www.consulcesi.it ed il numero 800.122.777».

Articoli correlati
Aggressioni, choc al Santobono di Napoli. «Operativo un telefono rosso per assistere i medici»
«Prendo la pistola e ti ammazzo», così i genitori di un paziente ricoverato in Pronto soccorso. «Anche stavolta, si tratta di un’aggressione che poteva e doveva essere evitata», lo dichiara Massimo Tortorella, Presidente del Gruppo Consulcesi
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Violenza in corsia, nasce il “Telefono Rosso” per i medici aggrediti
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Il caso della dottoressa di Crotone è solo l’ultimo di una lunga serie di violenze fisiche, verbali e anche sui social network. Con il nuovo servizio supporto umano e legale alle vittime: prossimo passo il Tribunale del Medico da affiancare a quello del Malato»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Innovazione in sanità: al “Malta Blockchain Summit” nasce il futuro della digital identity
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi Tech: «Con la Blockchain si certifica l’identità dei pazienti, del fornitore sanitario e del farmaco, escludendo falsificazioni e frodi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...