Politica 14 Marzo 2017

Ex specializzandi, nessuna prescrizione. Consulcesi: «Scatterà il 2 novembre»

I legali del gruppo leader nella tutela degli ex specializzandi spiegano: «La prescrizione scatterà a 10 anni dal Dpcm del 2 novembre 2007. Senza questo atto i due precedenti decreti del 7 marzo e del 6 luglio sarebbero stati inapplicabili». È dunque ancora possibile attivarsi per mantenere il diritto al rimborso attraverso un atto interruttivo o un ricorso

I rimborsi ai medici ex specializzandi sono a rischio prescrizione? Consulcesi Group, realtà leader nella tutela dei camici bianchi e punto di riferimento della classe medica su questa annosa vicenda, fa chiarezza, attraverso il suo Ufficio Legale, sui termini ultimi entro i quali presentare ricorso (o un atto interruttivo) per ottenere un rimborso per la mancata o incompleta retribuzione dei medici che hanno frequentato la scuola di Specializzazione in Medicina tra il 1978 ed il 2006: «La prescrizione scatterà il 2 novembre. È dunque ancora possibile attivarsi per mantenere il diritto al rimborso attraverso un atto interruttivo o un ricorso».

«L’iter legislativo – spiega il legale Sara Saurini, Responsabile del contenzioso per il gruppo Consulcesi – si snoda in tre passaggi fondamentali, scanditi da tre Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DCPM), datati 7 marzo 2007, 6 luglio 2007 e 2 novembre 2007. Il primo Decreto (intitolato “Costo contratto formazione specialistica dei medici”) definisce, appunto, il costo del contratto di formazione specialistica dei medici. Il successivo, quello del 6 luglio 2007 (intitolato Definizione schema tipo del contratto di formazione specialistica dei medici”) stabilisce, invece, lo schema del contratto di formazione specialistica dei medici. Infine il DCPM del 2 novembre (intitolato “Fabbisogno finanziario relativo ai contratti di formazione specialistica dei medici, da assegnare alle Università, per l’a.a. 2006/2007”) delinea il fabbisogno finanziario relativo ai contratti di formazione specialistica dei medici. Senza questi ultimi due provvedimenti, la normativa non sarebbe stata applicabile e, dunque, si tiene in considerazione l’ultimo DPCM del 2 novembre 2007 per il termine prescrizionale».

Sebbene i legali Consulcesi ritengano che in assenza di una norma attuativa, secondo i principi stabiliti dalla Cassazione, i termini di prescrizione non inizino a decorrere, invitano comunque i medici specialisti a tutelarsi. Per farlo è possibile seguire due strade: avviare l’azione legale o produrre un atto interruttivo, ovvero una diffida, nei confronti della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri competenti. Per l’atto interruttivo è necessario, comunque, attivarsi entro il 20 ottobre a causa dei tempi tecnici della presentazione dell’istanza.

«Invitiamo i medici che non lo avessero ancora fatto a non perdere il diritto riconosciuto ormai dai Tribunali di tutta Italia con numerose sentenze e rimborsi in favore dei ricorrenti – afferma Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi Group –. Considerando, appunto, la ravvicinata scadenza della prescrizione ed il protrarsi dei tempi legati al Ddl 2400, ancora in attesa di essere esaminato dalla Commissione Bilancio del Senato, sarebbe una beffa rimanere fuori. Per maggiori informazioni è possibile contattare il sito www.consulcesi.it ed il numero 800.122.777».

Articoli correlati
A Roma una denuncia penale al giorno per i medici. Accertamenti tecnici preventivi in aumento
Mediazione verso il tramonto. Raffaele La Russa, Professore di Medicina Legale dell’Università La Sapienza di Roma: «Task force Consulcesi&Partners una risposta davvero completa ed affidabile per tutti i professionisti della sanità»
Covid-19: un docufilm ECM anti-psicosi e fake news per medici e pazienti
Progetto gratuito di edutainment promosso da Consulcesi con autorevoli collaborazioni scientifiche e tecnologie più avanzate come la realtà aumentata. Tortorella: «La potenza comunicativa del cinema, combinando divulgazione scientifica al coinvolgimento emotivo, per contrastare il virus e la cattiva informazione»
All’età di 7 anni i primi Tiktoker, lo psichiatra: «Niente psicosi, TikTok aumenta la creatività e i riflessi, ma attenti all’abuso»
I consigli dell’esperto del “Gemelli” David Martinelli nel corso online Ecm di Consulcesi Club sulle dipendenze da internet: «Usate l’app con i vostri figli per evitare la dipendenza. Poi provate ad essere sconnessi per un giorno»
Ex specializzandi, nuova ordinanza della Cassazione sugli immatricolati prima dell’83
La richiesta di una pronuncia delle Sezioni Unite sulla questione nasce da un ricorso Consulcesi. L’avvocato Tortorella (esperto in responsabilità per violazione obblighi comunitari): «Accolto il nostro punto di vista. Buona notizia per chi ha una causa in corso o per chi si appresta a ricorrere»
Coronavirus, è psicosi: corsa alle mascherine e fuga dai ristoranti cinesi. E i medici ‘ripassano’ la lezione Ebola
Tortorella (Consulcesi): «Evitare panico e allarmismi. Creeremo task force per stanare le bufale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...