Politica 21 Marzo 2019

Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito Ddl: medici vogliono giustizia»

Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»

Immagine articolo

«Facciamo passare questo ddl, oppure il governo faccia un suo intervento: è importante fare giustizia rispetto a un tema così importante». Il Senatore Antonio De Poli, Udc, torna sul tema del diritto alla remunerazione degli ex specializzandi e rilancia il disegno di legge di cui è primo firmatario per un accordo transattivo che conterrà i costi del contenzioso di 5 miliardi. Lo fa all’indomani della sentenza della Corte d’Appello di Roma, ottenuta da Consulcesi, che ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici che avevano perso in primo grado, aggiungendo 4 milioni di euro in loro favore. «Non è un fattore strettamente economico – continua De Poli – È rendere giustizia. Io credo che oggi questo sia un incentivo proprio morale e culturale per migliaia di medici che vogliono sentire riconosciuto un proprio percorso professionale».

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, LA CORTE DI APPELLO DI ROMA RICONOSCE ALTRI 119 MILIONI DI EURO E RIBALTA IL PRIMO GRADO PER 172 MEDICI

Senatore, parliamo del tema degli ex specializzandi di cui lei si è occupato essendo tra i firmatari di un disegno di legge per una transazione, che è tornato d’attualità per una recente sentenza di una Corte d’Appello che, ribaltando il giudizio in primo grado, dà ragione ai medici che non erano stati retribuiti durante la specializzazione…

«Una sentenza che mette un po’ di giustizia su questo tema. Si tratta di circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando giustizia. Noi proprio per questo motivo abbiamo presentato, io come primo firmatario, un disegno di legge che va a definire una transazione facendo risparmiare allo Stato circa 5 miliardi di euro: credo che questo sia un modo serio e concreto per combattere la burocrazia, fare giustizia rispetto a un tema così importante in un momento di grande difficoltà dove mancano decine di migliaia di medici, dove non abbiamo medici all’interno dei nostri ospedali, dove non abbiamo infermieri. Quindi io credo che per dare una risposta, un segnale in questo momento a tutti i nostri medici, dobbiamo fare giustizia: diamo queste risposte, facciamo passare questo Ddl, oppure il governo faccia un suo intervento, non è un problema di chi vuole essere il più bello e il più bravo, ma bensì un problema reale e concreto della sanità e della salute dei nostri cittadini. Oggi dobbiamo tenerci i medici che abbiamo, con questo forse riusciamo a tenerli all’interno delle nostre corsie per un po’ più di tempo».

Anche perché non è solo una questione di risparmio del rimborso che viene dato ai medici, sono le sentenze a certificarlo, ma questo ribaltamento di una sentenza di primo grado che fa seguito ad altri casi di questo genere, dimostra anche che le aule giudiziarie, che già sappiamo intasate, vengono impiegate in questa vicenda che ormai anche a livello europeo è stata identificata come un diritto dei medici ad essere risarciti…

«Certamente sì. Come diceva lei, non è un fattore strettamente economico. È rendere giustizia. Io credo che oggi questo sia un incentivo proprio morale e culturale per migliaia di medici che vogliono sentire riconosciuto un proprio percorso professionale e oggi possono dire finalmente: anche lo Stato italiano, la sanità italiana e quindi i cittadini hanno riconosciuto il nostro percorso e forse questo li incentiva a rimanere all’interno della struttura sanitaria e non andar via».

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, 16 MILIARDI A RISCHIO PER LE CASSE DELL’ERARIO. ARRIVA DDL PER ACCORDO TRA GOVERNO E CAMICI BIANCHI

Abbiamo visto recentemente i dati su quota 100 che è un altro provvedimento che incentiva tantissimi dipendenti del Servizio sanitario a scegliere il prepensionamento agevolato da questa norma di legge. Questo può svuotare i servizi sanitari, quindi questa transazione potrebbe garantire un ulteriore risparmio di risorse per la sanità e permettere nuove assunzioni…

«Assolutamente sì. Qui entriamo in un campo importante che è la formazione, il percorso all’interno delle università, il numero chiuso, quindi dobbiamo capire quanto oggi dobbiamo allargare rispetto ad una richiesta importante, quanti incentivi dobbiamo dare alle scuole di specializzazione, anche perché formiamo medici, poi mancano posizioni e molti vanno all’estero perché non ci sono posti a sufficienza. Credo che dobbiamo fermarci con attenzione su questo punto perché la salute è il bene primario per tutti noi e di conseguenza chi ci dà la possibilità di essere curati sarebbe fondamentale che ci sia e ci sia nel migliore dei modi per dare queste risposte».

 

 

 

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Fondazione Italia In Salute: «Nelle regioni dov’è applicata la legge Gelli diminuiscono i contenziosi»
Presentati alla Camera i primi dati sull’applicazione della legge. Federico Gelli: «Quello che ci sembra interessante è l’andamento tendenziale: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini. Questo mi sembra il primo risultato». Dal report emergono diseguaglianze tra regioni
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»
ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve sempre dare il buon esempio. Non può pretendere che i cittadini paghino le tasse e poi quando lui dev’essere pagatore non fa il suo dovere». Poi parla degli incentivi alla formazione medica ECM, che potrebbe rientrare nel nuovo bilancio comunitario 2021-2027: «Fondi e incentivi per l’aggiornamento di tutte le professioni sanitarie. Si potrebbero favorire nelle carriere coloro che hanno fatto corsi di formazione: questo permetterebbe di applicare i risultati dell’innovazione e della ricerca» | VIDEO INTERVISTA
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
Enpam, ad aprile adeguamento pensioni: ecco le cifre. Oliveti: «Sempre attenti al costo crescente della vita»
Ci sarà un incremento di 83 centesimi ogni cento euro per le pensioni lorde sino a € 2.198,82 mensili. Oltre questo limite, l’aumento sarà dello 0,55% (pari al 50% dell’indice), cioè 55 centesimi ogni 100 euro