Politica 21 Marzo 2019

Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito Ddl: medici vogliono giustizia»

Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»

Immagine articolo

«Facciamo passare questo ddl, oppure il governo faccia un suo intervento: è importante fare giustizia rispetto a un tema così importante». Il Senatore Antonio De Poli, Udc, torna sul tema del diritto alla remunerazione degli ex specializzandi e rilancia il disegno di legge di cui è primo firmatario per un accordo transattivo che conterrà i costi del contenzioso di 5 miliardi. Lo fa all’indomani della sentenza della Corte d’Appello di Roma, ottenuta da Consulcesi, che ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici che avevano perso in primo grado, aggiungendo 4 milioni di euro in loro favore. «Non è un fattore strettamente economico – continua De Poli – È rendere giustizia. Io credo che oggi questo sia un incentivo proprio morale e culturale per migliaia di medici che vogliono sentire riconosciuto un proprio percorso professionale».

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, LA CORTE DI APPELLO DI ROMA RICONOSCE ALTRI 119 MILIONI DI EURO E RIBALTA IL PRIMO GRADO PER 172 MEDICI

Senatore, parliamo del tema degli ex specializzandi di cui lei si è occupato essendo tra i firmatari di un disegno di legge per una transazione, che è tornato d’attualità per una recente sentenza di una Corte d’Appello che, ribaltando il giudizio in primo grado, dà ragione ai medici che non erano stati retribuiti durante la specializzazione…

«Una sentenza che mette un po’ di giustizia su questo tema. Si tratta di circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando giustizia. Noi proprio per questo motivo abbiamo presentato, io come primo firmatario, un disegno di legge che va a definire una transazione facendo risparmiare allo Stato circa 5 miliardi di euro: credo che questo sia un modo serio e concreto per combattere la burocrazia, fare giustizia rispetto a un tema così importante in un momento di grande difficoltà dove mancano decine di migliaia di medici, dove non abbiamo medici all’interno dei nostri ospedali, dove non abbiamo infermieri. Quindi io credo che per dare una risposta, un segnale in questo momento a tutti i nostri medici, dobbiamo fare giustizia: diamo queste risposte, facciamo passare questo Ddl, oppure il governo faccia un suo intervento, non è un problema di chi vuole essere il più bello e il più bravo, ma bensì un problema reale e concreto della sanità e della salute dei nostri cittadini. Oggi dobbiamo tenerci i medici che abbiamo, con questo forse riusciamo a tenerli all’interno delle nostre corsie per un po’ più di tempo».

Anche perché non è solo una questione di risparmio del rimborso che viene dato ai medici, sono le sentenze a certificarlo, ma questo ribaltamento di una sentenza di primo grado che fa seguito ad altri casi di questo genere, dimostra anche che le aule giudiziarie, che già sappiamo intasate, vengono impiegate in questa vicenda che ormai anche a livello europeo è stata identificata come un diritto dei medici ad essere risarciti…

«Certamente sì. Come diceva lei, non è un fattore strettamente economico. È rendere giustizia. Io credo che oggi questo sia un incentivo proprio morale e culturale per migliaia di medici che vogliono sentire riconosciuto un proprio percorso professionale e oggi possono dire finalmente: anche lo Stato italiano, la sanità italiana e quindi i cittadini hanno riconosciuto il nostro percorso e forse questo li incentiva a rimanere all’interno della struttura sanitaria e non andar via».

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, 16 MILIARDI A RISCHIO PER LE CASSE DELL’ERARIO. ARRIVA DDL PER ACCORDO TRA GOVERNO E CAMICI BIANCHI

Abbiamo visto recentemente i dati su quota 100 che è un altro provvedimento che incentiva tantissimi dipendenti del Servizio sanitario a scegliere il prepensionamento agevolato da questa norma di legge. Questo può svuotare i servizi sanitari, quindi questa transazione potrebbe garantire un ulteriore risparmio di risorse per la sanità e permettere nuove assunzioni…

«Assolutamente sì. Qui entriamo in un campo importante che è la formazione, il percorso all’interno delle università, il numero chiuso, quindi dobbiamo capire quanto oggi dobbiamo allargare rispetto ad una richiesta importante, quanti incentivi dobbiamo dare alle scuole di specializzazione, anche perché formiamo medici, poi mancano posizioni e molti vanno all’estero perché non ci sono posti a sufficienza. Credo che dobbiamo fermarci con attenzione su questo punto perché la salute è il bene primario per tutti noi e di conseguenza chi ci dà la possibilità di essere curati sarebbe fondamentale che ci sia e ci sia nel migliore dei modi per dare queste risposte».

 

 

 

Articoli correlati
Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»
«Dobbiamo pensare che la buona sanità è un interesse collettivo generale». E sui contenziosi medico-legali: «Si stanno imponendo meccanismi conciliativi e di mediazione, anche se avvocati e giudici sono ancora restii a soluzioni alternative»
Medicina Generale, Sabatini (FIMMG): «Borse dimezzate rispetto a specializzandi. Serve equiparare»
In concomitanza con la sentenza di appello che conferma il diritto degli ex specializzandi alla giusta remunerazione, i medici di famiglia lamentano un borsa di formazione dimezzata rispetto ai colleghi specialisti
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Amsi: «400 medici, 300 infermieri e 150 fisioterapisti richiesti all’Amsi dal 2018 nella Regione Lazio»
«Nel 2025 mancheranno 15 mila medici nella Regione Lazio che è tra le prime in Italia come numero di strutture sanitarie pubbliche e private» così Foad Aodi, presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) con la collaborazione del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, anticipando alcune statistiche importanti e costruttive che saranno presentate durante […]
Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»
L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato al risarcimento perché ha violato la giurisprudenza dell'Unione europea e dell'Italia», sottolinea l’avvocato. La materia è anche oggetto di un Master alla Luiss
Ex specializzandi, lo Stato paga altri 12 milioni di euro a 400 medici. Il Lazio è la Regione più rimborsata
Antonio Magi (Presidente OMCeO Roma): «Importante il lavoro di Consulcesi Group a tutela dei diritti dei medici ex specializzandi. In un momento particolarmente difficile per la professione conforta sapere che ci sono professionisti in grado di far rispettare le leggi e i regolamenti posti in essere in ambito Ue». Andrea Tortorella (AD Consulcesi): «Continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici con nuove soluzioni e servizi esclusivi sulla nostra rinnovata piattaforma web e con l’innovazione della tecnologia Blockchain anche gli operatori sanitari italiani potranno certificare la loro formazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...