Politica 15 gennaio 2018

Elezioni, Campania: per il Pd capolista il pediatra Paolo Siani

Il fratello del cronista del Mattino ucciso dalla camorra nel 1985, primario al Santobono, sarà candidato per i Democratici. Assicura impegno su infanzia, sanità e legalità

di Giovanni Cedrone

Ha provato a resistere ma alla fine il richiamo della politica è stato più forte. Paolo Siani, 62 anni, pediatra e fratello del cronista del Mattino di Napoli Giancarlo, ucciso dalla Camorra nel 1985, sarà uno dei nomi di punta del Pd alle prossime elezioni in Campania. Siani è noto nella città partenopea innanzitutto per il suo impegno medico, essendo stato primario di Pediatria del Cardarelli prima di arrivare al Santobono. Ma anche per il suo impegno anticamorra: è presidente dal 2008 della Fondazione Polis della Regione Campania per le politiche di sicurezza per le vittime innocenti della criminalità organizzata, che svolge interventi per rendere più efficace il riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata e a favore delle vittime di reati.

«Qualcuno si è accorto che in questa Regione non c’è solo schifezza e camorra – ha sottolineato Siani – ma c’è anche chi fa un lavoro straordinario a favore dei bambini e della legalità. Questo è il lavoro che proverò a fare anche lì, se sarò eletto». Nel curriculum di Siani anche la presidenza dell’Associazione Culturale Pediatri che si occupa dello sviluppo della cultura pediatrica e della promozione della salute del bambino.

La scelta ha fatto felice il segretario Pd Matteo Renzi e i vertici campani del partito, che da tempo avevano chiesto a Siani di impegnarsi in politica. Come ha raccontato lo stesso Siani al Mattino, all’inizio gli fu offerta la candidatura – poi rifiutata – a sindaco di Napoli. Le cose cambiarono quando Renzi, non più premier, nel suo tour per l’Italia lo andò a trovare a casa sua, occasione in cui parlarono a lungo delle attività della Fondazioni Polis. Poi l’invito alla Leopolda, anche questo rifiutato, e infine la candidatura in Parlamento. Dapprima respinta, poi invece accettata, dopo l’ennesima sollecitazione di Renzi. Il suo impegno sarà incentrato su infanzia, sanità e legalità.

Vuole lavorare su una nuova proposta di legge sul “sistema integrato sociale e sanitario che preveda interventi nei primi tre anni di vita del bambino”. Intende rilanciare il progetto “Nati per leggere” e incrementarlo nei quartieri a rischio, nei reparti ospedalieri di pediatria e nelle carceri.

Sul fronte della sanità, assicura massimo impegno su due problemi della Campania: l’oncologia pediatrica e l’emigrazione dei pazienti. Siani correrà da indipendente, sia nella quota proporzionale che in un collegio uninominale, forse al Vomero, il suo quartiere, ma ancora non ci sono certezze in merito. «Dopo un anno, se sarò eletto, farò il primo resoconto. Se la mia presenza nel Palazzo della politica non sarà costruttiva e utile per la mia comunità, tornerò a fare il dottore in ospedale, ha chiarito, rivelando anche di aver posto una condizione: “Renzi mi ha assicurato che i nomi in lista saranno migliori del mio. Non ci può essere un nome chiacchierato o farò un passo indietro».

Foto tratta da www.partitodemocratico.it

Articoli correlati
Spot risarcimento danni, Fnomceo e sindacati chiedono intervento della Grillo. E la Rai sospende la messa in onda
La questione approda in Parlamento: M5S chiede ritiro della pubblicità. Filippo Anelli scrive a Vigilanza Rai: «Stato tuteli SSN». Magi (OMCeO) Roma: «Messaggio che scredita sanità». E intanto partono le denunce...
Vaccini, rinviati obbligo e autocertificazione. Tutti i bambini (anche i non vaccinati) accederanno a nidi e scuole infanzia
Emendamento al Decreto proroghe in Commissione Affari Costituzionali. «Deroga messa a punto in attesa della presentazione del Ddl sui vaccini che depositeremo a breve», spiegano Sileri e Taverna (M5S). Ricciardi (ISS): «Atto irresponsabile». PD all’attacco: «Così si torna indietro»
Aggressioni ai medici, il ddl di Michela Rostan (LeU): «Camici bianchi siano pubblici ufficiali per far scattare denuncia d’ufficio»
Tra i firmatari della proposta i deputati Paolo Siani e Federico Conte. Bocciata la richiesta di inasprimento delle pene avanzata dal Ministro Grillo: «Servono pene più certe perché spesso gli episodi non vengono denunciati»
Vaccini, Siani (Pd): «Autocertificazione sia transitoria. Manteniamo obbligo per due anni e poi proviamo a convincere le famiglie»
Il deputato democratico, pediatra, sottolinea: «Norma non può servire ad aggirare obbligatorietà. Fa intendere ai cittadini che sia scelta politica invece non è così»
Senato, la Commissione Sanità al chirurgo Piepaolo Sileri (M5S): «Bisogno salute cittadini non ha colore politico»
Le prime parole del Presidente: «Il paziente sarà al centro dell’attenzione, ma penseremo anche ai sanitari che sono in prima linea con degli stipendi spesso bassi, con dei turni di lavoro massacranti, senza un ricambio generazionale». La Commissione Affari Sociali della Camera alla deputata Cinque Stelle Marialucia Lorefice
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...