Politica 15 Gennaio 2018

Elezioni, Campania: per il Pd capolista il pediatra Paolo Siani

Il fratello del cronista del Mattino ucciso dalla camorra nel 1985, primario al Santobono, sarà candidato per i Democratici. Assicura impegno su infanzia, sanità e legalità

di Giovanni Cedrone

Ha provato a resistere ma alla fine il richiamo della politica è stato più forte. Paolo Siani, 62 anni, pediatra e fratello del cronista del Mattino di Napoli Giancarlo, ucciso dalla Camorra nel 1985, sarà uno dei nomi di punta del Pd alle prossime elezioni in Campania. Siani è noto nella città partenopea innanzitutto per il suo impegno medico, essendo stato primario di Pediatria del Cardarelli prima di arrivare al Santobono. Ma anche per il suo impegno anticamorra: è presidente dal 2008 della Fondazione Polis della Regione Campania per le politiche di sicurezza per le vittime innocenti della criminalità organizzata, che svolge interventi per rendere più efficace il riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata e a favore delle vittime di reati.

«Qualcuno si è accorto che in questa Regione non c’è solo schifezza e camorra – ha sottolineato Siani – ma c’è anche chi fa un lavoro straordinario a favore dei bambini e della legalità. Questo è il lavoro che proverò a fare anche lì, se sarò eletto». Nel curriculum di Siani anche la presidenza dell’Associazione Culturale Pediatri che si occupa dello sviluppo della cultura pediatrica e della promozione della salute del bambino.

La scelta ha fatto felice il segretario Pd Matteo Renzi e i vertici campani del partito, che da tempo avevano chiesto a Siani di impegnarsi in politica. Come ha raccontato lo stesso Siani al Mattino, all’inizio gli fu offerta la candidatura – poi rifiutata – a sindaco di Napoli. Le cose cambiarono quando Renzi, non più premier, nel suo tour per l’Italia lo andò a trovare a casa sua, occasione in cui parlarono a lungo delle attività della Fondazioni Polis. Poi l’invito alla Leopolda, anche questo rifiutato, e infine la candidatura in Parlamento. Dapprima respinta, poi invece accettata, dopo l’ennesima sollecitazione di Renzi. Il suo impegno sarà incentrato su infanzia, sanità e legalità.

Vuole lavorare su una nuova proposta di legge sul “sistema integrato sociale e sanitario che preveda interventi nei primi tre anni di vita del bambino”. Intende rilanciare il progetto “Nati per leggere” e incrementarlo nei quartieri a rischio, nei reparti ospedalieri di pediatria e nelle carceri.

Sul fronte della sanità, assicura massimo impegno su due problemi della Campania: l’oncologia pediatrica e l’emigrazione dei pazienti. Siani correrà da indipendente, sia nella quota proporzionale che in un collegio uninominale, forse al Vomero, il suo quartiere, ma ancora non ci sono certezze in merito. «Dopo un anno, se sarò eletto, farò il primo resoconto. Se la mia presenza nel Palazzo della politica non sarà costruttiva e utile per la mia comunità, tornerò a fare il dottore in ospedale, ha chiarito, rivelando anche di aver posto una condizione: “Renzi mi ha assicurato che i nomi in lista saranno migliori del mio. Non ci può essere un nome chiacchierato o farò un passo indietro».

Foto tratta da www.partitodemocratico.it

Articoli correlati
La pediatria sociale, il Covid, il ricordo del fratello: Paolo Siani traccia il bilancio della sua attività politica ne “Una lucida follia”
«Mi sono accorto di aver dato un contributo tecnico importante in questi due anni, quindi vado avanti nel mio impegno politico» spiega il deputato Pd, che ricorda: «Solo Renzi è riuscito a convincermi a entrare in politica». I proventi del libro saranno devoluti alla Fondazione Pianoterra onlus per finanziare la prima borsa di studio in pediatria sociale
Formazione, PD: «Saremo in piazza con gli specializzandi. Urgente riforma del settore»
Tra le priorità del Partito democratico quella di colmare l'imbuto formativo e rivedere la modalità di selezione dei medici del futuro: «Il test deve diventare una metodica utilizzata per smistare i professionisti nei differenti percorsi di specializzazione, in base al punteggio conseguito e alle loro preferenze, non deve rimanere un metodo di selezione esclusivo»
Boldrini (Pd): «Occorre revisione del Titolo V per maggior controllo dello Stato sulle regioni»
La sanità deve inevitabilmente ripartire dal territorio. È quello che comunque il Dl Rilancio sta cercando di mettere in pratica con l’assunzione di infermieri e medici. Per affrontare il Covid è necessario avere una mappatura delle esigenze del territorio, della presa in carico dei pazienti fin dall’esordio della malattia, che è essenziale. Ma senza dimenticare […]
di Paola Boldrini, Capogruppo Pd Commissione Sanità
Collina (Comm. Sanità): «Usare soldi del MES per accelerare convergenza dei Sistemi sanitari regionali»
Il sistema sanitario è stato messo davanti ad una prova molto impegnativa, inedita. Fino a qualche mese fa, la gestione della sanità era misurata essenzialmente sulla risposta in termini di prevenzione, diagnosi e cura, di patologie conosciute e che aveva portato alla programmazione di investimenti secondo un dimensionamento delle strutture e della spesa che seguiva […]
di Sen. Stefano Collina, Presidente 12ª Commissione Igiene e Sanità
Intramoenia e sviluppo di carriera per professioni sanitarie, Boldrini (Pd): «È il momento giusto»
Coinvolti in primis gli infermieri ma anche ostetriche e professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione, della prevenzione. «La proposta va in sinergia quella sull’infermiere di comunità che è tornata di grande attualità con l’emergenza Covid» spiega la capogruppo Pd in Commissione Sanità. «Non ci deve essere più conflittualità tra le professioni ma una collaborazione messa in pratica da tanti anni negli altri Paesi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...