Politica 19 Settembre 2022 17:25

Elezioni, Gemmato (Fdi): «Le Case di Comunità non bastano, puntare sulla capillarità di MMG e farmacie»

Il responsabile sanità di Fratelli d’Italia Marcello Gemmato rilancia il superamento del test di medicina con l’adozione di una selezione al secondo anno in base ai risultati degli esami. Nel programma di Fdi anche l’istituzione di una commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid

«Vogliamo una commissione d’inchiesta sulla gestione dell’emergenza Covid non per mettere in discussione l’operato degli operatori sanitari, che è stato encomiabile, ma per capire quello che non è andato bene e non ripetere in futuro gli stessi errori». Marcello Gemmato, farmacista, deputato e responsabile sanità di Fratelli d’Italia, illustra al nostro giornale il programma sanità del partito di Giorgia Meloni che tra le priorità chiede di far luce sulla gestione della pandemia.

Il deputato pugliese non si dice convinto della riforma della medicina territoriale impostata dal ministro Speranza: «Le Case di Comunità sono 1350 e sono parametrate all’incirca una ogni 40mila abitanti. Dobbiamo invece sfruttare la capillarità di MMG e farmacie che sono ovunque» spiega Gemmato. Altro punto forte del programma di Fdi è l’abolizione del test di Medicina, posticipando la selezione al secondo anno come nel modello francese: «Il test non è lo strumento idoneo per selezionare i medici: non sono ancorati alla preparazione, nelle domande spesso non c’è legame con le conoscenze scientifiche, ci sono quiz di cultura generale poco attinenti» continua il deputato. Nel programma di Fratelli d’Italia anche l’istituzione di una Autorità Garante della Salute, indipendente e con poteri ispettivi, l’aggiornamento del Piano oncologico nazionale e la possibilità per i medici di base di effettuare un certo numero di prenotazioni urgenti in ospedale e centri diagnostici.

Onorevole, medici e operatori sanitari sono troppo pochi e troppo poco pagati. Cosa si può fare per risolvere il problema della carenza?

«Per superare la carenza dei medici bisogna porre rimedio a quello che è stato il numero programmato che in realtà, non è stato affatto programmato bene dato che vi è una crisi numerica di medici e operatori sanitari. Nella proposta di Fratelli d’Italia noi chiediamo, oltre ad aumentare il numero dei posti a medicina, di cancellare il test di accesso alle facoltà scientifiche del primo anno e, come avviene con il modello francese, fare una selezione al secondo anno. Si frequenta l’università, se si superano gli esami si passa al secondo anno, diversamente si viene esclusi. Il test non è lo strumento idoneo per selezionare i medici: non sono ancorati alla preparazione, nelle domande spesso non c’è legame con le conoscenze scientifiche, ci sono quiz di cultura generale poco attinenti. Questo porta a far accedere alle facoltà mediche persone che poi abbandonano durante il percorso. Facciamola la selezione, ma al secondo anno».

Nel vostro programma c’è la creazione di una commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid. Cosa non vi ha convinto?

«La gestione del Covid ha molti punti di ombra. Voglio ricordare che insieme al collega Galeazzo Bignami siamo stati costretti a portare in tribunale il ministro Speranza per far produrre il piano pandemico e abbiamo scoperto che il piano pandemico non esisteva. Sull’acquisto delle mascherine ci sono state altre mancanze. Non è una commissione per colpire la classe medica, i professionisti che hanno svolto puntualmente e fino in fondo, anche con l’estremo sacrificio, il loro dovere. Serve a fare chiarezza su tutta una serie di storture, su tutta una serie di criticità, sulla mancanza della sanità territoriale, anche sui limiti strutturali della nostra sanità che se non mettiamo in luce oggi corriamo il rischio di ripetere domani».

Che ruolo possono giocare le farmacie nella nuova visione della medicina territoriale?

«Secondo me un ruolo straordinario. Insieme ai medici di medicina generale, sono quel presidio sul territorio diffuso, capillare. Penso soprattutto alle farmacie rurali che insistono su piccole comunità di ottocento, mille abitanti. Lì non vi è sanità territoriale, ci sono le farmacie. L’idea è quella di sfruttare la capillarità, la cosiddetta ‘pianta organica’, che pone le farmacie distanti una 200 metri dall’altra, presenti sia nel centro delle grandi città che nelle periferie. Con i soldi del PNRR, l’ammodernamento tecnologico, la telemedicina che potrebbe essere messa a disposizione delle farmacie e degli studi dei MMG potremmo avere una sanità di prossimità migliore rispetto a quella immaginata con le Case di Comunità che sono 1350 e sono parametrate all’incirca una ogni 40mila abitanti. Pensate a una zona montana: mettere insieme 40mila abitanti significa mettere insieme 30 o 40 comuni. Invece le farmacie e i medici MMG ci sono: sfruttare queste professionalità è il miglior modo per far funzionare la sanità territoriale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...