Politica 19 Settembre 2022 17:25

Elezioni, Gemmato (Fdi): «Le Case di Comunità non bastano, puntare sulla capillarità di MMG e farmacie»

Il responsabile sanità di Fratelli d’Italia Marcello Gemmato rilancia il superamento del test di medicina con l’adozione di una selezione al secondo anno in base ai risultati degli esami. Nel programma di Fdi anche l’istituzione di una commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid

di Francesco Torre

«Vogliamo una commissione d’inchiesta sulla gestione dell’emergenza Covid non per mettere in discussione l’operato degli operatori sanitari, che è stato encomiabile, ma per capire quello che non è andato bene e non ripetere in futuro gli stessi errori». Marcello Gemmato, farmacista, deputato e responsabile sanità di Fratelli d’Italia, illustra al nostro giornale il programma sanità del partito di Giorgia Meloni che tra le priorità chiede di far luce sulla gestione della pandemia.

Il deputato pugliese non si dice convinto della riforma della medicina territoriale impostata dal ministro Speranza: «Le Case di Comunità sono 1350 e sono parametrate all’incirca una ogni 40mila abitanti. Dobbiamo invece sfruttare la capillarità di MMG e farmacie che sono ovunque» spiega Gemmato. Altro punto forte del programma di Fdi è l’abolizione del test di Medicina, posticipando la selezione al secondo anno come nel modello francese: «Il test non è lo strumento idoneo per selezionare i medici: non sono ancorati alla preparazione, nelle domande spesso non c’è legame con le conoscenze scientifiche, ci sono quiz di cultura generale poco attinenti» continua il deputato. Nel programma di Fratelli d’Italia anche l’istituzione di una Autorità Garante della Salute, indipendente e con poteri ispettivi, l’aggiornamento del Piano oncologico nazionale e la possibilità per i medici di base di effettuare un certo numero di prenotazioni urgenti in ospedale e centri diagnostici.

Onorevole, medici e operatori sanitari sono troppo pochi e troppo poco pagati. Cosa si può fare per risolvere il problema della carenza?

«Per superare la carenza dei medici bisogna porre rimedio a quello che è stato il numero programmato che in realtà, non è stato affatto programmato bene dato che vi è una crisi numerica di medici e operatori sanitari. Nella proposta di Fratelli d’Italia noi chiediamo, oltre ad aumentare il numero dei posti a medicina, di cancellare il test di accesso alle facoltà scientifiche del primo anno e, come avviene con il modello francese, fare una selezione al secondo anno. Si frequenta l’università, se si superano gli esami si passa al secondo anno, diversamente si viene esclusi. Il test non è lo strumento idoneo per selezionare i medici: non sono ancorati alla preparazione, nelle domande spesso non c’è legame con le conoscenze scientifiche, ci sono quiz di cultura generale poco attinenti. Questo porta a far accedere alle facoltà mediche persone che poi abbandonano durante il percorso. Facciamola la selezione, ma al secondo anno».

Nel vostro programma c’è la creazione di una commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid. Cosa non vi ha convinto?

«La gestione del Covid ha molti punti di ombra. Voglio ricordare che insieme al collega Galeazzo Bignami siamo stati costretti a portare in tribunale il ministro Speranza per far produrre il piano pandemico e abbiamo scoperto che il piano pandemico non esisteva. Sull’acquisto delle mascherine ci sono state altre mancanze. Non è una commissione per colpire la classe medica, i professionisti che hanno svolto puntualmente e fino in fondo, anche con l’estremo sacrificio, il loro dovere. Serve a fare chiarezza su tutta una serie di storture, su tutta una serie di criticità, sulla mancanza della sanità territoriale, anche sui limiti strutturali della nostra sanità che se non mettiamo in luce oggi corriamo il rischio di ripetere domani».

Che ruolo possono giocare le farmacie nella nuova visione della medicina territoriale?

«Secondo me un ruolo straordinario. Insieme ai medici di medicina generale, sono quel presidio sul territorio diffuso, capillare. Penso soprattutto alle farmacie rurali che insistono su piccole comunità di ottocento, mille abitanti. Lì non vi è sanità territoriale, ci sono le farmacie. L’idea è quella di sfruttare la capillarità, la cosiddetta ‘pianta organica’, che pone le farmacie distanti una 200 metri dall’altra, presenti sia nel centro delle grandi città che nelle periferie. Con i soldi del PNRR, l’ammodernamento tecnologico, la telemedicina che potrebbe essere messa a disposizione delle farmacie e degli studi dei MMG potremmo avere una sanità di prossimità migliore rispetto a quella immaginata con le Case di Comunità che sono 1350 e sono parametrate all’incirca una ogni 40mila abitanti. Pensate a una zona montana: mettere insieme 40mila abitanti significa mettere insieme 30 o 40 comuni. Invece le farmacie e i medici MMG ci sono: sfruttare queste professionalità è il miglior modo per far funzionare la sanità territoriale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Parlamento, scatta il countdown per la XIX Legislatura. Camera e Senato si riuniranno il 13 ottobre
Il risulta elettorale chiaro, con una ampia maggioranza sia alla Camera che al Senato per il centrodestra, permetterà di accorciare i tempi. Dopo l’elezione dei presidenti delle Camere partono le consultazioni del Capo dello Stato
di Francesco Torre
Elezioni, maggioranza al centrodestra e Meloni verso Palazzo Chigi. Ecco il programma sanità della coalizione
Oltre il 44% per il centrodestra, con Fdi primo partito al 26,15. Staccato il centrosinistra al 26,3%, M5S regge con il 15,5%. Tra le proposte di Fratelli d’Italia una commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid e la creazione di una Autorità Garante della Salute. Cambiamenti attesi anche per la riforma della sanità territoriale
di Francesco Torre
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Appello di Cittadinanzattiva ai Governatori: «In Conferenza Stato-Regioni approvate il Decreto Tariffe»
«Non è più tempo di indugi, né di giochi al rimpiattino: ai cittadini siano concessi i Livelli essenziali di assistenza fermi al 2017»
Tre anni da Ministro della Salute, il bilancio di Roberto Speranza
Dal PNRR alla formazione continua, dalle esigenze del personale sanitario alla riforma del Numero chiuso. Alla vigilia delle elezioni, il quadro generale del Ministro uscente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi