Politica 14 Gennaio 2020

Elezioni Emilia-Romagna, Bonaccini punta sulla sanità: «Riapriremo i punti nascita in montagna»

Lo scontro elettorale si sposta sui servizi sanitari regionali. Il governatore uscente annuncia una nuova politica sui punti nascita e maggiori stanziamenti per i caregiver. Critiche sono arrivate dalla candidata della Lega, Lucia Borgonzoni

Immagine articolo

«Riapriremo i punti nascita in montagna». Lo ha annunciato il presidente uscente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini che in questi ultimi giorni tenta la carta della sanità per attrarre i suoi elettori in vista dell’appuntamento elettorale del prossimo 26 gennaio. Tra le promesse elettorali in ambito sanitario anche una maggiore attenzione al ruolo dei caregiver. «Nelle scorse settimane in Giunta abbiamo approvato uno specifico provvedimento, che stanzia 7 milioni di euro per avviare iniziative personalizzate di supporto verso chi assiste nei bisogni di sollievo e cura, rendendole omogenee su tutto il territorio regionale», ha ricordato il presidente ricandidato.

La proposta è stata accolta positivamente dallo stesso ministro della Salute, Roberto Speranza che sottolinea come «sia arrivato il momento di invertire la tendenza al taglio e all’accentramento dei servizi sanitari, di come sia necessario agire a difesa degli operatori sanitari, favorire l’aumento dei medici di base e riaprire i punti nascita». Proprio il Patto della Salute permetterebbe di raggiungere l’obiettivo. «Il ministro Speranza, nella scrittura del Patto per la salute approvato di recente, – spiega Bonaccini – ha introdotto alla scheda 15 la revisione del decreto ministeriale 70. Confido così che potremo riaprire i punti nascita in montagna, perché’ mi aspetto che rivedendo quel provvedimento si andranno a revisionare i parametri nei punti periferici, a partire dalla montagna. Si rivedrà ciò che rendeva prima impossibile mantenerli aperti». Non solo: «Addirittura, con un’altra misura presa da questo Governo, potremo aumentare la dotazione di personale senza dover guardare a tetti e limiti di spesa, noi che abbiamo bilanci sani in ognuna delle 14 aziende sanitarie e che siamo una delle tre Regioni meno indebitate d’Italia», rivendica il governatore uscente.

LEGGI: INFLUENZA, PER I NEONATI È PRIMA CAUSA DI OSPEDALIZZAZIONE. WAIDID: «VACCINO UNICO STRUMENTO DI PREVENZIONE»

Non è tardata ad arrivare la risposta della candidata leghista Lucia Borgonzoni. «Bonaccini la smetta con la demagogia. Quando sono stati chiusi i punti nascita, la scelta è stata da lui magnificata. Se poi sotto elezioni si sveglia, è un altro discorso», ha dichiarato la candidata leghista alla presidenza della Regione Emilia-Romagna. Secondo Borgonzoni, però, Bonaccini dovrebbe chiedere invece «scusa alle tante donne che ha reso mamme di serie B, costringendole a partorire in ambulanza. Se i sondaggi vanno male al Pd, questo non lo giustifica nel prendere in giro i cittadini, soprattutto i cittadini della montagna, a cui per anni il suo partito ha negato servizi, sanità e presidi, mettendo a rischio anche tante mamme».

Critiche arrivano anche dal centrodestra. «Cinque anni di completo immobilismo sul tema per poi svegliarsi oggi, a due settimane dal voto, per la paura di perdere i voti della montagna – attacca Anna Maria Bernini, capogruppo di Forza Italia in Senato – a Bonaccini diciamo basta incolpare sistematicamente Berlusconi per una norma del 2011, frutto di un accordo con la Conferenza Stato-Regioni presieduta da Vasco Errani». Secondo Bernini, in realtà, «la Regione aveva tutti gli strumenti normativi per tenere in vita i punti nascita, motivando adeguatamente la richiesta di deroga. Ma in questi anni non ha mai ascoltato le ragioni dei comitati».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Arrivi extra Schengen: l’Italia mantiene l’isolamento fiduciario
L'ordinanza del 30 giugno firmata da Speranza resta sulla linea prudenziale con i Paesi extra Schengen
FNOPO incontra Speranza: «Implementare modelli di ostetrica di famiglia e di comunità»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica: «L'obiettivo è migliorare la presa in carico delle donne sul territorio e in ospedale»
Il Policlinico Sant’Orsola diventa IRCCS. Il via libera dalla Conferenza Stato-Regioni
«Il Policlinico Sant’Orsola, insieme a due unità operative dell’Ospedale Maggiore di Bologna, Chirurgia toracica e Chirurgia A e d’urgenza, diventa IRCCS, il primo Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico interaziendale dell’Emilia-Romagna, coinvolgendo sia l’Azienda Ospedaliero-Universitaria che l’Azienda Usl: il via libera è arrivato oggi a Roma dalla Conferenza Stato-Regioni». Lo rende noto la […]
Covid-19, Speranza ai medici: «Se le istituzioni hanno retto è anche grazie a voi. Ora disegniamo insieme la sanità del futuro»
«I cittadini ora sanno che il SSN è la cosa più importante che abbiamo. Il Paese si stringa a coorte e investa in una riforma profonda»
Vaccino Covid-19, Speranza: «Prime dosi entro fine anno»
L'annuncio del ministro della Salute su Facebook: «Insieme a Germania, Francia e Olanda, ho sottoscritto un contratto con Astrazeneca per l’approvvigionamento di 400 milioni di dosi di vaccino da destinare a tutta la popolazione europea»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...