Politica 14 Gennaio 2020

Elezioni Emilia-Romagna, Bonaccini punta sulla sanità: «Riapriremo i punti nascita in montagna»

Lo scontro elettorale si sposta sui servizi sanitari regionali. Il governatore uscente annuncia una nuova politica sui punti nascita e maggiori stanziamenti per i caregiver. Critiche sono arrivate dalla candidata della Lega, Lucia Borgonzoni

Immagine articolo

«Riapriremo i punti nascita in montagna». Lo ha annunciato il presidente uscente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini che in questi ultimi giorni tenta la carta della sanità per attrarre i suoi elettori in vista dell’appuntamento elettorale del prossimo 26 gennaio. Tra le promesse elettorali in ambito sanitario anche una maggiore attenzione al ruolo dei caregiver. «Nelle scorse settimane in Giunta abbiamo approvato uno specifico provvedimento, che stanzia 7 milioni di euro per avviare iniziative personalizzate di supporto verso chi assiste nei bisogni di sollievo e cura, rendendole omogenee su tutto il territorio regionale», ha ricordato il presidente ricandidato.

La proposta è stata accolta positivamente dallo stesso ministro della Salute, Roberto Speranza che sottolinea come «sia arrivato il momento di invertire la tendenza al taglio e all’accentramento dei servizi sanitari, di come sia necessario agire a difesa degli operatori sanitari, favorire l’aumento dei medici di base e riaprire i punti nascita». Proprio il Patto della Salute permetterebbe di raggiungere l’obiettivo. «Il ministro Speranza, nella scrittura del Patto per la salute approvato di recente, – spiega Bonaccini – ha introdotto alla scheda 15 la revisione del decreto ministeriale 70. Confido così che potremo riaprire i punti nascita in montagna, perché’ mi aspetto che rivedendo quel provvedimento si andranno a revisionare i parametri nei punti periferici, a partire dalla montagna. Si rivedrà ciò che rendeva prima impossibile mantenerli aperti». Non solo: «Addirittura, con un’altra misura presa da questo Governo, potremo aumentare la dotazione di personale senza dover guardare a tetti e limiti di spesa, noi che abbiamo bilanci sani in ognuna delle 14 aziende sanitarie e che siamo una delle tre Regioni meno indebitate d’Italia», rivendica il governatore uscente.

LEGGI: INFLUENZA, PER I NEONATI È PRIMA CAUSA DI OSPEDALIZZAZIONE. WAIDID: «VACCINO UNICO STRUMENTO DI PREVENZIONE»

Non è tardata ad arrivare la risposta della candidata leghista Lucia Borgonzoni. «Bonaccini la smetta con la demagogia. Quando sono stati chiusi i punti nascita, la scelta è stata da lui magnificata. Se poi sotto elezioni si sveglia, è un altro discorso», ha dichiarato la candidata leghista alla presidenza della Regione Emilia-Romagna. Secondo Borgonzoni, però, Bonaccini dovrebbe chiedere invece «scusa alle tante donne che ha reso mamme di serie B, costringendole a partorire in ambulanza. Se i sondaggi vanno male al Pd, questo non lo giustifica nel prendere in giro i cittadini, soprattutto i cittadini della montagna, a cui per anni il suo partito ha negato servizi, sanità e presidi, mettendo a rischio anche tante mamme».

Critiche arrivano anche dal centrodestra. «Cinque anni di completo immobilismo sul tema per poi svegliarsi oggi, a due settimane dal voto, per la paura di perdere i voti della montagna – attacca Anna Maria Bernini, capogruppo di Forza Italia in Senato – a Bonaccini diciamo basta incolpare sistematicamente Berlusconi per una norma del 2011, frutto di un accordo con la Conferenza Stato-Regioni presieduta da Vasco Errani». Secondo Bernini, in realtà, «la Regione aveva tutti gli strumenti normativi per tenere in vita i punti nascita, motivando adeguatamente la richiesta di deroga. Ma in questi anni non ha mai ascoltato le ragioni dei comitati».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sicurezza personale sanitario, sindacati e Speranza firmano Protocollo: «Dpi e tamponi a chi è esposto»
Istituito un ‘Comitato Nazionale’ cui parteciperanno le organizzazioni sindacali per il continuo monitoraggio delle varie situazioni. Nursing Up: «Assurda assenza dei sindacati degli infermieri»
Coronavirus, l’ordinanza di Speranza: chiusi i parchi, sì all’attività motoria vicino casa
Chiusi bar e ristoranti all'interno delle stazioni ferroviarie e delle aree di servizio. Vietato andare nelle seconde case in prossimità del week-end
Coronavirus, ricetta medica via email o con messaggio sul telefono
Il Ministro Speranza: «Un passo avanti tecnologico che rende più efficiente tutto il sistema sanitario nazionale»
Coronavirus, Batani (Nursing Up Emilia Romagna): «Siamo soldati che vanno in guerra con le armi spuntate»
«Le persone che entrano in questi reparti vengono chiusi in una stanza senza niente e senza la possibilità di salutare i familiari. Il picco non è ancora stato raggiunto e l’età media si sta abbassando»
Coronavirus, Di Maio alla stampa estera: «Coinvolto lo 0,089% dei Comuni. Italia sicura per turisti e imprenditori»
Stop a tamponi a pazienti asintomatici. Speranza: «Eseguiti 10mila test, ma non possiamo essere puniti per aver fatto più controlli degli altri Paesi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...