Politica 14 Gennaio 2020

Elezioni Emilia-Romagna, Bonaccini punta sulla sanità: «Riapriremo i punti nascita in montagna»

Lo scontro elettorale si sposta sui servizi sanitari regionali. Il governatore uscente annuncia una nuova politica sui punti nascita e maggiori stanziamenti per i caregiver. Critiche sono arrivate dalla candidata della Lega, Lucia Borgonzoni

Immagine articolo

«Riapriremo i punti nascita in montagna». Lo ha annunciato il presidente uscente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini che in questi ultimi giorni tenta la carta della sanità per attrarre i suoi elettori in vista dell’appuntamento elettorale del prossimo 26 gennaio. Tra le promesse elettorali in ambito sanitario anche una maggiore attenzione al ruolo dei caregiver. «Nelle scorse settimane in Giunta abbiamo approvato uno specifico provvedimento, che stanzia 7 milioni di euro per avviare iniziative personalizzate di supporto verso chi assiste nei bisogni di sollievo e cura, rendendole omogenee su tutto il territorio regionale», ha ricordato il presidente ricandidato.

La proposta è stata accolta positivamente dallo stesso ministro della Salute, Roberto Speranza che sottolinea come «sia arrivato il momento di invertire la tendenza al taglio e all’accentramento dei servizi sanitari, di come sia necessario agire a difesa degli operatori sanitari, favorire l’aumento dei medici di base e riaprire i punti nascita». Proprio il Patto della Salute permetterebbe di raggiungere l’obiettivo. «Il ministro Speranza, nella scrittura del Patto per la salute approvato di recente, – spiega Bonaccini – ha introdotto alla scheda 15 la revisione del decreto ministeriale 70. Confido così che potremo riaprire i punti nascita in montagna, perché’ mi aspetto che rivedendo quel provvedimento si andranno a revisionare i parametri nei punti periferici, a partire dalla montagna. Si rivedrà ciò che rendeva prima impossibile mantenerli aperti». Non solo: «Addirittura, con un’altra misura presa da questo Governo, potremo aumentare la dotazione di personale senza dover guardare a tetti e limiti di spesa, noi che abbiamo bilanci sani in ognuna delle 14 aziende sanitarie e che siamo una delle tre Regioni meno indebitate d’Italia», rivendica il governatore uscente.

LEGGI: INFLUENZA, PER I NEONATI È PRIMA CAUSA DI OSPEDALIZZAZIONE. WAIDID: «VACCINO UNICO STRUMENTO DI PREVENZIONE»

Non è tardata ad arrivare la risposta della candidata leghista Lucia Borgonzoni. «Bonaccini la smetta con la demagogia. Quando sono stati chiusi i punti nascita, la scelta è stata da lui magnificata. Se poi sotto elezioni si sveglia, è un altro discorso», ha dichiarato la candidata leghista alla presidenza della Regione Emilia-Romagna. Secondo Borgonzoni, però, Bonaccini dovrebbe chiedere invece «scusa alle tante donne che ha reso mamme di serie B, costringendole a partorire in ambulanza. Se i sondaggi vanno male al Pd, questo non lo giustifica nel prendere in giro i cittadini, soprattutto i cittadini della montagna, a cui per anni il suo partito ha negato servizi, sanità e presidi, mettendo a rischio anche tante mamme».

Critiche arrivano anche dal centrodestra. «Cinque anni di completo immobilismo sul tema per poi svegliarsi oggi, a due settimane dal voto, per la paura di perdere i voti della montagna – attacca Anna Maria Bernini, capogruppo di Forza Italia in Senato – a Bonaccini diciamo basta incolpare sistematicamente Berlusconi per una norma del 2011, frutto di un accordo con la Conferenza Stato-Regioni presieduta da Vasco Errani». Secondo Bernini, in realtà, «la Regione aveva tutti gli strumenti normativi per tenere in vita i punti nascita, motivando adeguatamente la richiesta di deroga. Ma in questi anni non ha mai ascoltato le ragioni dei comitati».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus, Speranza: «Nostro approccio tra i più protettivi, ma serve strategia europea»
Il ministro della Salute in audizione alla Commissione Affari Sociali della Camera ha ricordato tutte le strategie messe in campo per fronteggiare l’epidemia. Per gli italiani bloccati a Wuhan si sta valutando il rimpatrio
Aggressioni e Consulta, al Ministero le prime riunioni. Speranza: «Da febbraio Ddl antiviolenza alla Camera»
Il Ministro ha convocato a Lungotevere Ripa i rappresentanti degli Ordini delle professioni sanitarie: cronicità e riforma della Formazione continua in primo piano. Sul Ddl aggressioni sottolinea: «Se tempi in Parlamento andranno per le lunghe non escludo decreto d’urgenza»
Meno Day Hospital e lungodegenze, nel 2018 gli ospedali italiani alleggeriti dalle cronicità. I dati del Rapporto SDO
Migliora l'appropriatezza e l'efficienza nell'uso delle risorse ospedaliere. Diminuita anche la remunerazione teorica delle prestazioni di ricovero ospedaliero a carico del SSN negli anni 2010-2018
Molise, parla Toma. «Stop tagli, ecco come potenzieremo le strutture. Sui commissariamenti mi dileggiavano ma poi…»
Il Presidente della Regione Molise spiega che si arriverà a una sanità ‘a misura di molisani’: «Potenziamento delle strutture di Campobasso, Isernia e Termoli, mantenimento punti nascita e nosocomio di Agnone come ‘ospedale di area disagiata». Dopo la vittoria alla Consulta sull’incompatibilità Commissario-Presidente al via i tavoli con il Governo
Aggressioni, De Luca: «Videosorveglianza sulle ambulanze». La FIMMG torna a chiedere lo status di pubblico ufficiale
Intanto il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato per giovedì 16 gennaio l'Osservatorio permanente, mentre la FNOMCeO progetta un docufilm per sensibilizzare l'utenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...