Politica 18 Giugno 2019 18:16

Decreto Calabria, la protesta della sanità privata regionale: «A rischio servizi e posti di lavoro»

Critico anche il senatore Giovanni Pittella: «Non credo sinceramente che questo tipo di problemi si risolvono attraverso i commissariamenti»

Decreto Calabria, la protesta della sanità privata regionale: «A rischio servizi e posti di lavoro»

Protestano davanti Montecitorio gli operatori della sanità privata calabrese contro il Decreto Calabria in esame al Senato. Circa 250 lavoratori rappresentati dalle associazioni di categoria Federlab e Anisap hanno denunciato la mancanza dei livelli minimi di assistenza per i cittadini calabresi e il rischio che con la conversione in legge del decreto saranno intaccati i livelli occupazionali delle cliniche convenzionate.

«Esiste una situazione di assoluta e inconcepibile riduzione della sanità – spiega Gennaro Lamberti, presidente nazionale di Federlab Italia – e non solo privata, ma di tutto quanto il diritto alla salute nella regione Calabria. Si sta verificando in Calabria quello che si è verificato in Grecia negli anni passati, stiamo talmente al di sotto della possibilità di ricevere prestazioni sanitarie che le persone decidono di non curarsi».

«Contestiamo prima di tutto il fatto che il Governo si vuole impadronire di un settore importante dell’economia calabrese» denuncia Edoardo Macino, presidente di Anisap Calabria. «Contestiamo il fatto che con questo decreto vengono distrutte le strutture private accreditate. Nel decreto è contenuto anche il dissesto finanziario per la Città Metropolitana di Reggio Calabria e in modo particolare per l’Asp di Reggio Calabria, questo significa la morte di centinaia di strutture in tutta la provincia con la conseguente perdita di posti di lavoro».

LEGGI ANCHE: IL DECRETO CALABRIA ARRIVA IN SENATO, CARLO PALERMO (ANAAO): «SBLOCCO ASSUNZIONI E’ PUNTO IMPORTANTE»

«I cittadini stanno facendo in Calabria, ogni giorno, ore e ore di fila davanti ai laboratori per avere accesso a prestazioni sanitarie del sistema sanitario regionale. Ebbene, – spiega ancora Alessia Bauleo, vicepresidente Federlab – il Governo ha acquistato meno della metà delle prestazioni minime, per cui gli esenti sono costretti quotidianamente a rinunciare a curarsi perché non hanno la possibilità di avere le prestazioni sanitarie a cui hanno diritto. Siamo di fronte ad una costante violazione del diritto alla salute. È chiaro che questo decreto consoliderà questa situazione che ignora completamente i livelli minimi di assistenza e a questo si aggiungerà ovviamente un crollo occupazionale nella regione. Saranno licenziati migliaia di operatori, sarà demolita un’intera rete di strutture accreditate sul territorio regionale, per cui tutta la Calabria nel suo complesso avrà un impoverimento sia di risorse umane sia tecnologiche».

Critico anche il senatore Giovanni Pittella: «Che ci siano problemi nella sanità, nel Mezzogiorno, non solo in Calabria, questo è vero. Però insomma, – commenta l’onorevole –  non credo sinceramente che questo tipo di problemi si risolvono attraverso i commissariamenti. Ma si risolvono attraverso una riflessione seria su quelle che sono le cause e quelli che sono i rimedi di un problema grande, non c’è l’uomo solo al comando che risolve il problema».

Articoli correlati
Green pass bis, malattie rare, medicina territoriale: la settimana in Parlamento
Alla Camera rush finale per il provvedimento che estende il Green pass a scuola, università e trasporti ed estende obbligo vaccinale per i lavoratori delle RSA. In commissione Sanità audizione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome sul tema del potenziamento della medicina del territorio
di Francesco Torre
Dl Green pass, il Senato dà il via libera. Le principali novità
Approvato definitivamente in Senato il Dl del luglio scorso che proroga lo stato di emergenza nazionale e rivede i parametri per il passaggio di colore nelle regioni del Paese. Si potrà ottenere anche con il tampone salivare e i vaccini antinfluenzali potranno essere somministrati anche in farmacia
Green pass 2, eutanasia, malattie rare e riforma dell’emergenza urgenza: la settimana in Parlamento
Dopo il tour de force alla Camera, il Decreto Green pass riceverà il via libero definitivo al Senato, impegnato anche su processo penale e civile. Martedì 14 settembre scadono i termini per la presentazione degli emendamenti al testo unificato sull’eutanasia
di Francesco Torre
Amalia Bruni: «Burocrazia ottusa nemica della ricerca. Ma non cambierei la scelta di restare in Calabria»
I suoi studi sull’Alzheimer hanno dato un grande contributo per capire i meccanismi della malattia. Oggi la corsa per la presidenza della Regione appoggiata da Pd e M5S: «La sanità torni in mano ai calabresi, ripagheremo i debiti»
di Francesco Torre
Parlamento, si riparte dal Dl Green Pass alla Camera. Settembre decisivo per il testo unico sull’eutanasia
Aule ancora ferme, ma la Commissione Affari sociali riparte con il decreto legge che istituisce la certificazione Covid. La prossima settimana informativa del Governo sulla crisi in Afghanistan
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco