Politica 18 Giugno 2019 18:16

Decreto Calabria, la protesta della sanità privata regionale: «A rischio servizi e posti di lavoro»

Critico anche il senatore Giovanni Pittella: «Non credo sinceramente che questo tipo di problemi si risolvono attraverso i commissariamenti»

Decreto Calabria, la protesta della sanità privata regionale: «A rischio servizi e posti di lavoro»

Protestano davanti Montecitorio gli operatori della sanità privata calabrese contro il Decreto Calabria in esame al Senato. Circa 250 lavoratori rappresentati dalle associazioni di categoria Federlab e Anisap hanno denunciato la mancanza dei livelli minimi di assistenza per i cittadini calabresi e il rischio che con la conversione in legge del decreto saranno intaccati i livelli occupazionali delle cliniche convenzionate.

«Esiste una situazione di assoluta e inconcepibile riduzione della sanità – spiega Gennaro Lamberti, presidente nazionale di Federlab Italia – e non solo privata, ma di tutto quanto il diritto alla salute nella regione Calabria. Si sta verificando in Calabria quello che si è verificato in Grecia negli anni passati, stiamo talmente al di sotto della possibilità di ricevere prestazioni sanitarie che le persone decidono di non curarsi».

«Contestiamo prima di tutto il fatto che il Governo si vuole impadronire di un settore importante dell’economia calabrese» denuncia Edoardo Macino, presidente di Anisap Calabria. «Contestiamo il fatto che con questo decreto vengono distrutte le strutture private accreditate. Nel decreto è contenuto anche il dissesto finanziario per la Città Metropolitana di Reggio Calabria e in modo particolare per l’Asp di Reggio Calabria, questo significa la morte di centinaia di strutture in tutta la provincia con la conseguente perdita di posti di lavoro».

LEGGI ANCHE: IL DECRETO CALABRIA ARRIVA IN SENATO, CARLO PALERMO (ANAAO): «SBLOCCO ASSUNZIONI E’ PUNTO IMPORTANTE»

«I cittadini stanno facendo in Calabria, ogni giorno, ore e ore di fila davanti ai laboratori per avere accesso a prestazioni sanitarie del sistema sanitario regionale. Ebbene, – spiega ancora Alessia Bauleo, vicepresidente Federlab – il Governo ha acquistato meno della metà delle prestazioni minime, per cui gli esenti sono costretti quotidianamente a rinunciare a curarsi perché non hanno la possibilità di avere le prestazioni sanitarie a cui hanno diritto. Siamo di fronte ad una costante violazione del diritto alla salute. È chiaro che questo decreto consoliderà questa situazione che ignora completamente i livelli minimi di assistenza e a questo si aggiungerà ovviamente un crollo occupazionale nella regione. Saranno licenziati migliaia di operatori, sarà demolita un’intera rete di strutture accreditate sul territorio regionale, per cui tutta la Calabria nel suo complesso avrà un impoverimento sia di risorse umane sia tecnologiche».

Critico anche il senatore Giovanni Pittella: «Che ci siano problemi nella sanità, nel Mezzogiorno, non solo in Calabria, questo è vero. Però insomma, – commenta l’onorevole –  non credo sinceramente che questo tipo di problemi si risolvono attraverso i commissariamenti. Ma si risolvono attraverso una riflessione seria su quelle che sono le cause e quelli che sono i rimedi di un problema grande, non c’è l’uomo solo al comando che risolve il problema».

Articoli correlati
Dl Aiuti Ter e proroga Decreto Calabria al centro dei lavori parlamentari
In settimana attesa per l’informativa del ministro dell’Interno Piantedosi sui migranti dopo i fatti di Catania. In commissione Sanità e Lavoro anche la proroga della permanenza in carica dei componenti delle commissioni consultive presso l’AIFA
Commissioni: al Senato Zaffini (Fdi) a Sanità e Lavoro, alla Camera Cappellacci (Fi) agli Affari sociali
L’ex governatore della Sardegna è il nome indicato da Forza Italia: «Più forza alla famiglia e al diritto alla salute». Al Senato tocca a Francesco Zaffini: «Le priorità: valorizzazione del personale sanitario e stop alle morti sul lavoro»
Parlamento, attesa per l’elezione dei presidenti di commissione
A Palazzo Madama e Montecitorio il giorno fissato è quello di mercoledì 9 novembre, con orari diversi. Al Senato, Sanità e Lavoro sono state accorpate dopo l’adeguamento del regolamento, alla Camera invariata la XII Affari sociali
La Russa e Fontana ai vertici di Palazzo Madama e Montecitorio. Attesa per l’inizio delle consultazioni al Colle
La scorsa settimana è partita la XIX Legislatura: emergono già le prime crepe nel centrodestra con lo scontro Meloni – Berlusconi. In settimana si votano i capigruppo sia alla Camera che al Senato
di Francesco Torre
Legislatura al via il 13 ottobre con l’elezione dei presidenti di Camera e Senato
L’elezione dei presidenti è passaggio obbligato per l'avvio delle consultazioni al Quirinale propedeutiche alla formazione del nuovo governo. Entro due giorni dalla prima seduta i parlamentari devono dichiarare a che gruppo aderiscono
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa