Politica 13 Luglio 2020 08:29

Ddl ex specializzandi, il senatore Zaffini: «Lo Stato dimostri di essere Stato»

Tra i 28 firmatari dei Disegni di legge che prevedono una soluzione transattiva alla vicenda degli ex specializzandi, il senatore auspica un’approvazione rapida dei testi

«Solleciteremo l’inserimento dei Disegni di legge sugli ex specializzandi nel programma dei lavori del Senato, perché questa è una tematica vecchia che deve essere ripresa in considerazione». Così il senatore Francesco Zaffini parlando dei Ddl 1802 e 1803 che prevedono una soluzione transattiva tra i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico negli anni della scuola di specializzazione e lo Stato. Stato che, a detta di Zaffini, «deve dimostrare di essere Stato e sistemare questa vicenda, che anche in termini economici rischia di costare più cara rispetto alla proposta di accordo».

«I nodi stanno arrivando al pettine nelle aule dei tribunali», continua il senatore riferendosi ai tanti ricorsi presentati dagli ex specializzandi di tutta Italia che si avvicinano alle fasi conclusive del giudizio. «Parliamo di un diritto sacrosanto che verrà riconosciuto dai giudici, se la politica verrà meno al suo compito».

«Il gruppo Fratelli d’Italia è favorevole a questa soluzione – aggiunge il senatore Zaffini – che prevede comunque l’allocazione di risorse. Ma verosimilmente nei prossimi mesi al comparto sanità arriveranno più risorse di quante ne siano mai arrivate. Risorse che, tra le altre cose, dovranno essere utilizzate anche per sistemare la vicenda dei medici ex specializzandi», conclude.

 

Articoli correlati
Azione collettiva medici ex specializzandi. Stato condannato a pagare altri 7 milioni di euro
Il Tribunale di Roma (Sentenza n. 951/2021) accoglie il nuovo ricorso di Consulcesi: riconosciuto il diritto negato ad altri 259 medici per la violazione delle direttive Ue. Massimo Tortorella (presidente Consulcesi): «La pandemia non frena la giustizia. Andremo avanti finché ogni medico non riceverà ciò che gli spetta».
Dal Recovery Plan alle malattie rare, la crisi di governo mette in bilico alcune riforme chiave per la sanità
Il ritorno alle urne, per quanto improbabile, resta sullo sfondo di una crisi di governo dall’esito imprevedibile. Rischiano di saltare riforme chiave della sanità: dalla medicina territoriale all'infermiere di comunità
Vertenza medici ex specializzandi: emendamenti e ODG in Legge di Bilancio
Nel caso venga posta la fiducia, in Aula si chiederà la trasformazione del testo in un Ordine del Giorno arrivando dunque ad un impegno formale del Governo sul tema
Ex specializzandi, 2020 da record. Consulcesi: «31 milioni di euro rimborsati, vittorie raddoppiate rispetto al 2019»
Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «Soddisfatti di aver restituito somme dovute ai nostri medici, soprattutto in questo momento difficile. Ma la questione va risolta con accordo transattivo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...